Qual è la malattia di Hashimoto, quali sono i suoi sintomi e metodi di trattamento? Guida alla salute - Memoriale

Abbiamo sentito spesso il nome negli ultimi anni. La malattia di HashimotoIl sistema immunitario cerca di distruggere gli anticorpi che danneggiano il corpo come batteri, virus, funghi e parassiti indirizzandoli alla ghiandola tiroidea. La malattia di Hashimoto è una delle principali cause di ipotiroidismo e di molti altri disturbi comuni in tutto il mondo e, sfortunatamente, di solito viene diagnosticata troppo tardi. Memorial Ataşehir Hospital Specialista in endocrinologia e malattie metaboliche Prof. Dott. Erol Bolu ha fornito informazioni sui noduli tiroidei e hashimoto.

Cos'è la malattia di Hashimoto?

Hashimoto, autoimmune della tiroide; In altre parole, è una malattia della tiroide che si verifica quando la persona riconosce il proprio meccanismo di protezione, il tessuto tiroideo come estraneo. Sebbene ciò possa causare un eccesso di ormoni tiroidei, cioè ipertiroidismo, può anche causare insufficienza di ormoni tiroidei nel corso degli anni. La malattia di Hashimoto prende il nome da come fu descritta dallo scienziato giapponese Akira Hashimoto nel 1912.

Nel caso della malattia di Hashimoto, il corpo produce grandi quantità di anticorpi anti-TPO e anticorpi anti-tireoglobulina per distruggere la ghiandola tiroidea. Questi anticorpi si legano alla ghiandola tiroidea e distruggono le cellule tiroidee. Nel frattempo, molte cellule infiammatorie si accumulano nella ghiandola tiroidea. Come risultato dell'infiammazione, le cellule tiroidee vengono distrutte e l'ormone tiroideo inizia a diminuire. La carenza di ormoni si verifica con il restringimento della ghiandola tiroidea. Nel primo periodo, quando il paziente aveva un piccolo gozzo e alti anticorpi anti-TPO nel sangue TSH, T3 e T4 gli ormoni sono normali. Successivamente, man mano che la malattia progredisce nel tempo, lo è inizialmente insufficienza tiroideaDopo questo, si sviluppa una completa insufficienza tiroidea.

Quali sono i sintomi della malattia di Hashimoto?

Non ci sono risultati clinici che indichino Hashimoto. L'eccesso di ormone tiroideo causato dalla malattia di Hashimoto e più spesso i risultati relativi all'insufficienza dell'ormone tiroideo portano le persone dal medico. Segni e sintomi osservati in Hashimoto non sono unici per la malattia. I segni hashimoto più evidenti sono i seguenti;

  • Aumento di peso frequente,
  • Pelle secca
  • Easy chill,
  • Stanchezza,
  • Crampi,
  • Cambiamento di voce
  • E costipazione.

Poiché questi sintomi possono essere visti in molte malattie, è spesso difficile rilevare hashimoto. Tra i sintomi di Hashimoto, pulsazioni basse, movimenti lenti, dimenticanza, difficoltà a concentrarsi sul lavoro, linguaggio lento, gonfiore del viso, perdita di capelli, pallore, perdita di appetito, depressione, irritabilità, crescita della lingua, irregolarità mestruali possono anche essere visto nei pazienti.

si può vedere. In pazienti con ipotiroidismo avanzato; Anche l'accumulo di liquidi nei polmoni e nelle membrane cardiache, la sindrome del tunnel carpale, l'apnea notturna, l'aumento dell'ormone prolattina con o senza latte materno, la diminuzione del desiderio sessuale e il basso contenuto di sodio nel sangue sono considerati sintomi di hashimato.

Il livello di colesterolo è solitamente alto nella malattia di Hashimoto. Pertanto, il paziente può anche avere malattie cardiovascolari. Nei casi avanzati di hashimoto, la raccolta dell'acqua (ascite) può essere osservata nel pericardio (pericardite), nei polmoni (pleurite) e nell'addome.

Cause di Hashimoto e fattori di rischio

Il motivo principale della malattia di Hashimoto è che il sistema immunitario definisce i propri tessuti come estranei con una falsa percezione e cerca di difendersi da quei tessuti (tiroide). Con questo meccanismo, il tessuto tiroideo inizia a essere distrutto. Questo gruppo di malattie sono chiamate malattie autoimmuni. Quando l'organo bersaglio è la tiroide, è la "tiroide di Hashimoto" che incontriamo più frequentemente. Durante questa distruzione, le cellule tiroidee sane vengono prima degradate e l'ormone tiroideo viene scaricato nella circolazione, a volte lentamente ea volte più rapidamente. All'inizio si manifesta una carenza di ormone tiroideo con l'aumento graduale dei tessuti danneggiati e quindi l'eccesso di ormone tiroideo.

