I metodi chirurgici forniscono un comfort importante nel morbo di Parkinson

La malattia di Parkinson, che di solito si manifesta con un grave rallentamento dei movimenti su un lato del corpo, tremori solitamente osservati a riposo, una sensazione di rigidità nel corpo causata dalla contrazione irregolare dei muscoli e disturbi della postura, inizia su un lato del il corpo ei sintomi aumentano nel corso degli anni e passano all'altro lato del corpo. Per far fronte alla malattia, viene applicata prima la terapia farmacologica. Se non c'è risposta a questo trattamento o se la resistenza si sviluppa nel tempo, è preferibile il trattamento chirurgico. I nostri specialisti del dipartimento di chirurgia cerebrale e nervosa del Memorial Ankara Hospital hanno fornito informazioni sui metodi chirurgici utilizzati nel trattamento del morbo di Parkinson.

Se non c'è risposta ai farmaci, il trattamento chirurgico viene messo in discussione.

La malattia di Parkinson è una malattia cronica e generalmente progressiva caratterizzata dalla perdita o diminuzione di alcune cellule nervose specializzate legate al rilascio di dopamina. Nel trattamento, prima di tutto, dovrebbe essere provata una terapia farmacologica appropriata. L'obiettivo qui è sostituire la dopamina mancante o ritardare la distruzione di questa sostanza nell'ambiente. Questo trattamento viene effettuato sotto la supervisione di un neurologo esperto specializzato in disturbi del movimento. Le opzioni di trattamento chirurgico devono essere prese in considerazione nei casi in cui non è possibile fornire un trattamento medico adeguato a causa della mancanza di risposta al trattamento medico, di una marcata diminuzione della risposta al trattamento o di effetti collaterali.

La malattia di Parkinson può essere controllata con stimolatori cerebrali profondi

Il fattore principale che determina la scelta del trattamento chirurgico sono i sintomi osservati nel paziente e che influenzano la qualità della vita. Nei pazienti con una parte significativa dei sintomi di Parkinson, nei casi in cui la lentezza del movimento e i disturbi posturali sono importanti o la durata dell'azione del farmaco è molto breve, è necessario posizionare prima gli stimolatori cerebrali profondi. Il dispositivo, chiamato stimolatore cerebrale profondo, è costituito da elettrodi posizionati nelle aree di uscita di stimoli anormali che causano sintomi della malattia utilizzando metodi di targeting speciali e una fonte di alimentazione regolabile collegata a questi elettrodi. I bersagli più frequentemente selezionati sono il nucleo subtalamico (STN) e il pallido interno (GPi) per la loro efficienza. Queste strutture si trovano in aree preziose nella profondità del cervello e non possono essere raggiunte con metodi chirurgici aperti a causa dei danni che possono verificarsi. Per questo motivo, devono essere posizionati utilizzando speciali sistemi di mira assistiti dal computer e attraverso un foro praticato nel cranio. La precisione del target deve essere verificata durante l'intervento chirurgico con tecniche ausiliarie come la micro-registrazione e la micro / macrostimolazione. Per questo motivo, sono procedure che richiedono un tempo lungo come 8-9 ore e vengono eseguite per lo più quando il paziente è sveglio e in anestesia locale.

Può essere applicato un trattamento chirurgico separato solo per il tremore.

La stimolazione talamica cronica (stimolazione) o la talamotomia unilaterale (distruzione di un determinato gruppo cellulare mediante energia a radiofrequenza) possono essere applicate solo per il tremore in pazienti con sintomi di Parkinson di base lievi ma tremori pronunciati. Anche in questo caso, la pallidotomia unilaterale o la stimolazione pallidale cronica può essere preferita nei pazienti che hanno un'ottima risposta al farmaco ma che hanno movimenti involontari chiamati "discinesia" dovuti alla terapia farmacologica.

La vita utile può essere estesa modificando le impostazioni della batteria

Nella malattia di Parkinson, l'effetto degli stimolatori cerebrali profondi diminuisce parzialmente nel tempo. Ciò, infatti, è dovuto alla progressione della malattia nel tempo e al divenire più pronunciato di alcuni sintomi piuttosto che alla diminuzione dell'efficacia della stimolazione cerebrale profonda. In questi casi si cerca di mantenere l'utilizzo ottenuto modificando le impostazioni quali frequenza, intensità di corrente e ampiezza di avviso dell'alimentazione, che viene chiamata "batteria" dal pubblico.