Il "latte" protegge davvero?

Specialisti del Dipartimento di Ginecologia e Ostetricia del Memorial Şişli Hospital, "Come protegge il" latte "e cosa si dovrebbe fare per aumentare la protezione durante l'allattamento dopo la gravidanza?" dando risposte alle tue domande.

Dagli ultimi mesi di gravidanza, il livello dell'ormone prolattina nel sangue aumenta e con questo inizia la produzione di latte nel tessuto mammario. Questo ormone è secreto dalla ghiandola pituitaria nel cranio, appena sotto il cervello. Insieme alla nascita, l'ormone chiamato ossocina, che viene secreto dagli stimoli tattili e dai movimenti di suzione del capezzolo del bambino, fa uscire il latte accumulato nei condotti del latte. L'allattamento al seno regolare del bambino garantisce la continuazione di questo processo e aumenta il livello dell'ormone prolattina nel sangue, necessario per la produzione di latte. Un altro compito di questo ormone è annunciare la presenza di un bambino alle ovaie insieme a tutti gli organi del corpo. L'ovaia, che riceve regolarmente questo annuncio, interrompe l'attività di ovulazione che può portare a una nuova gravidanza. Il desiderio sessuale è ridotto. Si sviluppa secchezza vaginale. Lo scopo principale di tutto questo sviluppo è proteggere la nuova generazione in crescita. Per questo si può dire "Il latte protegge".

Affinché questo metodo ad alta protezione abbia successo;

  • La madre non dovrebbe usare cibo o acqua aggiuntivi per nutrire il bambino.
  • Gli intervalli di allattamento al seno non dovrebbero essere più lunghi di 4 ore durante il giorno e 6 ore di notte.
  • Dopo la fine del sanguinamento postpartum, il sanguinamento mestruale non avrebbe dovuto iniziare.

Puoi aumentare la percentuale di successo con l '"allattamento al seno ecologico"

La percentuale di successo diminuisce notevolmente dopo i primi 6 mesi. Sono stati stabiliti alcuni criteri per mantenere alta la percentuale di successo in futuro. Quando questi vengono raggiunti, il tasso di successo dopo i primi 6 mesi fino alla prima mestruazione è stato riportato del 94%. In media, sono 14 mesi per iniziare le mestruazioni. Il metodo di controllo delle nascite che soddisfa questi criteri è denominato metodo "ALLATTAMENTO ECOLOGICO". I 7 criteri determinati sono i seguenti:

  • Non dovrebbe esserci sanguinamento vaginale tranne che nei primi 56 giorni dopo la nascita.
  • L'allattamento al seno dovrebbe essere l'unica fonte di nutrimento del bambino per i primi 6 mesi. La pompa non deve essere utilizzata e nemmeno l'acqua deve essere somministrata.
  • I ciucci non dovrebbero essere usati. L'allattamento al seno dovrebbe essere preferito per calmare il bambino.
  • L'allattamento al seno dovrebbe essere il più frequente e lungo possibile. Il metodo di allattamento al seno non deve essere applicato a intervalli programmati. Il seno dovrebbe essere dato ogni volta che il bambino vuole.
  • Il bambino dovrebbe dormire con la madre di notte. Tuttavia, poiché le ricerche effettuate rivelano il rischio che la madre e il bambino stando nello stesso letto possa portare alla "sindrome da morte improvvisa del lattante", è necessario prendere le necessarie precauzioni o collocare il bambino in un lettino separato accanto a quello della madre. letto.
  • È necessario assicurarsi che la madre dorma con il bambino a intervalli durante il giorno. È noto che la coesistenza tattile di madre e bambino aumenta la quantità di ormone prolattina.
  • Con la cura del bambino, la madre dovrebbe occuparsene prima. L'attenzione di una persona che si prende cura del bambino per lunghi periodi di tempo può far sì che la madre si allontani dal bambino.

Tuttavia, non bisogna dimenticare che questo metodo non è protettivo al 100%, sebbene tutti questi siano soddisfatti. Mentre la sensibilità di ciascun corpo può essere diversa, a volte per qualsiasi motivo (come l'inizio del lavoro, crepe sui capezzoli, malattie del bambino), l'ovaio inizia a funzionare quando la frequenza dell'allattamento diminuisce può portare a una gravidanza a sorpresa. Per questo motivo, dovresti assolutamente consultare il tuo medico e determinare il metodo di controllo delle nascite appropriato per te.