Hashimoto è più comune, specialmente nelle donne. Gli estrogeni e la predisposizione genetica sono tra i fattori di rischio. Sebbene sia più comune nel gruppo dei giovani di mezza età, può verificarsi a qualsiasi età. L'età di esordio può anche variare con il tasso di insorgenza di deficit di ormone tiroideo o di reperti in eccesso di ormone tiroideo. È possibile anche nei bambini. Sebbene meno comune negli uomini, è una delle principali cause di carenza di ormone tiroideo negli uomini. Donne incinte o che stanno pianificando una gravidanza, quelle con una storia di aborto spontaneo ricorrente e natimortalità, pazienti con diabete di tipo 1, quelle con malattie autoimmuni (vitiligine, sindrome di sjögren, lupus eritematoso sistemico, artrite reumatoide, ecc.), Sindrome di Down, sindrome di Turner e storia familiare di malattia tiroidea autoimmune Hashimoto deve essere studiato in persone con gozzo e / o positività anti-TPO, coloro che usano farmaci come litio, amiodarone, IF-α, sunitinib, sorafenib, iperprolattinemia inspiegabile, ipercolesterolemia inspiegabile, anemia inspiegabile, e insufficienza cardiaca.

>

Test di Hashimoto

Gli ormoni tiroidei (FT3, FT4, TSH) sono normali nella maggior parte dei pazienti con Hashimoto. L'ipotiroidismo si osserva in circa il 10% dei pazienti (FT3, FT4 basso, TSH alto). La maggior parte dei pazienti ha anticorpi anti TPO e anti TG per tutta la vita. Questi anticorpi avvertono che l'ipotiroidismo si svilupperà in futuro, anche se non è nei primi giorni. La malattia di Hashimoto può essere diagnosticata mediante ecografia con valori di tiroide e anticorpi nel sangue. Può essere necessaria una biopsia con ago durante l'ecografia per vedere se i noduli rilevati sono benigni.

Quali sono le differenze e le relazioni tra gozzo, tiroide e malattia di Hashimoto?

La tiroide è un organo endocrino costituito da due parti interconnesse che producono l'ormone tiroideo nella parte anteriore delle vie respiratorie e nell'esofago nel nostro collo. È responsabile delle attività metaboliche nel nostro corpo, delle attività legate al cervello e al sistema nervoso, della crescita e dello sviluppo e dello sviluppo e del mantenimento delle funzioni riproduttive. Il gozzo è l'ingrandimento della ghiandola tiroidea, qualunque sia la causa. La malattia di Hashimoto, d'altra parte, è una malattia autoimmune definita come un organo estraneo dal sistema di difesa del nostro corpo, con conseguente carenza di ormone tiroideo dell'85-90% a causa della perdita della capacità della ghiandola tiroidea di produrre ormoni nel medio e lungo termine. Nella malattia di Hashimoto, ci sono periodi in cui la produzione di ormoni tiroidei aumenta di volta in volta.

Quali malattie causa Hashimoto?

Se la malattia di Hashimoto provoca ipotiroidismo, accelera il processo che porta a sovrappeso, stitichezza, pelle secca, perdita di capelli, deterioramento delle unghie, lipidi nel sangue alto (colesterolo, trigliceridi) e quindi malattie cardiovascolari, a seconda della gravità e della durata dell'ipotiroidismo. L'inclinazione al sonno provoca un rallentamento delle attività mentali. Tutte le malattie autoimmuni possono essere considerate come malattie che possono accompagnarsi a vicenda con la malattia di Hashimoto. Alcuni di questi possono essere dovuti a organi endocrini (ghiandola surrenale; diabete), alcune malattie del sistema muscolo-scheletrico (malattie reumatiche) e alcune possono essere malattie psichiatriche che possono arrivare alla depressione. Ancora una volta, nella malattia di Hashimoto, possono esserci noduli tiroidei che richiedono un follow-up sia temporaneo che reale a causa di difetti nella struttura della ghiandola tiroidea. Devono essere seguiti i noduli tiroidei.

Come dovrebbe essere la nutrizione nella malattia di Hashimoto?

Non esiste una dieta specifica per la malattia di Hashimoto. Tuttavia, una dieta sana è molto importante per hashimato come in qualsiasi malattia. Sebbene ci siano studi che dimostrano che l'eccesso di iodio nell'ambiente innesca queste malattie, la precisione di ciò non è stata dimostrata finora. Ci sono anche pubblicazioni che migliorano con l'assunzione di selenio. Il selenio può ridurre l'aumento degli anticorpi nella malattia di Hashimoto, ma non può modificare il decorso clinico della malattia in deficit di ormone tiroideo. In breve, non si vede un vantaggio preciso. Durante questo periodo, si consiglia un'alimentazione priva di glutine. Non è stato dimostrato che questo modifichi direttamente il decorso della malattia di Hashimoto. La cosa più importante da dire sulla nutrizione; I pazienti il ​​cui ormone tiroideo è stato avviato a causa dell'ipotiroidismo devono assumere i farmaci a stomaco vuoto e non devono assumere cibi che potrebbero comprometterne l'assorbimento come crusca, yogurt e latte nello stesso pasto.

