Fatti vaccinare per la salute permanente

La prima regola di protezione contro le malattie; Per avere un sistema immunitario sano e forte. Il modo per rafforzare questo sistema, che protegge il nostro corpo da fattori dannosi, è attraverso la vaccinazione. Non bisogna dimenticare che prevenire una malattia prima che si manifesti è più economico, sicuro e meno costoso della diagnosi e del trattamento. Durante la Settimana mondiale dei vaccini, 24-30 aprile 2014, gli esperti del dipartimento delle malattie toraciche dell'ospedale Memorial Ataşehir hanno fornito informazioni sull'effetto protettivo dei vaccini contro le malattie.

Il vaccino è una pratica di salute pubblica

La vaccinazione è uno degli elementi importanti nella protezione della salute pubblica. Il vaccino viene somministrato a persone sane ea rischio al fine di proteggere le persone dalle malattie e dalle sue cattive conseguenze. Con questa forma, il corpo riconosce microbi o tossine che non si danneggiano e sviluppa un metodo di difesa contro di loro. Quindi, quando si incontra il vero microbo, combatte con questo metodo e la persona non contrasta la malattia. La persona vaccinata è ora immune a quella malattia.

Fatti vaccinare per le altre persone e per la tua salute

La vaccinazione è tra gli interventi di sanità pubblica più importanti in termini di prevenzione di malattie e decessi. Con la vaccinazione, la persona non solo protegge la salute di se stessa, ma anche la salute di tutta la sua società. Meno persone sono infettate da malattie infettive, meno è probabile che si verifichi un'epidemia. Per esempio; Il vaiolo, una malattia epidemica dell'epoca, è stato cancellato dal mondo dal 1977 grazie a programmi di vaccinazione di successo.

2-3 milioni di persone sopravvivono ogni anno

Il valore di prevenire la perdita di vite umane non può essere misurato. I vaccini prevengono le malattie infettive e salvano vite. Grazie ai vaccini, 2-3 milioni di persone sopravvivono ogni anno a morti dovute a malattie come la difterite, il tetano, la pertosse e il morbillo. Poiché alcune malattie possono essere più gravi nelle persone con alcune malattie croniche come polmoni, malattie cardiache, insufficienza renale, diabete, specialmente quelle nel gruppo a rischio dovrebbero essere protette dalla vaccinazione.

Alcuni gruppi professionali devono essere vaccinati

Potrebbe esserci un aumento del rischio di malattia per alcuni professionisti. Di questi, è possibile essere protetti dalla vaccinazione. Ad esempio, il personale di laboratorio deve essere vaccinato per l'epatite B. Anche altro personale sanitario che è a stretto contatto con i pazienti, i lavoratori delle case di cura, in particolare quelli che lavorano negli istituti di istruzione prescolare, sono a maggior rischio di malattie respiratorie trasmissibili. A queste persone può essere somministrato il vaccino antinfluenzale, il vaccino contro la polmonite. Quando si viaggia in alcune parti del mondo, potrebbe essere necessario vaccinarsi contro malattie comuni in quella regione.

Chi è allergico alle uova, attenzione!

Consulta il tuo medico per le esigenze di vaccinazione per te o per tuo figlio. Le domande di vaccinazione vengono eseguite in tutti gli ospedali. I vaccini devono essere seguiti secondo il programma di vaccinazione e registrati nella speciale scheda di vaccinazione. Le persone vaccinate devono conservare queste schede di vaccinazione. Poiché le proteine ​​dell'uovo sono utilizzate nella produzione di alcuni vaccini, questi vaccini non devono essere somministrati a soggetti con allergia all'uovo. I vaccini vivi dovrebbero essere evitati anche negli individui immunocompromessi.

Bambini vaccinati, generazioni sane

I bambini devono essere vaccinati non appena sono nati secondo il programma di vaccinazione. Alcuni vaccini nell'infanzia forniscono generazioni più sane per crescere. I vaccini non sono solo per i bambini. Gli adulti dovrebbero anche avere determinati vaccini per aumentare la loro immunità.

Vaccini consigliati per adulti:

  • Vaccino antinfluenzale: si consiglia di somministrarlo ogni anno in autunno.
  • Vaccino contro lo pneumococco: viene somministrato in una singola dose o ogni cinque anni, a seconda del tipo di vaccino.
  • Vaccino contro l'epatite B: vengono somministrate 3 dosi in totale a 0, 1 e 6 mesi.
  • Vaccino contro l'epatite A: vengono applicate in totale 2 dosi.
  • Vaccino antitetanico: si raccomanda una dose di richiamo ogni 10 anni.
  • Vaccino contro la varicella: viene somministrato in 2 dosi in totale.