Cardiac MR

Cos'è una RM cardiaca?

La risonanza magnetica cardiaca è un metodo di imaging cardiovascolare avanzato che fornisce immagini dettagliate del cuore utilizzando onde radio, campi magnetici e computer. La risonanza magnetica cardiaca è anche definita come un metodo diagnostico molto efficace che fornisce informazioni dettagliate sul tipo e le caratteristiche delle malattie cardiache, consentendo una diagnosi rapida e un'accurata pianificazione del trattamento.

Quali sono i vantaggi della RM cardiaca?

  • A differenza di altri metodi di imaging cardiaco, ecocardiografia e tomografia cardiaca, è la caratteristica più importante di questo metodo che fornisce informazioni dettagliate a livello di tessuto. Non esiste un altro metodo diagnostico in grado di valutare il tessuto del muscolo cardiaco in questo modo. Ad esempio, quando l'ecocardiografia viene eseguita su un paziente con insufficienza cardiaca, vengono rilevati solo la presenza e il grado di insufficienza cardiaca. Tuttavia, quando viene eseguita la risonanza magnetica cardiaca, si ottengono informazioni molto importanti sulla causa dell'insufficienza cardiaca. Insufficienza cardiaca; Il metodo di imaging cardiaco che può rispondere al meglio alla domanda se la malattia coronarica è causata da un tipo genetico di insufficienza cardiaca o da un processo infiammatorio dovuto a un'infezione nel cuore è la risonanza magnetica cardiaca. In questo modo si accelera il processo di diagnosi e cura dei pazienti e si dà un grande contributo al decorso della malattia.
  • Pur fornendo tutto ciò, è una caratteristica molto importante di questa tecnica che i pazienti non causino l'esposizione alle radiazioni.
  • Oltre alla diagnosi e al trattamento dei pazienti, è anche importante seguire i pazienti dopo l'inizio del processo di trattamento. Ad esempio, quando un paziente viene valutato con risonanza magnetica cardiaca prima di un intervento chirurgico di bypass, è possibile prevedere la quantità di tessuto che può guarire dopo l'intervento. La risonanza magnetica cardiaca può essere utilizzata per effettuare misurazioni dettagliate e valutazioni basate sui tessuti durante il follow-up.
  • Alcuni farmaci possono avere effetti tossici sul tessuto cardiaco nei pazienti chemioterapici. Le funzioni cardiache possono essere monitorate in dettaglio con la risonanza magnetica, soprattutto nei gruppi di pazienti con scarsa qualità dell'immagine ecocardiografica. Inoltre, poiché non ci sono radiazioni, è anche di grande importanza per i malati di cancro.
  • La risonanza magnetica cardiaca può essere utilizzata anche per indagare sulla presenza di danni permanenti dopo il trattamento dell'infiammazione del muscolo cardiaco (miocardite) o dopo un infarto.
  • Il muscolo cardiaco può anche essere colpito a causa di alcune malattie reumatologiche. Se c'è un coinvolgimento cardiaco e se si pensa che l'insufficienza cardiaca sia dovuta a queste malattie, il trattamento può cambiare completamente. Pertanto, la risonanza magnetica cardiaca è anche molto guida nelle malattie reumatologiche, indipendentemente dal coinvolgimento del cuore o meno.
  • La qualità dell'immagine della RM cardiaca è molto superiore all'ecocardiografia. È possibile effettuare analisi dettagliate per quanto riguarda il volume, la forza di contrazione e l'intera anatomia del cuore. In particolare, il ventricolo destro ha un'anatomia diversa, difficile, a forma di imbuto e la valutazione dettagliata del ventricolo destro è difficile con l'ecocardiografia, mentre la valutazione dettagliata del volume e della funzione può essere facilmente eseguita con la risonanza magnetica cardiaca. La RM cardiaca è uno dei criteri diagnostici nelle linee guida sulle malattie cardiache, che è chiamata displasia ventricolare destra aritmogena (ARVD) e può portare a disturbi del ritmo potenzialmente letali.
  • In alcune malattie di origine genetica, come la cardiomiopatia ipertrofica, che sono causate dall'ispessimento del muscolo cardiaco, il cambiamento del tessuto connettivo nel muscolo cardiaco fornisce informazioni avanzate su possibili disturbi del ritmo, quindi deve essere fatto in questi pazienti. Inoltre, poiché questa malattia ha una forma ereditaria genetica che chiamiamo 'autosomica dominante', quando i membri della famiglia vengono valutati mediante ecocardiografia, se c'è un'interruzione o il sospetto di malattia in stadio iniziale, i membri della famiglia possono essere controllati con una risonanza magnetica cardiaca per una valutazione dettagliata e valutazione basata sui tessuti.
  • Nella valutazione della massa nel cuore, fornisce informazioni dettagliate sul tipo di massa e sulla sua diffusione.
  • Viene utilizzato abbastanza frequentemente nelle cardiopatie congenite in quanto fornisce informazioni avanzate sia in termini di anatomia, volume ed emodinamica. È un metodo diagnostico preferito dai pazienti per decidere il tipo di operazione e per essere liberi da radiazioni nel follow-up di routine successivo, per avere una valutazione emodinamica e per acquisire immagini dettagliate.

