Tonsillectomia e adenoidectomia

Tonsillectomia e adenoidectomia (chirurgia delle tonsille e delle adenoidi)

Cosa sono le tonsille e le adenoidi? Le adenoidi sono tessuto linfoide situato nel rinofaringe (passaggio nasale) dietro il naso. Le tonsille (tonsille) sono due tessuti linfoidi situati su entrambi i lati della gola.

Quali sono i loro doveri? Tonsillare e adenoidi sono costituiti da tessuto linfoide. Svolgono un ruolo nella difesa contro i germi che arriveranno dalle vie aeree, soprattutto nei primi 3 anni. È noto che la tonsillectomia (tonsillectomia) eseguita a partire dai 3 anni, se necessario, non ha effetti negativi sul sistema di difesa del corpo e sulla salute.

In quali situazioni viene eseguita l'adenoidectomia? L'adenoidectomia, chiamata adenoidectomia, viene eseguita nelle seguenti situazioni. Alcuni bambini possono averne diversi insieme. Adenoide abbastanza grande da impedire la respirazione: le adenoidi eccessivamente ingrossate causano sintomi come respirazione dalla bocca, russamento e apnea notturna (la respirazione si interrompe durante il sonno). L'incapacità di respirare attraverso il naso può causare disturbi dell'odore e del gusto. Le infezioni acute del tratto respiratorio superiore possono causare sintomi simili. Ecco perché chiediamo alla famiglia se i sintomi menzionati sono persistenti o meno. Decidiamo di adenoidectomia con la famiglia. Sappiamo che i genitori sono i migliori osservatori. Malattie dell'orecchio medio dovute all'occlusione della tuba Eustachii: la carne nasale funge da serbatoio per i microrganismi. Patologie dell'orecchio ricorrenti (otite media acuta: otite media o otite media sierosa: accumulo di liquidi nell'orecchio medio) possono verificarsi con l'ostruzione della tuba estachiale. In presenza di otite media sierosa che non migliora con il trattamento, può essere necessario collegare un tubo di ventilazione al timpano con adenoidectomia. Infezioni dei seni ricorrenti o croniche causate da adenoidi: proprio come il problema dell'orecchio, le adenoidi ingrossate o infette possono causare l'accumulo di secrezioni nel naso o infezioni ricorrenti dei seni. Molti chirurghi preferiscono l'adenoidectomia come trattamento di prima linea nel trattamento della sinusite infantile grave. Nella nostra clinica, preferiamo principalmente l'adenoidectomia nel trattamento chirurgico della sinusite ricorrente infantile.

Ci si può aspettare senza intervento chirurgico? Le adenoidi si restringono nella seconda decade (decade) di vita. Ma i problemi che provoca possono costare più dell'attesa. Soprattutto l'apnea notturna e la congestione nasale possono portare a deformità permanenti nello sviluppo del viso e dei denti. Inoltre, l'apprendimento e la crescita possono essere influenzati negativamente a causa dei disturbi del sonno.

Come viene eseguita l'operazione? Viene eseguito in anestesia generale e richiede 5-15 minuti. Il tessuto adenoide viene rimosso mediante raschiamento dal passaggio nasale.

Quali sono le complicazioni dell'adenoidectomia? Le complicazioni sono rare. Il rischio di anestesia è correlato a fattori legati al paziente. Il sanguinamento è raro. L'infezione superficiale si sviluppa nel letto adenoide della durata di 7-10 giorni, l'infezione profonda è molto rara. Un attento esame ed esame sono richiesti nei bambini con palatoschisi, labbro e sindrome di Down. Dopo l'adenoidectomia in questi bambini, può svilupparsi "insufficienza velofaringea" (voci e cibo che fuoriescono nel passaggio nasale), la parola e la deglutizione possono essere influenzate. Non abbiamo riscontrato questa complicazione; tuttavia, ci sono casi riportati in letteratura.

Come va dopo l'intervento? L'adenoidectomia è un'operazione meno dolorosa della tonsillectomia e gli antidolorifici spesso non sono necessari. La congestione nasale si risolve dopo 7-10 giorni. non limitiamo le attività del bambino. Consigliamo una dieta normale ai bambini. Chiediamo il controllo dopo 10 giorni.

Quando viene eseguita la tonsillectomia (chirurgia delle tonsille)? Tonsille grandi: raccomandiamo un intervento chirurgico per tonsille abbastanza grandi da influenzare la respirazione, la deglutizione e la parola. Le tonsille che causano la stenosi nelle vie aeree causano il russamento e l'apnea notturna proprio come le adenoidi ingrossate. Ciò causa problemi di salute nelle fasi avanzate della vita. Infezioni ricorrenti e croniche: raccomandiamo la tonsillectomia nelle infezioni tonsillari ricorrenti (tonsillite). Ascesso peritonsillare: in presenza di ascesso peritonsillare, evacuiamo l'ascesso e somministriamo un trattamento antibiotico. Si consiglia la tonsillectomia dopo il recupero. Tonsillite criptica cronica: consiste in molte tasche chiamate cripta tonsillare. In alcuni pazienti queste cripte contengono rifiuti bianchi maleodoranti. Questi rifiuti sono costituiti da batteri e cellule morte. Gli antibiotici forniscono un sollievo temporaneo. Il trattamento definitivo è la tonsillectomia. Tonsille ingrandite asimmetricamente: la tonsillectomia deve essere eseguita in tonsille che appaiono asimmetricamente grandi. Emorragia tonsillare inarrestabile: la tonsillectomia viene eseguita nelle emorragie tonsillari che si verificano per qualsiasi motivo e non possono essere fermate con altri metodi.

