Malattie respiratorie in autunno

Gli esperti del dipartimento delle malattie toraciche dell'ospedale Memorial Ataşehir hanno fornito informazioni sulle "malattie delle vie respiratorie osservate in autunno".

Le malattie respiratorie aumentano man mano che il clima diventa più freddo e trascorre più tempo in ambienti chiusi.

Coloro che hanno un sistema immunitario indebolito, attenti alla polmonite!

"Polmonite", o popolarmente conosciuta come "polmonite", significa infiammazione del polmone. Sebbene la polmonite sembri una singola malattia, può verificarsi per più di un motivo (batteri, virus, altri agenti infettivi e varie sostanze chimiche). La causa più comune di polmonite è un batterio chiamato "Pneumococcus". Questi batteri vengono trasmessi per via aerea. Le goccioline formate dallo starnuto o dalla tosse di persone malate provocano la trasmissione di microbi da persona a persona. Soprattutto quelli con un sistema immunitario indebolito, quelli di età superiore ai 65 anni, quelli con malattie polmonari, cardiache o renali, i diabetici, i fumatori e gli alcolisti sono a maggior rischio di sviluppare la polmonite.

I principali sintomi della polmonite sono tosse, espettorato, febbre, dolore toracico o alla schiena e debolezza. Nella diagnosi; vengono utilizzati film polmonare, esami del sangue e talvolta analisi dell'espettorato. Anche il trattamento è organizzato in base al fattore considerato. I giovani casi di polmonite lieve senza malattia sottostante possono essere trattati a casa. Tuttavia, in presenza di una malattia che altera l'immunità o se le condizioni generali del paziente sono compromesse, si raccomanda un trattamento ospedaliero.

La vaccinazione è consigliata per prevenire la polmonite

Lo pneumococco può causare non solo polmonite, ma anche malattie come sinusite, otite media e meningite. Esistono molti tipi di batteri pneumococcici. Sono stati sviluppati vaccini contro 23 di loro. Oltre alle misure igieniche generali (come il lavaggio delle mani), si raccomanda anche la vaccinazione delle persone con i fattori di rischio sopra menzionati. Non esiste un periodo di tempo specifico per l'applicazione del vaccino come nel vaccino antinfluenzale, può essere fatto in tutte le stagioni. Una seconda dose di vaccino è consigliata dopo 5 anni per le persone a rischio.Il vaccino contro lo pneumococco fornisce una protezione del 60-70% dalle malattie legate ai batteri pneumococcici. Possono verificarsi effetti collaterali come dolore e gonfiore nel sito di vaccinazione. Una reazione allergica è rara. Non è raccomandato per le donne in gravidanza.

C'è anche un aumento dei casi di bronchite

Un'altra malattia che aumenta con l'autunno è la bronchite acuta. "Bronchite" significa infiammazione delle vie aeree. Mentre "bronchite acuta" è usata per descrivere una malattia ad esordio improvviso, "bronchite cronica" si riferisce alla tosse e all'espettorato che durano almeno due anni consecutivi e almeno tre mesi di questi due anni. La bronchite cronica non è una malattia causata da microbi , ma è causato dal fumo.è una situazione.

La bronchite acuta si sviluppa principalmente a causa di virus. Anche i batteri e alcune sostanze chimiche possono causare la bronchite. Anche il fumo o l'esposizione passiva al fumo aumenta il rischio di bronchite. La trasmissione è simile alla trasmissione di altre infezioni respiratorie. Per protezione, si raccomanda di non avvicinarsi a persone malate e di lavarsi accuratamente le mani con acqua saponosa, soprattutto dopo il contatto con oggetti comuni. Evitare il fumo è importante anche per prevenire la bronchite acuta.

I sintomi della bronchite includono tosse, espettorazione, febbre e dolore al petto. Se un virus è considerato un agente della bronchite, gli antibiotici sono inefficaci. Trattamenti antibiotici, espettoranti e antipiretici sono utilizzati nella bronchite acuta dovuta a batteri. Si raccomanda inoltre di inumidire l'ambiente in cui si trova il paziente e di bere molta acqua.

Di conseguenza, sarà opportuno attenersi a misure di salute generale, una dieta equilibrata ricca di frutta e verdura, evitare di fumare, ed evitare il più possibile i malati nel prevenire tutte queste malattie che aumentano con il cambio d'aria. Sebbene sia obbligatorio trascorrere più tempo al chiuso a partire da questi mesi, la ventilazione frequente delle case o dei luoghi di lavoro è vantaggiosa in termini di cambiamento dell'aria ambiente. Sarebbe opportuno per le persone che non possono mangiare regolarmente consultare un medico per ulteriori integratori vitaminici o antiossidanti.