L'insonnia e la depressione aumentano il rischio di Alzheimer

Milioni di persone a volte dimenticano nomi, a volte numeri e talvolta compiti durante il giorno. Lo stress e l'intenso traffico di comunicazione esposti a sforzi eccessivi sul vicino centro della memoria del cervello. In questo intenso flusso di informazioni, nuove informazioni, anche se molto importanti, non possono essere registrate e quindi non possono essere apprese. Il cervello non dimentica le vecchie informazioni, ma inizia a non accettare nuove informazioni. Questa situazione è diversa dall'oblio e spesso può essere considerata come l'insorgenza dell'Alzheimer. Prof. Dott. Türker Şahiner ha fornito informazioni sulle cause dell'oblio e su quando ha raggiunto dimensioni pericolose.

Sebbene le persone sperimentino molte dimenticanze durante il giorno, la loro vita quotidiana continua normalmente. La stragrande maggioranza di queste dimenticanze è causata dall'eccessiva densità del vicino centro della memoria chiamato ippocampo. Il compito del vicino centro della memoria è di conservare le nuove informazioni qui per un po 'per decidere se trasferirle o meno nella memoria permanente. Le informazioni trasferite alla memoria permanente possono essere ricordate in seguito. Quando questa regione viene interrotta, le informazioni vengono percepite come nuove e non possono essere apprese ogni volta. Per il suo ruolo, il vicino centro della memoria, l'ippocampo, è uno dei centri più importanti del cervello e il punto preferito del morbo di Alzheimer. L'eccessivo allungamento della capacità dell'ippocampo è diverso; le malattie sono diverse.

L'oblio influisce sulla qualità della vita

Oggetti in luoghi strani e costantemente dimenticati possono fornire informazioni sull'entità dell'oblio. Una persona può dimenticare i propri occhiali da qualche altra parte ogni giorno. Ma se il luogo in cui ha dimenticato gli occhiali è all'interno del frigorifero, allora la situazione è arrivata a una dimensione diversa. Non rendersi conto dell'oblio, negarlo o assumere un atteggiamento impassibile nei confronti dell'oblio inizia a riflettere sulle relazioni sociali. Uno dei risultati più importanti nella demenza chiamata demenza è quanto l'oblio si riflette nella vita sociale e quanto influisce sulla qualità della vita. Inoltre, il fatto che il paziente non sia a conoscenza o neghi questa situazione è una caratteristica importante che lo distingue da altre dimenticanze innocenti.

Il tipo di dimenticanza può essere determinato

I disturbi dell'oblio possono essere visti in persone di tutte le età, ma la fascia di età dai 40 ai 60 anni è il gruppo più colpito. Molte persone che pensano di essere smemorate non sanno in quale reparto andare in ospedale e cosa fare per la dimenticanza. Ogni dimenticanza osservata soprattutto tra i 40 ei 60 anni non è un sintomo del morbo di Alzheimer e il tasso di incidenza del morbo di Alzheimer nel gruppo dei quarantenni è inferiore a uno su mille a meno che non vi siano fattori genetici ad alto rischio. Alcune persone nella fascia di età tra i 40 ei 60 anni dimenticano nomi e numeri, altre hanno problemi emotivi o visivi. Le situazioni che creano un unico tipo di dimenticanza spesso non sono rischiose e determinare il tipo di dimenticanza è molto importante e solo in questo modo si può ridurre l'ansia per la dimenticanza. Si può facilmente dire se la persona ha l'Alzheimer o meno con l'esame della memoria ravvicinata eseguito in ospedale in breve tempo, ma la domanda a cui rispondere è spesso diversa. Il richiedente si interroga su come seguirà la sua dimenticanza e il suo futuro. Oggi, i programmi di monitoraggio delle prestazioni della memoria su Internet sono ancora molto preziosi nella diagnosi precoce. Con programmi di monitoraggio online a lungo termine come BEYNEX, sviluppato in Turchia, viene determinato lo stato di dimenticanza della persona e la situazione viene segnalata alla persona e al medico che segue.

