I tumori del sangue possono essere curati

Quando il cancro del sangue viene menzionato tra le persone, vengono in mente bambini con maschere sul viso e berretti o bandane in testa. Tuttavia, quei bambini lottano con la "leucemia acuta", che fa parte di questo gruppo di malattie. Gli esperti di ematologia e oncologia medica dell'ospedale Memorial Şişli / Ataşehir, che hanno affermato che la leucemia acuta, la leucemia cronica, il linfoma e il mieloma multiplo sono sotto il titolo di cancro del sangue, hanno fornito informazioni su queste malattie.

La leucemia acuta è più comune nei bambini

Questa malattia, che si sviluppa rapidamente e rende il paziente improvvisamente costretto a letto, è più comune nei bambini. Sebbene non sia comune nel gruppo dei giovani e della mezza età, la sua incidenza aumenta nuovamente dopo i 60 anni. Si manifesta con mancanza di respiro, dolore osseo, infezioni gravi o sanguinamento. Le anomalie osservate nell'emocromo e nei valori del sangue eseguiti nel pronto soccorso sono diversi in ogni paziente. Alcuni hanno piastrine molto basse e altri hanno globuli bianchi molto bassi. A volte, quando il globulo bianco è troppo alto, la diagnosi viene fatta mediante biopsia del midollo osseo. In questa procedura, alcuni test genetici e citometrici a flusso vengono eseguiti osservando il midollo osseo al microscopio. Il tipo e il livello di rischio della malattia vengono determinati in questo modo. Quando il rischio di recidiva di leucemia acuta viene appreso osservando i test genetici eseguiti, il trattamento viene modellato di conseguenza.

La chemioterapia ad alte dosi viene somministrata ai giovani

Il trattamento della leucemia acuta varia a seconda del paziente e della fascia di età. Poiché i pazienti pediatrici tollerano più facilmente la chemioterapia, è possibile ottenere risultati positivi. Tuttavia, con l'avanzare dell'età, questo tasso diminuisce notevolmente. Perché c'è una differenza sostanziale tra la velocità di rigenerazione del corpo di un giovane e la rigenerazione di una persona anziana. Anche le caratteristiche genetiche della leucemia osservate nei gruppi di giovani e anziani sono diverse l'una dall'altra. Poiché ci sono leucemie più resistenti negli anziani, la chemioterapia non può essere somministrata e dopo il trattamento possono verificarsi complicazioni diverse, quindi i pazienti che arrivano con una diagnosi di leucemia acuta dopo i 70 anni non possono essere trattati a volte. La situazione è opposta per i giovani. Vengono sempre somministrate alte dosi di chemioterapia. Il trattamento di questa malattia, che non può essere eseguito chirurgicamente e viene applicato raramente, anche la radioterapia, deve essere trattato in ambiente ospedaliero.

Un altro metodo di trattamento è il trapianto di midollo osseo! Questo trattamento; Viene applicato a pazienti che sono determinati ad essere ad alto rischio dai test genetici e non rispondono bene alla prima chemioterapia. Poiché alcuni tipi di leucemia acuta possono diffondersi al cervello, a questi pazienti può essere somministrata la chemioterapia con puntura lombare del liquido cerebrospinale.

La leucemia cronica progredisce più lentamente della leucemia acuta

Nelle leucemie croniche con molti tipi, la maggior parte dei pazienti è sotto il controllo del medico. La leucemia linfatica cronica si riscontra per caso nell'analisi del sangue. La malattia, che si manifesta con un alto tasso di globuli bianchi, viene diagnosticata con leucemia cronica a seguito di altri esami. La maggior parte dei pazienti viene seguita piuttosto che curata. Nelle leucemie mieloidi croniche, i pazienti possono presentare debolezza, ingrossamento del fegato o della milza. Mezzi medici sono utilizzati nel trattamento di questa malattia, che ha compiuto progressi significativi negli ultimi 15 anni. Esistono differenze nel trattamento delle leucemie croniche meno comuni. Poiché le leucemie croniche non sono fatali come le forme acute, i pazienti possono sopravvivere per anni anche se non vengono curati. Un'altra caratteristica delle leucemie croniche è che progredisce più lentamente della leucemia acuta. Per questo motivo, non bisogna aver paura quando si sente il nome di leucemia nella società.