In quali malattie viene utilizzata la RM cardiaca?

Una delle aree più comunemente utilizzate è l'insufficienza cardiaca. Il grado di insufficienza cardiaca, i cambiamenti che provoca nelle camere e nelle valvole forniscono informazioni avanzate sul fatto che l'insufficienza cardiaca sia reversibile o meno. A parte questo, come detto sopra, pericardio (pericardio), cardiopatie congenite, malattie valvolari, malattie aortiche; Nella malattia coronarica, il grado di coinvolgimento del muscolo cardiaco e l'eventuale presenza di un disturbo dell'ossigenazione sono le aree in cui la risonanza magnetica cardiaca può facilmente guidare.

La RM cardiaca viene utilizzata anche in pazienti con palpitazioni, svenimenti, vertigini e disturbi del ritmo per indagare se esiste una causa emodinamica focale o anatomica che può causare ciò. Nelle cardiopatie congenite e nelle malattie aortiche, fornisce una diagnosi indolore senza radiazioni, indolore e aiuta nel processo di follow-up e trattamento in pazienti con scarsa qualità dell'immagine e non diagnosticati dall'ecocardiografia.

Come viene eseguita la RM cardiaca? / Come viene applicata? Che tipo di processo attende la persona?

Prima di tutto, una dettagliata anamnesi è presa dai pazienti; Si ottengono informazioni dettagliate sulle funzioni renali del paziente, sulle condizioni allergiche, sul pacemaker, sulla presenza di metallo nel suo corpo e sullo stato di gravidanza. Poiché la cattura e la qualità dell'immagine sono molto importanti per la corretta interpretazione dell'esame, lo scatto; È una parte del processo che deve essere studiata con molta attenzione e richiede un'attenzione particolare. L'accesso vascolare viene aperto in modo che il materiale di contrasto e altri farmaci che potrebbero essere necessari possano essere somministrati prima al paziente. Dopo aver stabilito l'accesso vascolare, il paziente viene portato alla comoda e ampia macchina per la RM cardiaca. La risonanza magnetica cardiaca è un dispositivo simile a un magnete, al centro del quale si trova un tunnel attraverso il quale entra il letto del paziente. Gli elettrodi che registrano la frequenza cardiaca sono attaccati al torace del paziente. Dall'esterno, al paziente viene detto di respirare con i comandi vocali. Ogni tempo di trattenimento del respiro può durare solitamente fino a 10 o 20 secondi. In questo processo, la conformità del paziente ai comandi di respirazione e di non muoversi affatto è molto importante in termini di qualità dell'immagine. Assicurati di fare delle prove con il paziente in anticipo e assicurati che questa parte sia eseguita correttamente. L'estrazione richiede circa 50-60 minuti e non c'è dolore. Successivamente, le immagini vengono analizzate in dettaglio e le relazioni vengono consegnate rapidamente ai pazienti.

A quali pazienti non dovrebbe essere applicata la RM cardiaca?

