Cos'è una biopsia e come viene eseguita?

La biopsia è il processo di prelievo di cellule o tessuti dall'area sospetta di malattia per eseguire diversi esami o esami con l'aiuto di un microscopio da diverse parti del corpo a fini diagnostici. Il metodo della biopsia, applicato dall'XI secolo, è oggi abbastanza avanzato ed è molto importante nella diagnosi e nella diagnosi. Potrebbe anche essere possibile rimuovere tutto questo tessuto indesiderato con una biopsia eseguita per i tessuti sospetti nel corpo. In questo caso, la biopsia è sia diagnostica che terapeutica. Gli esperti di radiologia interventistica del Memorial Health Group hanno fornito informazioni sui tipi di biopsia e biopsia e sui tipi di biopsia.

Cos'è una biopsia e come viene eseguita?

La biopsia, che viene applicata soprattutto per la diagnosi definitiva di cancro, è il risultato definitivo con l'esame patologico del pezzo di tessuto prelevato da diverse parti del corpo come la mammella e il cervello tiroideo. La struttura del tessuto viene esaminata, se c'è un tumore, il suo tipo può essere determinato. Il risultato ottenuto dalla biopsia è benefico anche nella parte di trattamento da applicare al tessuto e ai suoi dintorni. La biopsia non causa la diffusione della malattia o un cattivo corso.

In passato si ricorreva a interventi chirurgici a cielo aperto per rimuovere pezzi di tessuto, ma oggi, grazie a tecnologie avanzate, si è iniziato ad eseguire la rimozione dei tessuti, cioè la biopsia, utilizzando diversi aghi. Durante la biopsia, viene determinato il metodo più appropriato per vedere la massa sospetta nell'organo in questione. Pertanto, la posizione della massa sospetta è determinata chiaramente. La biopsia, applicata con anestesia locale, entra nella lesione mirata con un ago e prende piccoli pezzi. Le parti prese vengono esaminate nel laboratorio di patologia. Non ci sono procedure come tagli e punti nel processo di biopsia, che richiede circa 15-20 minuti.

Biopsia polmonare

La biopsia polmonare è una procedura interventistica eseguita per una diagnosi rapida e definitiva nelle malattie polmonari e nel cancro del polmone. La massa che si trova nel polmone è una struttura anormale situata nel tessuto polmonare. Di solito si nota alla radiografia del torace o alla tomografia prima di mostrare i sintomi. Tuttavia, con tecniche di imaging avanzate, non è possibile determinare esattamente se una formazione in quell'area è benigna o maligna. Pertanto, dovrebbe essere eseguita una biopsia con ago.

Come viene eseguita una biopsia polmonare?

Le cellule nell'area con una massa nel polmone possono essere rimosse mediante biopsia con aspirazione con ago sottile, nonché biopsie con ago in cui viene rimosso un pezzo di tessuto molto sottile. Prima della biopsia polmonare, al paziente vengono somministrati farmaci rilassanti e viene applicata l'anestesia locale. In questo modo, il paziente non avverte alcun dolore o fastidio. Viene eseguita osservando la procedura di biopsia applicata nell'unità di radiologia interventistica. L'ago viene solitamente visto sul dispositivo tomografico e avanzato nel nodulo. Se la massa nel polmone può essere vista mediante ultrasuoni, a volte è possibile eseguire una biopsia ecoguidata. Sia la TC che l'ecografia vengono utilizzati per entrare nella zona giorno del tumore con un ago, il che aumenta il tasso di diagnosi corretta.

Gli aghi da biopsia utilizzati per perforare la pleura una volta, specialmente nelle biopsie polmonari, sono costituiti da un ago esterno e da un sistema di ago interno più sottile che lo attraversa. In questo modo, la pleura viene forata solo una volta per ottenere più campioni. Inoltre, se si verifica una situazione come una perdita d'aria tra le membrane polmonari dopo la procedura, tutta l'aria può essere evacuata senza rimuovere l'ago esterno e il processo di biopsia può essere terminato senza che il tubo sia collegato. In circa il 20% dei pazienti sottoposti a biopsia, è possibile osservare una perdita d'aria tra le membrane polmonari. Queste situazioni in cui l'aria deve essere evacuata inserendo un tubo sono inferiori al 5%.

