Attenzione all'allergia al latte nei neonati!

Se il tuo neonato piange costantemente, ha momenti difficili a causa di dolori di gas e non può aumentare di peso, devi fermarti e valutare la sua situazione. Perché questi sintomi, che possono essere visti in quasi tutti i bambini, a volte possono essere un indicatore di allergia al latte ...

L'allergia alimentare più comune nell'infanzia è l '“allergia al latte”, in altre parole “allergia al latte vaccino”. È una reazione allergica del corpo alle proteine ​​(soprattutto beta lattoalbumina) nel latte vaccino. Può essere causato dall'alimentazione diretta del latte vaccino al bambino o, nei bambini allattati con latte materno, a seguito del passaggio degli alimenti contenenti latte vaccino al bambino attraverso l'allattamento al seno. Inoltre, poiché la maggior parte delle formule pronte per il consumo contiene proteine ​​del latte vaccino, è possibile riscontrare allergie anche nei bambini alimentati con latte artificiale.

Se stai allattando il tuo bambino, presta attenzione a ciò che mangi

I bambini con allergia al latte vaccino possono sviluppare allergia crociata al latte di capra e al latte di soia. Questo problema dovrebbe essere considerato mentre si danno consigli nutrizionali al bambino e alla madre. Gli esperti del Dipartimento per la salute e le malattie dei bambini dell'ospedale Memorial Ataşehir hanno fornito informazioni sull'allergia al latte osservata nei bambini.

Può essere visto nei primi 6 mesi o più tardi.

I sintomi variano a seconda del bambino e della gravità dell'allergia. Alcuni bambini hanno un singolo sintomo, mentre altri possono avere più di un sintomo. Sebbene i risultati clinici di solito inizino nei primi 6 mesi, a volte possono comparire in un'età successiva. I sintomi principali sono:

  • Pianto eccessivo e forti dolori di gas nei primi mesi
  • Vomito post-alimentazione e quindi incapacità di pesare.
  • Feci sanguinolente e viscide e talvolta stitichezza
  • Eruzione cutanea e prurito eruzione cutanea sotto forma di eczema sulla pelle
  • Un respiro sibilante persistente, tosse, congestione nasale
  • Episodi ricorrenti di bronchite e / o bronchiolite
  • Anafilassi (molto rara, si sviluppa immediatamente dopo l'assunzione di proteine ​​del latte vaccino (entro la prima ora al più tardi) Eruzione cutanea, gonfiore del viso, della lingua e della bocca, uno shock associato a difficoltà di respirazione e un calo della pressione sanguigna dovuto a edema delle vie respiratorie. Se non trattato, è fatale.)

Ottieni l'aiuto di esperti per una sana alimentazione del tuo bambino

La connessione tra i sintomi nel bambino e il latte vaccino dovrebbe essere messa in discussione in consultazione con la famiglia e la storia familiare di allergia dovrebbe essere studiata. Ulteriori metodi diagnostici possono essere applicati ai bambini con sospetta allergia al latte vaccino in linea con i risultati dell'esame obiettivo e la storia familiare.

3 metodi sono usati per la diagnosi.

  • Test cutaneo: può essere eseguito a qualsiasi età, l'affidabilità è del 95 percento.
  • Il rilevamento degli anticorpi specifici del latte vaccino (Ig-E specifico del latte vaccino) nel sangue è affidabile al 90%.
  • Metodo di eliminazione: gli alimenti contenenti latte vaccino non vengono somministrati al bambino per un po '. I sintomi dovrebbero scomparire durante questo periodo. Una volta scomparsi i sintomi, si riprova con il latte vaccino. La ricomparsa dei sintomi sosterrà l'allergia al latte vaccino.

Al posto del latte vaccino si possono usare latte di riso, latte d'avena e latte di cocco.