Il gonfiore dei linfonodi può essere un segno di linfoma

Sebbene il cancro dei linfonodi, il linfoma, che è definito come un tipo di cancro del sangue, si verifica a causa della proliferazione incontrollata dei linfociti che proteggono la persona dalle infezioni. Ma non mostra sempre i sintomi del gonfiore dei linfonodi. Poiché i linfonodi del collo, dell'ascella, dell'addome e del torace sono generalmente gonfi a causa delle infezioni, questo sintomo può essere visto in diversi tumori. La diagnosi più differenziale viene fatta con un esame fisico per i pazienti che si rivolgono a un medico con la denuncia di gonfiore dei linfonodi. Se il linfonodo è molle, non cresce e il paziente non ha febbre prolungata o perdita di peso, i sintomi sono molto probabilmente dovuti a un'infezione. Ma quando si tratta di una ghiandola dura, fissa e in crescita, è più probabile che sia linfa o un altro cancro. Pertanto, questi sintomi richiedono la rimozione e l'esame dei linfonodi.

A volte i pazienti vengono curati, a volte seguiti

Il trattamento di questa malattia dipende dal tipo. I linfomi a crescita lenta si osservano generalmente negli anziani. Se il paziente non presenta reclami, è preferibile il follow-up anziché il trattamento. Se la malattia inizia a progredire, può essere controllata con la chemioterapia a basse dosi. Sebbene non sia completamente distrutto dal corpo, i pazienti non perdono la vita a causa di tali linfomi. Il tipo aggressivo a crescita rapida richiede sempre un trattamento. Ai pazienti viene spesso somministrata una chemioterapia potente, simile al trattamento del cancro al seno. Poiché i linfomi a crescita molto rapida sono leucemie, la chemioterapia viene applicata nell'ambiente ospedaliero. La parte migliore di questa malattia è che si possono ottenere risultati di trattamento.

Il mieloma multiplo risponde positivamente ai farmaci

Le plasmacellule derivano dai linfociti e diventano adulte. Queste cellule, che secernono anticorpi nel sangue, proteggono la persona dalle infezioni. Ma il cancro delle plasmacellule provoca il quadro del "mieloma multiplo". Sebbene questa malattia si manifesti raramente nei giovani, è generalmente osservata di età superiore ai 60-65 anni. Sebbene in passato fosse una malattia temuta ed è sempre stata trattata con la chemioterapia, le cure mediche sono emerse negli ultimi 15 anni. Questa malattia, in cui il paziente può continuare il più possibile la sua vita normale se diventa cronica, cioè se è controllata, può essere trattata con iniezioni sottocutanee a basso effetto collaterale oltre ai farmaci. Nel mieloma multiplo, dove i pazienti possono normalmente continuare la loro vita, a quelli diagnosticati prima dei 65 anni è consigliato il trapianto di midollo osseo dal proprio midollo dopo aver somministrato il primo trattamento. Perché, secondo gli studi, i giovani pazienti che hanno avuto il midollo osseo vivono più a lungo. I sintomi di questa malattia appaiono leggermente diversi dagli altri. Il mieloma multiplo di solito ama l'osso. Fare buchi nell'osso provoca suscettibilità alla frattura. Soprattutto quando i pazienti anziani cadono, questa immagine è comune. Si sospetta il mieloma multiplo se in quell'area si riscontrano una lesione o anomalie nei valori del sangue quando il medico viene consultato con lombalgia e dolore simile dovuto a una caduta. Sebbene l'esame del sangue sia un dato importante per la diagnosi, per i test genetici è necessaria una biopsia del midollo osseo. Oltre all'osso, la malattia può coinvolgere anche gli organi. Se il rene è colpito, diventa difficile da trattare. Quando il calcio aumenta, provoca stitichezza e confusione.