Le riprese non vengono applicate a pazienti con grave claustrofobia, cioè paura dello spazio chiuso e rifiuto di entrare nel dispositivo. Inoltre, se i valori di urea e creatinina sono superiori a un certo livello negli esami del sangue di pazienti con insufficienza renale, questi pazienti devono essere valutati in anticipo dai loro medici. Le regole generali della RM sono valide anche nella RM cardiaca. Non è raccomandato se il paziente ha una protesi metallica o una batteria incompatibile con la risonanza magnetica in qualsiasi parte del corpo. Se disponibili, pacemaker o cappucci in metallo devono essere compatibili con la risonanza magnetica. Prima di decidere la procedura, è necessario chiedere al paziente se è presente una valvola protesica, una batteria o qualsiasi altra area del corpo con una protesi metallica. Inoltre, i metalli come i piercing devono essere rimossi.

Esiste un processo di preparazione per la RM cardiaca?

Sebbene non esista un processo di preparazione speciale, è importante per il successo dell'esame che il paziente si rada i peli sul petto, se presenti, a causa degli elettrodi attaccati al torace e registrando il ritmo cardiaco nella risonanza magnetica cardiaca. Inoltre, se si verifica una condizione allergica durante l'uso di farmaci prima della procedura, sono necessarie 4-5 ore di digiuno per ridurre al minimo il rischio di nausea-vomito e aspirazione. Inoltre, i farmaci utilizzati possono continuare ad essere utilizzati fino al giorno dell'esame, salvo diversa indicazione. Portare tutti i risultati degli esami precedenti e le relazioni sul cuore prima di iniziare la procedura sarà utile in termini di un esame più olistico del paziente.

Cosa dovrebbe essere considerato dopo la RM cardiaca?

Non è necessario prendere in considerazione dopo la procedura. Il paziente riprende la sua vita quotidiana subito dopo la procedura.

DOMANDE FREQUENTI

Quanto tempo richiede una risonanza magnetica cardiaca?

Ci vogliono circa 50-60 minuti.

La RM cardiaca ha qualche danno ai reni?

Se le funzioni renali del paziente sono compromesse, viene eseguita l'idratazione (iniezione di siero endovenoso) o vengono prese alcune precauzioni. Se c'è un grave problema ai reni, il processo viene eseguito con la nefrologia. Quelli con problemi ai reni dovrebbero assolutamente informare il medico di questo prima della risonanza magnetica cardiaca. Il valore della creatinina viene controllato di routine prima della RM cardiaca. Se il paziente ha un valore di creatinina recente, non viene richiesto di nuovo. Tuttavia, se non è disponibile di recente, la creatinina viene nuovamente controllata nel sangue.

C'è qualche effetto collaterale?

Come accennato in precedenza, non ci sono effetti collaterali della risonanza magnetica cardiaca tranne la possibilità di allergia al mezzo di contrasto da somministrare durante la procedura e la progressione della malattia renale se alcuni pazienti con problemi renali non vengono prestati attenzione e non vengono prese precauzioni.

Viene preso regolarmente nel programma di controllo?

Se non vi è alcuna indicazione nel paziente, non è necessaria l'estrazione di routine. Tuttavia, se il paziente ha una malattia che richiede un follow-up come insufficienza cardiaca, malattia valvolare, cardiopatia congenita, ingrossamento aortico, può essere raccomandato di seguire e valutare questi pazienti con risonanza magnetica cardiaca. Soprattutto nei pazienti con ingrandimento aortico e alcuni follow-up ravvicinati annuali / 2 anni, il follow-up con MRI cardiaca invece della tomografia computerizzata eliminerà l'esposizione alle radiazioni.

Il mezzo di contrasto viene somministrato nella RM cardiaca?

Il materiale di contrasto viene fornito nella RM cardiaca. Ci sono condizioni chiamate coinvolgimento tardivo o precoce del gadolinio nella risonanza magnetica cardiaca. All'inizio del coinvolgimento, viene verificato se c'è un coagulo o un problema chiamato ostruzione microvascolare nel cuore. Nella fase tardiva del gadolinio, il contrasto è essenziale per vedere se c'è un cambiamento del tessuto connettivo all'interno del tessuto muscolare del cuore chiamato miocardio. Se non viene somministrato alcun mezzo di contrasto, non è possibile vedere il cambiamento del tessuto connettivo nel muscolo cardiaco, la localizzazione o la quantità di cellule cardiache morte.