Il metodo di congelamento del cancro raggiunge il suo obiettivo 12

La diagnosi e i metodi di trattamento, che svolgono un ruolo attivo nella lotta contro il cancro, hanno dato maggiore importanza al comfort del paziente con i progressi tecnologici negli ultimi anni. Con la tecnica di crioablazione, che è una delle innovazioni più importanti in questo campo al mondo, i tessuti nocivi oi tumori nel corpo vengono congelati e distrutti e il cancro viene colpito al bersaglio. Responsabile del Dipartimento di Radiologia Interventistica del Centro di Oncologia della Memoria, Prof. Dott. Saim Yılmaz ha fornito informazioni sul congelamento del tumore, in altre parole sulla tecnica di crioablazione con ago applicato per la prima volta in Turchia.

È anche usato da masse molto grandi

Nel processo eseguito entrando nel corpo con alcuni aghi speciali, qualsiasi tessuto o tumore nel corpo viene congelato e distrutto. Prima di tutto, un numero appropriato di aghi viene inserito nella massa con le informazioni ottenute da metodi di imaging come ultrasuoni, TC o MRI. Mentre un singolo ago è sufficiente per una massa con un diametro di 1 cm, il numero di aghi aumenta con l'aumentare del diametro del tumore. Nei dispositivi di crioablazione utilizzati oggi, è possibile inserire nel corpo 20-25 aghi. Questi vengono azionati contemporaneamente e possono quindi essere distrutti applicando un freddo estremo a masse molto grandi.

Il freddo può essere applicato al tumore fino a -80 gradi.

Nella tecnica di crioablazione, il gas argon viene fatto circolare attraverso gli aghi e questo crea un freddo che va da -20 a -80 gradi dalla punta dell'ago. Questa freddezza distrugge e uccide il tumore o il tessuto patologico. Nel nostro Paese vengono utilizzati principalmente metodi di ablazione a radiofrequenza, microonde e laser, generalmente simili tra loro. Ma la crioablazione è un meccanismo completamente separato e una tecnica con caratteristiche e vantaggi molto distinti. Come con la crioablazione, tutti i metodi di ablazione possono essere applicati più e più volte, poiché distruggono solo il tumore e non danneggiano i tessuti.

Alto successo nei tipi di cancro più pericolosi

La crioablazione può essere utilizzata nei tipi di cancro alle ossa, nonché nei tumori della prostata, dei reni, dei polmoni, del fegato e dei tessuti molli. Sebbene in alcuni casi venga applicato da solo, è un metodo che di solito è combinato con la chemioterapia e la radioterapia. Tuttavia, ci sono situazioni in cui la crioablazione non viene utilizzata. Poiché il processo di congelamento danneggia il tessuto nervoso, non viene utilizzato nel cervello, nel midollo spinale e nelle aree in cui si trovano nervi molto importanti, oppure viene applicato proteggendo il tessuto nervoso con tecniche speciali. Dovrebbe anche essere usato con attenzione nelle zone vicine allo stomaco, all'intestino e alla cistifellea. In questi casi, gli organi critici vengono rimossi inserendo un ago sotto la guida di ultrasuoni o TC e iniettando un gas o un liquido tra queste strutture e il tumore, e quindi la procedura può essere eseguita in sicurezza.

È possibile sbarazzarsi di tumori in 15 minuti

Nel processo di crioablazione, il tumore canceroso si trasforma in una palla di ghiaccio. Quando questa palla di ghiaccio si scioglie, il tumore canceroso scompare. Questo processo richiede una media di 15 minuti. L'anestesia locale è sufficiente per la crioablazione, che è un metodo indolore. Il paziente viene dimesso lo stesso giorno dopo la procedura. In altri metodi, non è possibile capire quale parte del tumore è stata distrutta durante l'ablazione. Ad esempio, un'area bianca indistinta è visibile nell'area di radiofrequenza e di ablazione a microonde, mentre un'immagine sotto forma di una massa di ghiaccio si verifica sugli ultrasuoni in questo metodo. L'intera area all'interno, a partire da 0,5 cm all'interno della massa di ghiaccio, è chiamata zona letale. Il vantaggio più importante della crioablazione è essere sicuri di quanta parte del tumore viene distrutta durante questo processo.