Nei bambini allattati con latte materno, il latte e i latticini consumati dalla madre vengono trasmessi al bambino attraverso l'allattamento e provocano allergie. In questo caso, si consiglia di continuare l'allattamento al seno, ma di escludere completamente latte e latticini dalla dieta della madre. Il supporto medico dovrebbe essere raccomandato per proteggere la madre dalla carenza di calcio e la sua dieta dovrebbe essere concordata con un dietologo.

Nei bambini con allergia al latte vaccino, le proteine ​​della soia e le allergie al latte di capra possono verificarsi insieme, quindi questo gruppo di prodotti dovrebbe essere escluso dalla dieta della madre. Gli oli vegetali dovrebbero essere preferiti al posto di burro e margarina, panna, latte in polvere, biscotti al latte, pasta al latte da evitare. Il latte di riso, il latte di avena e il latte di cocco possono essere usati come sostituti del latte di mucca.

Leggere correttamente le etichette dei prodotti

Poiché il latte si trova in molti alimenti pronti, l'etichetta del prodotto deve essere letta attentamente al momento dell'acquisto. Gli alimenti contenenti caseina, caseinato, caseinato di sodio e / o calcio e lattoalbumina dovrebbero essere evitati.

Il principio principale nel trattamento è evitare la sostanza che causa l'allergia. Nel bambino allattato con latte materno, il trattamento inizierà rimuovendo il latte e i latticini dalla dieta della madre. Inoltre, secondo i risultati clinici attuali, potrebbe essere necessaria una terapia farmacologica per il bambino fino alla scomparsa dell'allergia.

Dovrebbero essere preferiti cibi speciali

Nei bambini nutriti con latte artificiale, dovrebbero essere preferiti alimenti che non contengono proteine ​​del latte vaccino. Questi alimenti possono essere suddivisi in 3 gruppi:

  1. Alimenti a base di soia: il 17-47% dei bambini con allergia al latte vaccino può anche sviluppare un'allergia alle proteine ​​della soia. Inoltre, gli alimenti a base di soia non sono adatti ai bambini di età inferiore ai 6 mesi. Pertanto, gli alimenti a base di soia non dovrebbero essere la prima scelta nell'allergia al latte vaccino.
  2. Alimenti completamente idrolizzati: le proteine ​​vengono scomposte attraverso processi speciali e le loro proprietà allergiche vengono eliminate. Non hanno un sapore molto buono. Sono la prima scelta per l'allergia al latte vaccino.
  3. Formule a base di aminoacidi: dovrebbe essere utilizzato nel 10 percento dei casi che non rispondono a formule completamente idrolizzate.

Man mano che il bambino cresce, può adattarsi al latte vaccino

Un bambino con allergia al latte vaccino non riceve alimenti contenenti latte vaccino e formule a base di latte vaccino per 12-18 mesi e la loro alimentazione è supportata da formule speciali. Alla fine di questo periodo, si osserva se i sintomi compaiono o meno ricominciando a dare il latte vaccino. Il tempo necessario per iniziare a tollerare il latte vaccino varia da neonato a neonato. La tolleranza al latte vaccino si sviluppa nel 56% dei bambini in 1 anno, 77% in 2 anni, 87% in 3 anni.

Più possiamo eliminare il latte vaccino dalla dieta e proteggere il bambino da questo allergene, prima sarà lo sviluppo della tolleranza e del recupero.

La nutrizione con il latte materno è importante nella prevenzione

Come per tutte le malattie, la prevenzione è molto importante nelle allergie al latte vaccino. La nutrizione con il latte materno è essenziale per la prevenzione. Il latte materno non solo protegge i bambini dall'asma allergico, ma svolge anche un ruolo protettivo contro le allergie alimentari e in particolare l'allergia al latte vaccino. Nutrire i bambini solo con latte materno nei primi 6 mesi, introdurre il bambino con alimenti allergenici, cioè latte vaccino, il più tardi possibile, e non somministrare latte vaccino per i primi 12-18 mesi sarebbe l'approccio giusto nella prevenzione.