Proteggi la tua salute dello stomaco durante il digiuno

Il lungo periodo di fame e sete durante il Ramadan colpisce maggiormente lo stomaco. Mangiare velocemente e sbagliare nel mangiare può causare un aumento dei disturbi di stomaco. Specialista del dipartimento di gastroenterologia del Memorial Şişli Hospital. Dott. Koray Tuncer ha fornito informazioni sugli errori stancanti e su cosa fare durante il Ramadan.

Il fast food provoca indigestione

Lunghi periodi di digiuno durante il Ramadan possono causare squilibri nel corpo. Quando arriva il momento della rottura rapida, sii cauto, cauto e lento. Soccombendo alla sensazione di fame, mangiare velocemente e senza masticare provoca problemi digestivi. È molto importante mangiare lentamente per ridurre gli effetti della fame prolungata e per ottenere calorie. Dopo un pasto consumato rapidamente, lo stomaco lavora più duramente del normale per digerire il cibo che viene ingerito senza preparazione in bocca. Inoltre, disturbi di aria, gas e gonfiore ingeriti durante un pasto veloce. Fare pause di 5-10 minuti tra le porzioni può prevenire il verificarsi di problemi.

Non aprire iftar con acqua fredda

Nella stagione calda, la disidratazione a lungo termine del corpo con la fame può influire negativamente non solo sul sistema digestivo, ma anche su altri sistemi del corpo. Bere acqua gradualmente invece di consumarla subito tra iftar e sahur soddisfa il fabbisogno di liquidi durante il giorno. Con l'effetto del calore e della sete per ore, aprire l'iftar con acqua molto fredda può causare gas e indigestione nello stomaco che è vuoto tutto il giorno.

Inizia il pasto con olive o datteri

Rompere il digiuno con cibi fibrosi come olive e datteri sarà una preparazione preliminare in termini di stomaco e intestino. La zuppa da bere in seguito previene gonfiore e stitichezza. Inoltre aprire l'iftar con datteri, olive o zuppa dà la sensazione di sazietà e permette di alzarsi da tavola mangiando di meno.

Evita i cibi grassi

Il consumo di cibi eccessivamente grassi rallenta il lavoro dello stomaco. I cibi grassi che impediscono all'estremità inferiore dello stomaco di rimanere sciolti e lo scarico libero causano problemi come indigestione e gonfiore. Anche nelle persone senza reflusso, i cibi eccessivamente grassi causano disturbi da reflusso. È più importante stare lontano dai cibi grassi poiché la qualità dell'olio utilizzato non può essere conosciuta, specialmente negli iftar tenuti all'aperto.

Non dimenticare di fare esercizio dopo l'iftar

L'assorbimento dei nutrienti la sera e la notte non è buono come durante il giorno. Per questo motivo, l'iftar e il cibo in eccesso possono causare gonfiore e disturbi del sonno. Fare una passeggiata leggera 1-2 ore dopo l'iftar facilita la digestione. L'esercizio dopo il suhoor non è raccomandato in quanto causerà perdita di liquidi ed energia.

Fai uno spuntino dopo l'iftar

Dopo un iftar in cui le porzioni sono ridotte, non si dovrebbe rimanere affamati fino al sahur. I dessert non dovrebbero essere presi con il pasto principale all'iftar, ma dovrebbero essere presi a spuntino 1-1,5 ore dopo il pasto. Fare qualche spuntino a base di noci o frutta è importante sia per lo stomaco che per la velocità di lavoro del metabolismo. Saltare gli spuntini può causare disturbi di stitichezza.

Preferisci il pane amidaceo per il sahur

Il digiuno con cibi consumati solo in iftar senza fare suhoor renderà la persona stanca e non è adatta alla dieta. I piatti della colazione dovrebbero essere preferiti al posto dei cibi pesanti in suhoor. Da preferire il pane amidaceo che non affatica lo stomaco e in grado di fornire carboidrati per tutto il giorno. È importante mangiare cibi ricchi in suhoor. I prodotti integrali possono causare disturbi di gas e gonfiore provocando effetti negativi in ​​alcune persone. È opportuno che le persone il cui pane integrale causa questi disturbi consumino pane di segale o simili. Il punto più importante da considerare in suhoor è andare a letto almeno 1 ora dopo aver mangiato per evitare disturbi da reflusso.

Adatta le tue medicine in base al Ramadan

Le persone che hanno subito un intervento chirurgico allo stomaco o un cancro allo stomaco non dovrebbero digiunare durante il Ramadan. Oltre a questo, coloro che assumono farmaci regolari dovrebbero consultare il proprio medico e regolare le dosi e gli orari dei farmaci in base ai tempi di digiuno. In generale, è più corretto assumere farmaci protettivi gastrici a stomaco vuoto durante il sahur.