>

Dopo biopsia polmonare

Il processo di biopsia viene terminato dopo essersi assicurati che non si verifichino situazioni indesiderate come sanguinamento o perdita d'aria tra le membrane polmonari con le scansioni della tomografia di controllo. La piccola benda realizzata dopo la rimozione dell'ago può essere rimossa anche dopo 24 ore. Dopo la biopsia polmonare, il paziente viene ricoverato durante la notte. Nel frattempo, vengono misurati la pressione sanguigna, il polso e la respirazione, è possibile rilevare precocemente un possibile sanguinamento o perdita d'aria tra le membrane polmonari. Allo stesso scopo, se necessario, possono essere eseguiti esami del sangue o film polmonare. Se non ci sono problemi 2 ore dopo la biopsia, il paziente può mangiare e fare una doccia dopo che la benda è stata rimossa.

La biopsia polmonare viene eseguita per la diagnosi di malattie diverse dal cancro?

La biopsia viene eseguita anche per valutare infezioni polmonari focali resistenti al trattamento, massa pleurica, ispessimento e fluidi pleurici, masse della parete toracica e lesioni delle costole litiche, masse mediastiniche e ilari e linfoadenopatia.

Biopsia renale

La biopsia renale è un metodo sicuro. Le complicanze che possono verificarsi a causa della biopsia renale sono sangue nelle urine e accumulo di sangue intorno al rene. Il sanguinamento nelle urine di solito si interrompe entro poche ore o pochi giorni. Molto raramente si possono osservare gravi emorragie che richiedono trasfusioni di sangue o intervento.

Biopsia renale;

  • Diagnosi definitiva di una malattia renale non rilevata,
  • Come progredisce la malattia nel rene,
  • Determinare la dimensione del danno che provoca,
  • Stabilire accordi nei piani di trattamento in base alla malattia del rene e alla gravità della malattia e valutare i risultati del trattamento applicato.
  • È possibile eseguire una biopsia renale per scoprire perché il rene trapiantato non funziona correttamente.

E anche,

  • Il medico può anche raccomandare una biopsia renale sulla base dei risultati degli esami del sangue o delle urine.
  • Sangue nelle urine (ematuria), che può essere associato a malattie renali,
  • Quantità eccessiva di proteine ​​nelle urine (proteinuria) insieme ad altri sintomi di malattie renali,
  • Anche condizioni come disturbi della funzionalità renale che causano prodotti di scarto eccessivi nel sangue possono richiedere una biopsia renale.

Cosa dovrebbe essere considerato prima della biopsia renale?

I farmaci che possono aumentare il rischio di sanguinamento devono essere sospesi almeno 7-10 giorni prima della biopsia renale. Mangiare e bere deve essere interrotto 6 ore prima della biopsia e i farmaci per il cuore e l'ipertensione usati regolarmente devono essere assunti con pochissima acqua. Prima della biopsia, vengono eseguiti alcuni esami del sangue per valutare lo stato di coagulazione del sangue e la tendenza al sanguinamento del paziente.

Come viene eseguita la biopsia renale?

Per la biopsia renale, il paziente viene ricoverato in ospedale lo stesso giorno. Il processo di biopsia dura circa mezz'ora. Durante la biopsia, il paziente è sveglio e giace sull'addome. Se la biopsia è per trapianto di rene, viene posizionata sulla schiena. Con gli ultrasuoni, viene determinato in quale regione del rene e con quale angolo entrerà l'ago per biopsia. L'area della pelle da sottoporre a biopsia viene pulita e quindi viene applicata l'anestesia locale. Viene praticata una piccola incisione nel punto in cui entrerà l'ago e l'ago che avanza nel rene viene monitorato lungo il percorso con gli ultrasuoni. Durante la procedura, potresti sentire una pressione nel sito della biopsia e il suono dell'ago può essere sentito. Tuttavia, grazie all'anestesia locale, il paziente non avverte dolore o dolore. Nella valutazione ecografica dopo la biopsia, viene controllato se c'è sanguinamento e una benda viene posizionata su quell'area dopo che l'ago è stato rimosso.

>

Cosa dovrebbe essere considerato dopo la biopsia renale?

C'è un leggero rischio di sanguinamento nella biopsia renale. Pertanto, sarebbe opportuno che il paziente fosse monitorato in ospedale per 24 ore dopo la procedura e non alzarsi in piedi anche per le necessità del bagno.

Dopo la procedura, sarà necessario attendere almeno 2 ore per bere acqua e mangiare e ottenere l'approvazione del medico. Dopo la procedura, l'urina viene valutata per il sanguinamento. L'emocromo verrà controllato 2-3 ore dopo la procedura e 6-8 ore se necessario. Se non ci sono problemi il giorno dopo la procedura, viene eseguita la dimissione.

