Non trascurare le vaccinazioni di tuo figlio durante il processo di coronavirus

Sebbene il coronavirus sia meno comune nei bambini rispetto agli adulti, recentemente è stata una delle maggiori preoccupazioni dei genitori. Alcune famiglie possono posticipare il trattamento o le vaccinazioni dei problemi di salute dei propri figli per non recarsi in ospedale. Tuttavia, i vaccini sono considerati un'emergenza e devono essere applicati per la salute di neonati e bambini. Specialista del dipartimento per la salute e le malattie dei bambini del Memorial Şişli Hospital. Dott. Dicle Çelik ha fornito informazioni sugli aspetti da considerare sulla salute dei bambini nel processo del coronavirus.

Sebbene l'infezione da coronavirus non sia molto comune nell'infanzia, in alcuni casi si osserva che non dà sintomi anche se il risultato è positivo. Tuttavia, ciò non significa che le misure di prevenzione delle malattie possano essere ignorate. Sebbene rari, sono stati segnalati casi di coronavirus che si trasformano in polmonite nei bambini. In uno studio in cui sono stati seguiti in America 2mila 500 bambini di età compresa tra 0 e 18 anni; Si afferma che in queste fasce di età, il coronavirus è più osservato nei bambini di età superiore ai 15 anni e inferiore a 1 anno. Di conseguenza, è importante fare attenzione alla salute dei bambini.

Fai attenzione ai sintomi del coronavirus nei bambini

È importante affrontare il processo del coronavirus in modo razionale e agire presto nei bambini. I sintomi del coronavirus progrediscono rapidamente negli adulti. Nei bambini e negli adulti, il coronavirus dovrebbe essere affrontato allo stesso modo di altre infezioni. Le condizioni generali del bambino dovrebbero essere seguite. Ad esempio, la febbre osservata tra 0-1 anni è molto importante. La nutrizione e la debolezza del bambino dovrebbero essere valutate. Sebbene il coronavirus nei bambini sia visto più come un'infezione del tratto respiratorio superiore, la preoccupazione maggiore è che i bambini infettino altri adulti in casa. Il bambino può sembrare sano, ma può trasmettere il virus ad altri membri della famiglia. Pertanto, viene imposto un coprifuoco per le persone di età inferiore ai 20 anni. Se il bambino ha sintomi come febbre, tosse, mal di gola, il medico deve essere chiamato e informato.

Attenzione ai bambini con malattie croniche!

Le malattie croniche si osservano sia nei bambini che negli adulti. Poiché anche il sistema immunitario dei bambini con diabete, malattie cardiache e renali può essere debole, è necessario prestare attenzione a questo riguardo. Sebbene l'infezione da coronavirus sia lieve durante l'infanzia in generale, è necessario prestare attenzione. I dati scientifici dovrebbero essere seguiti, le avvertenze del Ministero della Salute dovrebbero essere prese in considerazione.

Se c'è la febbre di 39 gradi e le condizioni generali peggiorano, vai in ospedale

La febbre è un criterio importante per la salute di tuo figlio. Tuttavia, il grado di febbre e dove viene misurato sono importanti. Se il bambino ha la febbre alta che provoca brividi sopra i 39 gradi, le sue condizioni generali non sono buone, se il bambino ha problemi nutrizionali, se c'è una diarrea pronunciata, se ci sono problemi come un attacco di tosse e incapacità di respirare, questo può significare che il coronavirus si trova nel tratto respiratorio inferiore. Per questo motivo chiamando e avvisando prima il pediatra; Quindi è necessario agire in linea con la sua direzione.

Nell'era del coronavirus, la vaccinazione è un'emergenza

Non si tratta di posticipare i vaccini a causa del coronavirus. L'obiettivo è prevenire la ricomparsa di altre infezioni dopo il periodo Covid 19. Alcune vaccinazioni dovrebbero essere fatte in tempo. Ad esempio, il vaccino contro la tubercolosi deve essere somministrato tra il 60 ° e il 90 ° giorno del bambino. Sia i medici di famiglia che i pediatri offrono varie alternative alle famiglie. In molti ospedali sono stati istituiti robusti ambulatori pediatrici per i vaccini. I medici di famiglia accettano anche i bambini il cui orario di vaccinazione è previsto nelle ore mattutine quando non c'è intensità. Nell'ambito delle pratiche di assistenza domiciliare, i vaccini possono essere somministrati a casa adottando tutte le precauzioni necessarie da parte di esperti. Prima della vaccinazione, le famiglie dovrebbero assolutamente contattare i pediatri per telefono e seguire le loro indicazioni.

Ci si può aspettare per problemi non vitali nel processo del coronavirus, ma il vaccino è un'emergenza. È molto importante usare una maschera quando si va in ospedale per la vaccinazione. Tuttavia, è necessario prestare attenzione all'uso della maschera qui. È necessario indossare la maschera dopo essersi lavati le mani. Inoltre, è necessario tenere solo le parti in gomma della maschera. Anche le mani devono essere pulite accuratamente dopo aver rimosso la maschera. Una maschera usata non deve essere riutilizzata. I genitori che vengono in ospedale dovrebbero prestare attenzione a questo. I bambini potrebbero non voler tenere la maschera sul viso. I bambini la cui età è appropriata in termini di maschere dovrebbero indossare maschere, altrimenti i passeggini dei bambini piccoli possono essere coperti con impermeabili. I vaccini vengono applicati rapidamente in ospedale e la famiglia viene rimandata a casa dall'ospedale il prima possibile.

Se la madre che allatta ha il coronavirus ...

Le mani devono essere lavate prima e dopo aver toccato il bambino. Le mani dovrebbero essere asciugate con tovaglioli di carta usa e getta. Bisogna fare attenzione a ventilare frequentemente l'ambiente infermieristico. Durante l'allattamento al seno, è necessario indossare l'igiene respiratoria e una maschera. Se una donna con Covid-19 non si sente molto bene per l'allattamento al seno, può nutrire in sicurezza il suo bambino spremendo il suo latte. Le madri dovrebbero bere molta acqua e prestare attenzione alla loro alimentazione durante questo periodo. Il coronavirus rappresenta un pericolo per tutti, compresi i neonati. Pertanto, dovrebbe essere trattato con estrema cautela.

La vitamina D può essere somministrata a un bambino che non esce di casa