Modi per calmare il tuo bambino che piange

Il pianto è il primo modo in cui i bambini comunicano con il mondo. Ogni pianto del bambino non indica che ha un problema e non piangere affatto può effettivamente essere un messaggio. Il modo più importante per calmare un bambino che piange costantemente è allattare regolarmente. Gli specialisti del dipartimento per la salute e le malattie infantili del Memorial Ata┼čehir Hospital hanno fornito suggerimenti ai genitori su come calmare i bambini che piangono.

Se il bambino non piange affatto, potrebbe essere un segno di malattia.

Per i bambini, il pianto viene prima di ridere. Un neonato può esprimere ogni suo desiderio piangendo. Ogni pianto del bambino non significa necessariamente che c'è un problema. Sebbene questa situazione preoccupi la famiglia; Da un punto di vista medico, un bambino che non piange significa un bambino che non comunica. Ad esempio, in alcune malattie, il bambino potrebbe non avere nemmeno il potere di piangere. I bambini con ittero neonatale grave sembrano molto ben educati e dormono costantemente. Ciò può ritardare la diagnosi, poiché le famiglie non se ne rendono conto.

Il latte materno calma il bambino

È adatto per bambini di età compresa tra 0 e 6 mesi da nutrire solo con latte materno. In questo periodo, allattare il bambino ogni volta che piange, soprattutto nei primi 3 mesi, calma il bambino e aumenta la produzione di latte materno. L'organizzazione del tempo di allattamento nei bambini allattati al seno non è adatta per i primi 3 mesi. I bambini da 0 a 3 mesi si vedono già come la stessa creatura della madre, cioè non sono consapevoli di essere un individuo diverso. Ritardare il bisogno di nutrimento, cioè non allattare il bambino ogni volta che vuole, crea un effetto fiducioso sul bambino.

Non parlare ad alta voce e in tono aspro con il tuo bambino

I bambini che hanno una sensazione uditiva prima della nascita possono sentire tutto molto chiaramente dopo la nascita. Un bambino che piange dovrebbe assolutamente essere pronunciato in un tono morbido. La voce della madre o del padre avrà un effetto calmante per il bambino come prima era abituato. La musica prenatale rilassa anche i bambini postnatali e li aiuta a sentirsi al sicuro. La televisione e gli schermi dei computer hanno un effetto negativo sui bambini. È necessario tenere i bambini lontani dalla televisione fino all'età di 2 anni, poiché ha effetti negativi sul linguaggio e sul comportamento.

La posizione sdraiata è importante

L'olfatto è evidente anche nei neonati. Quando piange, sentirà l'odore del latte materno quando viene presa tra le braccia e proverà sollievo anche se non ha fame. I bambini si calmano anche quando entrano in contatto con le braccia e le gambe. Disteso in una posizione simile a quella del grembo materno; In altre parole, sdraiarsi a pancia in giù con le braccia e le gambe attirate al corpo in una posizione con la testa di lato le calma. Tuttavia, questo tipo di ospedalizzazione è decisamente sconsigliato di notte. Poiché la "sindrome della morte improvvisa dalla culla" è più comune nei bambini sdraiati a faccia in giù, solo se la madre non dorme durante il giorno ed è in un ambiente per osservare il bambino, lei può deporre il suo bambino in questo modo.

La logica del "run in" è sbagliata

Non è giusto esitare a tenere in braccio i bambini da 0 a 6 mesi quando piangono. Il bambino vuole comunicare piangendo e tenerlo sollevato è il modo più vantaggioso per farlo sentire al sicuro. Negli studi sui bambini che vengono ripresi quando sono irrequieti, è stato osservato che anche il sistema immunitario di questi bambini funziona meglio.

L'aria fresca fa bene al bambino

Trascorrere del tempo all'aperto è rilassante per i bambini di tutte le età. Anche se il bambino è piccolo o non è nato prematuramente, può essere portato fuori dal primo giorno. L'interpretazione di "il bambino non può essere portato fuori per 40 giorni", che è per lo più adottata dalle nonne, non ha alcuna base medica. In molti studi scientifici condotti nei paesi del Nord Europa, il rischio di sviluppare la malattia nei bambini portati all'aria aperta più dalla nascita è risultato essere inferiore rispetto a quelli che non hanno lasciato la casa. Soprattutto i bambini con problemi di sonno dormono meglio in proporzione diretta alla loro permanenza all'aperto. Nei bambini che prendono il sole nelle giornate di sole è migliore la sintesi della vitamina D, che regola il sistema immunitario del bambino e facilita il passaggio al sonno.