Dopo la biopsia;

  • Vengono monitorati la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca e i valori respiratori
  • Avrai un'analisi delle urine e un esame emocromocitometrico completo per sanguinamento e altre complicazioni
  • È garantito che non ti alzi per almeno 6 ore
  • Raramente si può avvertire dolore nel sito della biopsia entro poche ore dalla biopsia. In questo caso, ti verranno somministrati farmaci per alleviare il dolore.

Biopsia epatica

La biopsia epatica è il metodo migliore per valutare l'entità del danno al fegato da epatite causata da virus. La steatosi epatica è importante nella diagnosi e nel follow-up di molte malattie del fegato come la cirrosi biliare primitiva, l'emacromatosi e Wilson. Potrebbe essere necessario per fare la diagnosi definitiva delle masse epatiche e per iniziare il trattamento. Potrebbe essere necessario per valutare il rigetto dei tessuti dopo il trapianto di fegato. Utile anche per monitorare l'efficacia dei trattamenti applicati al paziente.

Prima della biopsia, i fluidificanti del sangue devono essere sospesi secondo le conoscenze del medico. Prima della biopsia, viene controllato l'emocromo e viene accertato se esiste un problema di coagulazione sanguigna. Anche i valori del sangue che mostrano l'immagine della coagulazione acquisita entro 15 giorni possono essere sufficienti. Durante la biopsia, verranno somministrati farmaci per via endovenosa per alleviare l'eccitazione, il dolore o la paura. Pertanto, è necessario essere affamati per almeno 6 ore prima della procedura.

Come viene eseguita la biopsia epatica?

L'area della pelle da sottoporre a biopsia viene pulita con un antisettico. Nel paziente sdraiato sulla schiena, un farmaco anestetico locale viene iniettato nell'area in cui entrerà l'ago. Viene praticata una piccola incisione sulla pelle addominale per consentire un facile inserimento dell'ago per biopsia epatica. L'ago viene seguito in ogni fase, dal punto di entrata dell'ago al bersaglio nel fegato. Pertanto, anche la biopsia con ago del fegato guidata dall'imaging è estremamente sicura. L'ago per biopsia viene inserito nel fegato e viene prelevato un pezzo sottile.

Quando necessario, viene utilizzato uno speciale sistema a doppio ago. In questo modo, viene effettuata una singola entrata dell'ago dalla pelle al fegato, il che rende la procedura molto semplice per il paziente. Inoltre, è possibile prelevare più campioni inserendo un secondo ago attraverso questo ago speciale. Pertanto, l'insufficienza del pezzo prelevato e la possibilità di ripetere la procedura di biopsia sono ridotte al minimo. In alcuni casi speciali, se entrare nel fegato attraverso la pelle con un ago comporta un alto rischio di sanguinamento, è possibile eseguire una biopsia raggiungendo il fegato dalla vena del collo con uno speciale sistema di aghi.

Cosa dovrebbe essere considerato dopo la biopsia epatica?

Dopo la biopsia epatica, il paziente viene ricoverato in ospedale durante la notte. Durante questo periodo, la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca dei pazienti vengono controllate regolarmente. I pazienti riposano sdraiati sul fianco destro per almeno due ore dopo la biopsia. Dopo la dimissione, il paziente può tornare alla sua vita normale, a condizione che non si costringa.

Biopsia tiroidea con ago (biopsia ad aspirazione fine-FNAB)

Tra le malattie più comuni della tiroide ci sono i noduli nella ghiandola tiroidea, ovvero i noduli. I noduli sono formazioni singole o multiple che sono comuni soprattutto nelle donne e colpiscono una donna su tre. Perché si verificano, le ragioni della crescita spontanea e del restringimento non sono note esattamente. Di solito non causa sintomi e viene rilevato incidentalmente in un esame ecografico. In alcuni casi, un evidente gonfiore o dolore dovuto a sanguinamento all'interno del nodulo, sensazione di pressione, raucedine possono essere visti come sintomi. Poiché i noduli hanno anche la tendenza a causare un'eccessiva produzione di ormoni tiroidei, nella persona possono verificarsi disturbi come palpitazioni, perdita di peso, affaticamento, irritabilità e sudorazione.

Come viene identificato il nodulo tiroideo? Quali test e test vengono applicati al paziente?

