10 fatti sull'epilessia che dovresti sapere

Conosciuta come "epilessia" tra le persone, l'epilessia può essere tenuta sotto controllo grazie a una diagnosi precoce, un trattamento corretto e un follow-up regolare. Gli errori sull'epilessia possono influire negativamente sul processo di trattamento e sull'intera vita dei pazienti. Uz. Dal dipartimento di neurologia dell'ospedale Memorial işli. Dott. Abdullah Özkardeş ha fornito informazioni sui punti da conoscere e ha prestato attenzione sull'epilessia.

1-Puoi avere un attacco senza perdita di coscienza

L'epilessia è un tipo di crisi che si verifica a seguito di un'attività elettrica anormale nel cervello. Quando si parla di epilessia vengono in mente convulsioni che perdono conoscenza con un urlo improvviso, cadendo a terra, sbavando dalla bocca con forti contrazioni. Oltre alle classiche crisi epilettiche chiamate "grande male", possono esserci crisi epilettiche locali come un leggero sussulto o tremori nel braccio del paziente senza perdita di coscienza. Sebbene a volte possano esserci differenze e cambiamenti tra i tipi di crisi, generalmente il paziente ha lo stesso tipo di crisi.

2-Può essere visto a tutte le età, non solo nei bambini

Sebbene la predisposizione familiare sia importante nell'epilessia, è nel gruppo della malattia con una causa sconosciuta. L'idea sbagliata che l'epilessia sia una malattia infantile è comune nella società. Ogni gruppo di età ha epilessie diverse. In generale, le epilessie infantili si risolvono quando la maggior parte di esse si sposta nell'età adulta. Le epilessie di origine sconosciuta, chiamate epilessia idiopatica, possono essere vissute a qualsiasi età. Sebbene in un gruppo minoritario, malattie come trauma cranico, emorragia cerebrale e aneurisma possono anche causare epilessia. Con il prolungamento della durata della vita, l'epilessia può ora essere vista più in età avanzata.

3-Non tutti i traumi e la febbre alta causano l'epilessia

C'è la convinzione che i bambini che cadono dal letto, soffrono di lesioni alla testa o soffrono di febbre alta soffriranno di epilessia. L'opinione che i traumi che non causano danni come fratture craniche ed emorragie cerebrali possano causare un problema in futuro è sbagliata. Ciò che conta non è la gravità del trauma, ma il danno che lascia nel cervello. Tuttavia, se le malattie febbrili non durano a lungo, se il bambino non ha debolezza da un lato del corpo e se non c'è febbre eccessiva e prolungata, non c'è possibilità di epilessia.

4-Aspetta che le crisi passino invece di cercare di aprire la mascella bloccata.

Si cerca di aprire la mascella con un oggetto duro per evitare che il paziente si morda la lingua, la cui mascella è bloccata durante le crisi epilettiche. Mettere un oggetto duro nella bocca del paziente che ha un attacco o tentare di aprire la mascella può causare la rottura dei denti e ulcere alla bocca. Se l'oggetto posto in bocca impedisce la respirazione uscendo in gola, può causare problemi molto più gravi. Tenendo presente che il sequestro epilettico passa da solo ed è limitato, è necessario ricorrere a elementi che proteggeranno il paziente. Si dovrebbe evitare che il paziente che soffre di tremori sbatta la testa contro il terreno duro e il paziente deve essere posizionato su un fianco per evitare che la schiuma e la saliva che si formano nella bocca sfuggano alla gola. Gli oggetti che possono danneggiarlo intorno al paziente devono essere rimossi e gli occhiali devono essere rimossi, se presenti. Dopo che sono state prese le precauzioni necessarie, ci si dovrebbe aspettare che la crisi epilettica, che di solito dura 1-1,5 minuti, passi. Per crisi più lunghe, il paziente deve essere trasportato in un centro sanitario in ambulanza.

5-Annusare la cipolla non fa svegliare il paziente

Annusare le cipolle a un paziente che ha un attacco epilettico è tra gli errori più comuni. Le crisi epilettiche sono coma transitorio. Indipendentemente da ciò che viene annusato, non sarà di alcuna utilità per un paziente che ha crisi epilettiche.

6- I pazienti con epilessia possono fare esercizio

Contrariamente alla credenza popolare, i pazienti con epilessia non hanno alcun danno nell'esercizio. Tuttavia, non bisogna dimenticare che alcune condizioni che riducono la resistenza del corpo sono efficaci nell'insorgenza di convulsioni. Riduce il livello di estrema stanchezza, infezioni, stress, insonnia e attacchi di fame. I pazienti devono stare lontani da sport come calcio, basket, maratona, alpinismo, che si svolgono in gruppo, che possono comportare rischi e possono stancare il corpo.

7- Possono diventare madri con un follow-up regolare

Proprio come i pazienti con epilessia non possono diventare madri, le convinzioni che non hanno nulla a che fare con la realtà sono abbastanza comuni tra il pubblico. Non c'è danno nelle donne con epilessia, cioè epilessia. Tuttavia, i pazienti con epilessia che pianificano una gravidanza dovrebbero parlare con il proprio medico almeno 6 mesi prima e non interrompere mai l'assunzione dei farmaci. Va tenuto presente che alcuni farmaci utilizzati nel trattamento dell'epilessia possono causare disturbi congeniti nel feto. I farmaci che vengono interrotti improvvisamente durante la gravidanza possono causare gravi convulsioni e aborto spontaneo a seguito di convulsioni.

8- Il paziente con epilessia dovrebbe scegliere una professione adatta a lui.

Finché viene scelta la professione giusta, non vi è alcun danno nello studio dei pazienti con epilessia. Invece di essere un soldato, un pilota, una guardia giurata, un cacciatore o un pescatore, dovrebbero essere scelte professioni più tranquille e meno pericolose.

9- L'epilessia non è un disturbo mentale

Si ritiene che l'epilessia sia causata da un disturbo mentale o provochi una perdita di capacità mentale dopo che si è verificata la malattia. Tuttavia, l'epilessia non ha nulla a che fare con i disturbi mentali. Tuttavia, in alcuni casi eccezionali, può portare al declino mentale.

10- L'epilessia è una malattia curabile

Sebbene si pensi che l'epilessia duri tutta la vita e non abbia cura, il suo trattamento è possibile. Le convulsioni sperimentate nella stragrande maggioranza dei pazienti con epilessia possono essere prevenute con i farmaci. I farmaci possono essere sospesi gradualmente, a condizione che non abbiano un attacco per 2 anni. In alcuni pazienti, è possibile che le convulsioni ricominciano quando il farmaco viene interrotto. Tali pazienti possono essere protetti dalle crisi epilettiche utilizzando farmaci per tutta la vita. Il trattamento chirurgico è disponibile per i pazienti con epilessia resistente ai farmaci.

Raccomandazioni per i pazienti con epilessia

  • Follow-up regolari e farmaci non devono essere interrotti.

  • Occorre prestare attenzione al sonno e alla dieta.

  • Stanchezza, stress e depressione possono scatenare convulsioni.

  • Non si dovrebbe passare molto tempo davanti alla televisione e al computer. Nei pazienti con fotoepilessia fotosensibile, le luci brillanti possono innescare convulsioni.

  • Le malattie febbrili dovrebbero essere adeguatamente trattate da uno specialista.

  • L'uso di alcol dovrebbe essere evitato in quanto può influire negativamente sul decorso della malattia.