In che modo i pazienti Hashimoto dovrebbero usare il sale?

Il modo in cui i pazienti di Hashimoto dovrebbero usare il sale è un argomento molto curioso. Anche se si dice che lo iodio inneschi la malattia, questo è un problema che non è stato completamente confermato. Lo iodio non ha alcun effetto positivo o negativo sul decorso clinico di una tiroide hashimato consolidata. Siamo in un periodo in cui cresce la tendenza a limitare l'uso del sale in generale nel nostro Paese dove si registra una carenza di iodio. Considerando che la tiroide di Hashimoto è più comune nelle giovani donne in gravidanza, non sarebbe giusto dare un messaggio secondo cui il sale senza iodio dovrebbe essere usato per prevenire la carenza di iodio nelle giovani generazioni. È possibile utilizzare sale iodato.

Terapia Hashimoto

È importante che il paziente Hashimoto conosca i reclami clinici relativi alla carenza e all'eccesso di ormone tiroideo. Questi segni clinici possono essere trovati in periodi di tempo diversi nello stesso paziente. In questo caso, il medico dovrebbe essere consultato. Se è iniziata l'insufficienza dell'ormone tiroideo (ipotiroidismo) e l'ormone tiroideo del medico, l'aggiustamento della dose viene effettuato a intervalli di 6-8 settimane fino a quando l'ormone TSH non viene ritirato entro i limiti normali. L'aggiustamento della dose viene effettuato dopo essere entrati nei limiti normali. I controlli dovrebbero essere continuati con intervalli di 4-6 mesi. Perché la dieta del paziente, l'aumento di peso e l'attività della malattia possono richiedere un cambiamento costante della dose. È particolarmente importante per la salute del bambino che le donne in età fertile rispettino meticolosamente questo controllo e lo seguano prima di avere un bambino e ogni 4-6 settimane durante la gravidanza. Alcuni pazienti con hashimato tendono a sviluppare noduli tiroidei. In questi pazienti, il follow-up del nodulo tiroideo deve essere effettuato ogni 6 mesi. Se non ci sono cambiamenti, il periodo di follow-up può durare fino a un anno.

I danni della malattia di Hashimoto variano a seconda del quadro clinico. Nei casi lievi, possono verificarsi disturbi come perdita di capelli, difficoltà nel controllo del peso e brividi, oltre a disturbi più sistemici come aumento dei lipidi nel sangue, malattie cardiovascolari e aumento della pressione sanguigna man mano che la malattia progredisce e non viene curata. Sintomi come difficoltà ad avere un figlio e anemia possono accompagnare.

Malattia e gravidanza di Hashimoto

I pazienti con Hashimoto generalmente hanno un rischio maggiore di sviluppare ipotiroidismo. Se c'è un ipotiroidismo pronunciato nelle persone che stanno pensando di rimanere incinta, i loro modelli di ovulazione sono interrotti e hanno difficoltà a concepire. Questa situazione migliora con la terapia con ormoni tiroidei. Le madri che hanno una insufficienza tiroidea parziale nei primi 3 mesi di gravidanza possono avere problemi soprattutto nello sviluppo delle funzioni mentali dei loro bambini anche se la gravidanza continua. Pertanto, le funzioni tiroidee della futura gestante devono essere monitorate prima e durante la gravidanza (ogni 4-6 settimane) e deve essere somministrato un adeguato ormone tiroideo. Di solito la dose può essere aumentata fino al 6 ° mese di gravidanza. Un altro problema da non dimenticare è garantire un adeguato apporto di iodio alle donne in gravidanza. L'uso dell'ormone tiroideo durante la gravidanza non ha alcun effetto negativo né sul bambino né sulla futura mamma. I trattamenti non devono essere interrotti.

>

Come possono i pazienti Hashimoto perdere peso?

I pazienti di Hashimoto tendono ad aumentare di peso. La prima ragione di ciò è che questi pazienti possono sperimentare periodi di eccesso di ormone tiroideo di volta in volta e il comfort di periodi di non aumento di peso insieme ad un aumento dell'appetito durante questi periodi ei pazienti tendono a una sovralimentazione incontrollata. La seconda è che questi pazienti hanno un alto rischio di ipotiroidismo permanente (rallentamento del metabolismo) e le calorie in eccesso che assumono a causa della continuazione del loro aumento dell'appetito durante il temporaneo eccesso di ormone tiroideo. Inoltre, quando sonnolenza, inattività, costipazione, irregolarità mestruali vengono aggiunte al tavolo durante il periodo ipotiroideo, l'aumento di peso diventa inevitabile. Tuttavia, questo aumento di peso non è un destino. Se il paziente è a conoscenza della sua malattia e tende a modificare il suo comportamento di conseguenza, l'aumento di peso può essere limitato. Il primo passo del dimagrimento è la correzione dell'ipotiroidismo, insorto a causa della malattia di Hashimoto, utilizzando farmaci in un dosaggio corretto e migliorando il comportamento alimentare consapevole del paziente e aumentando la capacità di esercizio.