In quali situazioni sconsigliamo la tonsillectomia?Tendenza al sanguinamento: si sconsiglia la tonsillectomia nei pazienti inclini al sanguinamento senza correggere il quadro ematico. Tonsillite acuta: esiste un alto rischio di sanguinamento dopo la tonsillectomia eseguita in presenza di infezione acuta nella tonsilla. Ecco perché eseguiamo la tonsillectomia dopo che l'infezione acuta si è risolta. Uso di droghe: i pazienti che usano aspirina e anticoagulanti orali (comunemente noti come fluidificanti del sangue) possono essere sospesi 1 settimana prima e può essere eseguita la tonsillectomia. Età: come molti chirurghi, preferiamo eseguire la tonsillectomia per bambini dai 3 anni in su, salvo casi speciali. Come viene eseguita la tonsillectomia? Sebbene la chirurgia in anestesia generale sia spesso preferita, in casi speciali è possibile eseguire la tonsillectomia con sedazione e l'anestesia locale, oltre alla tecnica classica sono state descritte l'elettrocauterizzazione e le tecniche di tonsillectomia laser-assistita. Preferiamo la tonsillectomia classica. Usiamo l'elettrocauterizzazione il meno possibile per ridurre al minimo il dolore postoperatorio. Poiché non crediamo nella superiorità dell'uso del laser, non lo preferiamo perché provoca forti dolori dopo l'operazione. Quali sono le complicazioni della tonsillectomia? Rischi legati all'anestesia. I problemi gravi sono estremamente rari. Sanguinamento: è la complicanza più comune dopo la tonsillectomia. È più comune negli adulti. Può essere visto nel primo periodo postoperatorio o 5-10 giorni dopo. Pertanto, consigliamo ai nostri pazienti di non lasciare la città entro 10 giorni dall'intervento. Infezione: la colonizzazione batterica postoperatoria e la febbre lieve associata possono essere osservate nel letto tonsillare. L'infezione grave è rara. È necessario rimanere in ospedale dopo l'operazione? dimettiamo principalmente i nostri pazienti la sera dell'intervento. Tuttavia, se una o più delle seguenti situazioni sono presenti, preferiamo depositare per 1 notte.

  • Il paziente è seduto troppo lontano (o non facilmente accessibile)
  • Paziente adulto
  • Incapacità di assumere cibo a sufficienza per via orale dopo l'intervento chirurgico
  • Grave nausea e vomito postoperatori
  • Presenza di altre malattie concomitanti

È possibile svolgere attività sportive dopo l'intervento? Non si consigliano esercizi faticosi per 2 settimane dopo l'intervento. Come dovrebbe essere la nutrizione dopo l'intervento? Consigliamo cibi morbidi e liquidi dopo l'intervento, in particolare i succhi di frutta sono sconsigliati perché sono acidi e provocano dolore. Gli alimenti da somministrare sono descritti in dettaglio nella "brochure nutrizionale" fornita. I farmaci vengono utilizzati dopo l'intervento chirurgico?Antibiotici: vengono utilizzati perché contribuiscono alla guarigione delle ferite e prevengono lo sviluppo di infezioni. Antidolorifici: molto spesso si preferisce il paracetamolo. L'aspirina e altri farmaci antinfiammatori non steroidei non devono essere utilizzati poiché aumentano la tendenza al sanguinamento dopo la tonsillectomia. Quali sono le condizioni che possono essere considerate normali dopo l'intervento? Si prega di non allarmarsi nelle seguenti situazioni. Mal di gola: il mal di gola post-tonsillectomia si riscontra frequentemente nei bambini più grandi e nei pazienti adulti. Diminuisce gradualmente entro 5-10 giorni dall'intervento. Dolore all'orecchio: può verificarsi dolore all'orecchio dopo la tonsillectomia. Questo dolore ha origine nella gola ed è noto come dolore riflesso. Febbre: potrebbe esserci una leggera febbre. La febbre può essere controllata con il parcetamolo. Placche bianche nel letto tonsillare: le placche di colore bianco possono essere viste per 2 settimane dopo l'intervento. La piccola lingua a volte può essere vista come edematosa. Quando dovrei chiamare il mio medico?Sanguinamento: l'acqua ghiacciata o il gelato possono essere utili per la traspirazione leggera. Se l'emorragia continua, chiama il medico e vai al pronto soccorso. Disidratazione: se non puoi bere abbastanza liquidi per 24 ore, chiama il medico. Si manifesta con disidratazione, produzione di urina bassa e concentrata e letargia (letargia, apatia): Febbre alta: chiamare il medico in caso di febbre di 39 gradi e oltre, tosse e difficoltà respiratorie. Quando dovrei andare per il controllo? Chiediamo ai nostri pazienti un controllo il 10 ° giorno postoperatorio. Si prega di fissare un appuntamento prima di venire.