Dopo un esame completo e test di laboratorio per altre malattie della tiroide di un paziente con un nodulo; La struttura del nodulo deve essere esaminata con metodi di imaging come l'ecografia e la scintigrafia. Mentre il tasso di rilevamento dei noduli mediante esame manuale è del 3-7%, questo tasso aumenta al 20-26% con l'ecografia tiroidea. Pertanto, l'esame ecografico è molto importante per la diagnosi. Una delle caratteristiche più importanti dei noduli è che la maggior parte di loro sono "benigni". Generalmente, non causano gravi problemi di salute. Tuttavia, quando i noduli vengono identificati, è necessario verificare se producono un'eccessiva produzione di ormoni, se hanno caratteristiche cancerose e, se necessario, deve essere eseguita una biopsia. Soprattutto in alcuni gruppi di pazienti, per esempio; Precedente esposizione del paziente alle radiazioni, una storia familiare di cancro alla tiroide di età inferiore a 20 e superiore a 70 anni, sesso maschile, gonfiore a insorgenza improvvisa e in rapido sviluppo nella zona del collo, manipolazione di una massa dura, aderenza del nodulo ai tessuti circostanti , rilevamento di una ghiandola sul collo Se questo è il caso, il rischio di cancro aumenta. Se c'è un sospetto di cancro in questo caso o nodulo con una bassa probabilità, il modo più efficace per determinarlo è la biopsia tiroidea.

Cos'è la biopsia tiroidea? Quali tipi di noduli vengono applicati alla biopsia?

La biopsia tiroidea consiste nel prelevare campioni di tessuto dai noduli con un ago sottile e studiarli in termini di cancro. È anche noto come "biopsia tiroidea con ago aspirato" (FNAB). Il nodulo non deve essere necessariamente molto grande per una biopsia. La biopsia può essere eseguita anche per noduli sospetti inferiori a 1 cm. Oltretutto; È utile eseguire la biopsia in quanto vi è un rischio maggiore di cancro per noduli, noduli duri e molto grandi, noduli singoli e freddi determinati negli uomini e nei bambini. Se il nodulo ha una struttura cistica a pareti sottili contenente solo fluido sugli ultrasuoni, è considerato benigno e non è necessaria la biopsia. Tuttavia, se è troppo grande e causa qualche fastidio al paziente, può essere svuotato con gli ultrasuoni. Negli ultrasuoni; Singolo, solido, di colore scuro (ipoecogeno) prossimo al nero (ipoecogeno), con calcificazioni milimetriche, i cui bordi non sono chiaramente distinguibili o noduli irregolari possono essere maligni. Quando a questo si aggiunge la presenza di linfonodi ugualmente ingrossati sullo stesso lato del collo, è necessario eseguire una biopsia.Negli ultimi anni la durezza dei noduli può essere misurata mediante ecografia con il metodo chiamato sonelastografia. I noduli duri hanno maggiori probabilità di essere maligni.

Come viene eseguita la biopsia tiroidea?

La biopsia tiroidea viene sempre eseguita come aspirazione con ago sottile. Invece di rimuovere un pezzo di tessuto dal nodulo nella tiroide, solo il fluido o le cellule vengono rimossi con un ago. Pertanto, è una procedura sicura e la possibilità di sanguinamento è quasi trascurabile. Il paziente non necessita di alcuna preparazione prima della procedura. Se vengono utilizzati solo fluidificanti del sangue, viene elaborato un piano per la procedura in questi pazienti. Prima di iniziare la biopsia, la ghiandola tiroidea viene esaminata in dettaglio con gli ultrasuoni e vengono determinati il ​​punto e l'angolo di inserimento dell'ago. Dopo che l'area è stata pulita sterile, l'anestesia locale viene applicata al punto di inserimento dell'ago. Con gli ultrasuoni, si accede a noduli molto piccoli con precisione millimetrica, si può seguire la direzione dell'ago e si può prelevare materiale sufficiente dall'area giusta per la biopsia. Con il tracciamento guidato da ultrasuoni dell'ago, viene creato un percorso lontano dall'area in cui le vene sono dense. La stessa procedura può essere applicata individualmente per più noduli. Ogni campione prelevato dal team di patologia viene esaminato al microscopio e si determina se è stata prelevata la quantità sufficiente. Se la quantità è sufficiente, il processo di biopsia viene interrotto. Il paziente, che viene osservato per mezz'ora in termini di possibilità di sanguinamento dopo la procedura, torna a casa o addirittura lavora se non ci sono problemi.

Dopo biopsia tiroidea

La biopsia con ago sottile è accettata come il gold standard nella valutazione dei noduli. Quando un campione sufficiente viene esaminato da un citopatologo esperto, il tasso di affidabilità è vicino al 100%. Il risultato dopo l'esame è il nodulo; beh, cancerose o sospette. In questo caso, mentre i noduli benigni vengono seguiti senza alcuna procedura, è necessario un intervento chirurgico per i noduli sospetti e cancerosi.