Tipi di vaccini applicati oggi

Al giorno d'oggi, gli effetti collaterali dei vaccini prodotti con tecnologia avanzata sono stati ridotti quasi a zero. Gli effetti collaterali osservati sono dolore, arrossamento e febbre nel sito del vaccino. Questi effetti collaterali sono generalmente a breve termine e non richiedono trattamento. Tutti i vaccini le reazioni sono molto meno importanti e lievi delle gravi conseguenze che si verificano con il verificarsi della malattia. Dal dipartimento di pediatria del Memorial Hospital, Uz. Dott. Hülya Caner dice quanto segue sui benefici dei vaccini e sui tipi di vaccini applicati: "Sebbene alcune situazioni non impediscano la vaccinazione, la vaccinazione viene ritardata con false informazioni. La vaccinazione durante malattie lievi come infezioni del tratto respiratorio superiore con o senza febbre, diarrea, uso di antibiotici, reazioni moderate osservate in precedenti vaccinazioni non ridurrà la sicurezza e l'efficacia di quel vaccino. Un altro problema che deve essere compreso nei vaccini è che l'immunità prevista non è sempre certa, ovvero la persona può essere malata nonostante sia stata vaccinata. Affinché ciò non si verifichi, è necessario conoscere alcune caratteristiche. Ogni vaccino ha una percentuale di protezione che deriva dalle proprie caratteristiche o dalla tecnologia di produzione Alcuni vaccini hanno una protezione del 100%, ma alcuni sono intorno al 60%.

Per ottenere i massimi risultati, i vaccini devono essere somministrati in dosi appropriate, tecniche e condizioni di conservazione appropriate ei vaccini devono essere conservati proteggendo il sistema della catena del freddo dalla produzione alla somministrazione. Anche in questo caso, i vaccini dovrebbero essere effettuati secondo un determinato programma al fine di fornire l'efficacia desiderata. Se il programma di vaccinazione viene interrotto per qualsiasi motivo, dovrebbe essere ripreso dal luogo di residenza, non è necessario vaccinare di nuovo. per continuare dal posto rimanente Oltre a difterite pertosse, tetano, poliomielite, tubercolosi e morbillo, morbillo, parotite ed epatite B, che sono stati utilizzati per anni, HIB, epatite A, varicella, polmonite, vaccini influenzali e vaccini contro la rabbia, che vengono applicati quando necessario , sono i vaccini più comunemente usati. Il vaccino HIB è un vaccino che protegge contro l'infezione che si verifica con il batterio emofilo dell'influenza B, che è comune nei bambini sotto i due anni di età. Questo batterio è la polmonite da meningite, infiammazione dell'orecchio medio, ecc. Anche se la meningite causata da HIB viene trattata nel modo più appropriato, può causare fino al 30% di invalidità e il 10% di morte.

Poiché la malattia è più comune nei bambini di età inferiore a due anni e ha un decorso grave in questi bambini il cui sistema immunitario non è ancora rafforzato, ai bambini, compresi i neonati prematuri, vengono somministrate tre dosi a intervalli di due mesi a partire dall'età di due mesi. e una dose di promemoria viene somministrata al 18 ° mese Il vaccino HIB è disponibile sotto forma di vaccini a cinque combinazioni singole o quadruple. Il vaccino contro la varicella è raccomandato per bambini e adulti di età superiore a uno che non hanno avuto la malattia e che non sono scomodi da vaccinare. Una singola dose di età compresa tra 1 e 13 anni viene somministrata in due dosi con intervalli di un mese a coloro che hanno più di all'età di 13 anni. La possibilità di trasmissione della malattia è superiore al 90% quando si incontra la persona che ha avuto la varicella. Se il vaccino viene somministrato entro i primi tre giorni (fino a cinque giorni) dall'incontro, la malattia può essere prevenuto o trattato. Il vaccino contro l'epatite A è raccomandato per i bambini di età superiore ai due anni in due dosi con un intervallo di 6-12 mesi, la sua protezione è del 100%. Il vaccino contro la polmonite è un vaccino che protegge dalla polmonite causata da pneumococchi, otite media, infezioni del tratto respiratorio superiore. Viene somministrato in dose singola dopo i due anni e fornisce protezione per cinque anni.

La sua efficacia è del 75-84%, ed è consigliato a tutti i bambini e gli adulti di età superiore ai due anni, e dovrebbe assolutamente essere fatto a persone la cui milza è stata rimossa o il cui sistema immunitario è soppresso. Il vaccino antinfluenzale è un vaccino che dovrebbe essere somministrato ogni anno. Il motivo è che il virus influenzale cambia la sua struttura genetica quasi ogni anno ed emerge come un virus diverso. Può essere applicato a chiunque nel gruppo a rischio per sei mesi. La sua efficacia è tra il 70 e il 90% con la compatibilità con i tipi di virus circolanti e lo stato di salute della persona. Settembre, ottobre e novembre sono il periodo di applicazione più appropriato. Come con qualsiasi prodotto biologico, si possono osservare reazioni allergiche dopo l'applicazione dei vaccini. I vaccini devono essere sempre effettuati in un centro sanitario o sotto il controllo di un medico. "Per informazioni: 444 7 888