Il sovraccarico di informazioni rende il centro della memoria stanco e pigro

Gli smartphone, che sono diventati una parte indispensabile della vita, presentano molti svantaggi per la salute del cervello. Essere in grado di accedere facilmente a un'informazione da un telefono o tablet non comporta la necessità di ricordare tali informazioni. La memoria ravvicinata, dove si inseriscono troppe informazioni, si stanca troppo e questa informazione non ha alcuna possibilità di ripetersi. In questo caso, il centro della memoria, l'ippocampo, diventa pigro. Anche in questo caso, diventa difficile concentrarsi sul lavoro da fare a causa dello smartphone e dei social media. Questo problema di focalizzazione altera anche la qualità della vita creando stress mentale. Leggere messaggi su uno smartphone mentre si è impegnati con un lavoro allo stesso tempo sono situazioni che mettono a dura prova la memoria. Il tempo di messaggistica delle persone si riduce man mano che i social network si espandono. Guardare i messaggi ogni 30 secondi mentre si fa un lavoro e farlo continuamente durante il giorno è un altro motivo che costringe il vicino centro della memoria.

Ogni informazione ha un carico emotivo

Mentre il cervello registra le informazioni, l'aspetto emotivo e il peso delle informazioni sono importanti. A seconda che l'esperienza sia amara, dolce, piacevole o terribile, le tracce che lascia possono essere facilmente o molto difficili da ricordare. La registrazione delle informazioni da ricordare in realtà avviene con l'istinto dell'organismo di proteggersi in natura. Il cervello registra quell'informazione in modo più potente per essere in grado di ricordare in situazioni rischiose se quell'informazione è importante per lui. Nell'era dell'informazione, le persone sono bombardate da informazioni senza alcuna emozione. Ciò causa difficoltà nella registrazione dei dettagli delle informazioni e difficoltà nel ricordare. Le informazioni che si pensa vengano dimenticate la maggior parte del tempo potrebbero non essere mai state registrate.

La demenza vascolare copre 1/3 di tutta la demenza

Il cervello ha una diga, chiamata anche barriera emato-encefalica. In questa diga, che agisce come un filtro, le cellule cerebrali non lasciano entrare ogni sostanza. Le diete per il cervello sono fondamentalmente le stesse che proteggono il cuore ei vasi sanguigni. Ci sono milioni di vasi sottili che alimentano il cervello umano. L'ostruzione di questi vasi porta con sé una demenza vascolare chiamata demenza vascolare e interrompe anche la barriera emato-encefalica. La demenza vascolare copre 1/3 di tutte le demenze e talvolta sia la demenza vascolare che l'Alzheimer possono manifestarsi insieme. Gli oli utili come gli Omega 3 sono più benefici nel cervello in quanto proteggono le strutture vascolari aumentando la fluidità del sangue.

Il sonno è molto importante per la salute del cervello

Quando la qualità del sonno della persona si deteriora, la morte delle cellule cerebrali avviene più velocemente e il restringimento chiamato atrofia cerebrale accelera. Se una persona con insonnia cronica ha anche geni di rischio di Alzheimer, questo rischio è molto più alto. Lo supporta in tutti gli studi sperimentali. Se troppa privazione del sonno per vari motivi, la quantità di amiloide nel cervello aumenta e danneggia il cervello. La proteina beta amiloide, che causa l'Alzheimer, è prodotta dalle cellule cerebrali, ma deve essere distrutta al termine del suo compito. La pulizia di questa proteina avviene durante il sonno. Il carico di amiloide nel cervello di una persona indica anche il rischio di un futuro morbo di Alzheimer. Se l'insonnia e la depressione si uniscono, aumenta il rischio di Alzheimer. Si è visto che il tasso di contrarre l'Alzheimer è molto alto nelle comunità in cui questa coppia è comune.