Un ictus irragionevole può essere causato da un foro cardiaco o da un'aritmia

L'ictus è una delle principali cause di morte e disabilità nel nostro paese e nel mondo. La causa dal 30% al 40% dei casi di ictus non può essere trovata nonostante la ricerca. Risulta che circa il 60% degli ictus di causa sconosciuta, chiamati "ictus criptogeni", sono causati dal cuore. L'ictus a volte si manifesta con sintomi quali perdita improvvisa della vista e della parola, debolezza delle braccia e delle gambe, coinvolgimento incompleto di una metà del corpo, perdita di coscienza; A volte si manifesta sotto forma di episodi a breve termine di impigliamento del linguaggio durante il discorso, incapacità di ricordare le parole, esitazione, perdita temporanea della vista, offuscamento e intorpidimento della lingua. Memorial Ankara Hospital Cardiology Department Head Prof. Dott. Ali Oto ha fornito informazioni sulla relazione tra ictus e cuore.

L'aritmia può causare coaguli, coaguli e ictus.

Nel caso di un disturbo del ritmo chiamato fibrillazione atriale nell'atrio e nel ventricolo, che normalmente si contraggono contemporaneamente, il padiglione auricolare non si contrae, vibra quasi e il sangue nel padiglione auricolare diventa come un'acqua stagnante, si forma un coagulo. Il coagulo parte da lì e il più delle volte va al cervello, che riceve prima il sangue migliore e pulito dal cuore. La relazione tra aritmia, coagulo e ictus è ben nota. Tuttavia, il 60% dei pazienti potrebbe non avere disturbi del ritmo al momento dell'ictus. Tuttavia, può essere possibile rilevare disturbi del ritmo quando il paziente viene seguito a lungo. Per questo, i monitor del ritmo chiamati Holter sono attaccati al paziente per lungo tempo e quindi le informazioni sul ritmo possono essere ottenute analizzando il computer. Recentemente, per rilevare i disturbi del ritmo, vengono utilizzati anche speciali sistemi computerizzati di registrazione del ritmo, che vengono somministrati per via sottocutanea con un iniettore lungo e sottile di 1 cm. Questi sistemi rimangono sotto la pelle per 3 anni e i disturbi del ritmo possono essere valutati con l'aiuto di dispositivi wireless e computer.

Un buco nel cuore può causare un ictus indotto dal cuore

Si possono riscontrare buchi congeniti nel cuore, soprattutto nei pazienti giovani, che devono affrontare ictus cardiaci. A volte può esserci un buco molto grande nella partizione tra i padiglioni auricolari e la persona può subire un ictus in un momento inaspettato. In questo caso, la diagnosi può essere fatta mediante ecocardiografia, cioè mediante esame diretto del cuore con ultrasuoni, o con un metodo in cui il cuore viene visto più da vicino entrando nell'esofago dalla gola. Oltre a questi grandi buchi, ci sono anche buchi non evidenti nel cuore. I bambini non possono respirare nel grembo materno, il sangue dei bambini passa alle loro madri attraverso il cordone ombelicale e, dopo la pulizia nei polmoni della madre, ritorna dal cordone ombelicale al lato sanguigno sporco del bambino. Passa dall'atrio destro all'atrio sinistro; Tuttavia, quando il bambino piange per la prima volta con la nascita, questa partizione si chiude come una tenda. Tuttavia, questa partizione non si chiude completamente in alcune persone e rimane aperta. In questo caso, che si osserva in 1 persona su 3 in giovane età e in 1 persona su 4 in età avanzata, il coagulo a volte può attraversare questo intervallo e raggiungere il cervello.

I moderni metodi di diagnosi e trattamento hanno successo

Se si verifica un coagulo nelle gambe per qualsiasi motivo in persone con un buco invisibile nel cuore; Questi coaguli, che a volte possono essere troppo piccoli per essere visti con l'occhio, possono facilmente passare attraverso questa fessura e andare al cervello quando si tossisce. Non ci sono prove definitive che questa sia la causa dell'ictus, ma quando altre cause vengono eliminate, se c'è una tale apertura nel cuore di un giovane, se c'è una transizione dall'atrio destro all'atrio sinistro se visto attraverso l'esofago, se sono presenti piccole tracce di precedenti coaguli nel cervello nella risonanza magnetica per immagini (MRI), questo spazio è chiuso. Con un metodo semplice, l'anestesia locale viene inserita dall'inguine senza intervento chirurgico, senza aprire il torace, e il paziente viene dimesso dall'ospedale lo stesso giorno. Il paziente utilizza fluidificanti del sangue per i primi 6 mesi e poi il farmaco viene sospeso.

Il rilevamento dell'aritmia è di grande importanza per i pazienti, in questo caso è possibile prevenire la ricorrenza dell'ictus somministrando al paziente anticoagulanti. Se un paziente che utilizza fluidificanti del sangue ha un ictus o sintomi di coagulazione, o se il paziente non può assumere anticoagulanti a causa di sanguinamento o altri effetti collaterali, viene eseguita una procedura diversa. Il 90% dei coaguli si forma nella piccola area chiamata appendice (appendice) nell'atrio. In questi casi, una valvola viene posizionata nella bocca dell'area senza intervento chirurgico entrando dall'inguine, impedendo così al coagulo di passare nel sistema.

Anche i pazienti con pressione sanguigna sono minacciati

Se l'ipertensione viene tenuta sotto controllo con il trattamento, la persona è protetta dagli effetti negativi della pressione sanguigna. Il punto chiave qui è prevenire l'ipertensione e tenere sotto controllo la pressione sanguigna. L'ipertensione è un importante fattore di rischio per le malattie cardiovascolari. La pressione alta improvvisa può causare emorragia cerebrale rompendo il sistema vascolare. Anche l'aritmia chiamata fibrillazione atriale può essere osservata frequentemente nei pazienti con pressione sanguigna alta e a causa di ciò possono verificarsi ictus. Questi pazienti fondamentalmente devono cercare di controllare la loro pressione sanguigna, assumere regolarmente i farmaci dati dal loro medico, non fumare, non ingrassare e seguire una dieta equilibrata. Anche l'esercizio fisico non dovrebbe essere trascurato.

Dopo i 40 anni è richiesto un controllo regolare e continuo della salute del cuore negli uomini e nelle donne dopo i 50 anni. Se la malattia si sviluppa, la frequenza del controllo e le procedure da eseguire cambiano a seconda delle condizioni della malattia. In assenza di malattia, i controlli tra 6 mesi e 1 anno e, se necessario, il controllo dei grassi nel sangue e della glicemia non devono essere interrotti a intervalli regolari.