Eroi nascosti della sala operatoria: anestesisti

I medici del Dipartimento di Anestesia e Rianimazione del Memorial Hospital hanno fornito informazioni su come viene applicata l'anestesia generale e regionale, gli effetti sullo stato di salute del paziente e l'importanza dell'anestesia per la chirurgia.

Gli anestesisti sono la parte più importante del team di sala operatoria, anche il loro eroe segreto.

Perché non è possibile iniziare l'operazione senza dare l'anestesia al paziente. I farmaci utilizzati per evitare che il paziente provi dolore durante l'intervento sono determinati e somministrati dall'anestesista e dal medico della rianimazione. È anche la responsabilità più importante dell'anestesista ridurre al minimo alcuni degli effetti negativi dell'anestesia sul corpo umano e garantire che il paziente si risvegli dopo l'operazione senza influire sulle sue funzioni vitali.

Cos'è l'anestesia generale?

La perdita temporanea di coscienza e la diminuzione dell'attività riflessa senza alcun cambiamento nelle funzioni vitali è chiamata anestesia generale. Applicazione di anestesia generale; Provoca la perdita di coscienza, impedisce la consapevolezza del paziente durante l'intervento chirurgico, fornisce conforto al paziente durante l'intervento eliminando il dolore e facilita l'intervento chirurgico sopprimendo l'attività riflessa e il rilassamento muscolare. Con questi effetti, lo scopo dell'anestesia generale è fornire condizioni chirurgiche appropriate. Tuttavia, è anche dovere dell'anestesista mantenere la salute e la sicurezza del paziente durante l'operazione.

Chi può applicare l'anestesia?

L'anestesia può essere applicata da medici che si sono formati in anestesia e rianimazione nell'educazione medica. Anche i tecnici di anestesia, formati per assistere gli anestesisti durante l'intervento, sono una parte molto importante del team di anestesia.

Quali pazienti non sono idonei per l'anestesia generale?

Ogni persona potrebbe dover subire un intervento chirurgico un giorno a causa di motivi vitali. Se l'intervento chirurgico è un intervento obbligatorio che eliminerà le cause pericolose per la vita del paziente, ogni paziente può ricevere l'anestesia. In una tale emergenza, è compito dell'anestesista determinare il metodo di anestesia, i farmaci e il monitoraggio più appropriati e sicuri per il paziente. Tuttavia, se l'intervento chirurgico non è necessario per la salute del paziente, il medico parlerà con i pazienti che saranno pericolosi a ricevere l'anestesia e spiegherà loro la situazione e deciderà insieme cosa fare. Per esempio; Se un paziente con malattia polmonare avanzata è pericoloso per sottoporsi ad anestesia generale, viene informato che se verrà eseguito un intervento chirurgico per ernia, sarà più sicuro per lui sottoporsi ad anestesia regionale o locale parlando con il paziente.

Qual è il rischio dell'anestesia e come viene determinato?

Sarebbe un approccio più corretto parlare del rischio durante l'intervento chirurgico piuttosto che del rischio di anestesia. Perché non è sempre possibile distinguere se qualsiasi evento indesiderato che può accadere al paziente durante l'intervento chirurgico sia dovuto ad anestesia o intervento chirurgico.

Quali sono i fattori di rischio durante l'intervento chirurgico?

  • Rischi relativi al metodo, alle apparecchiature e ai farmaci di anestesia
  • Problemi a seconda del tipo di intervento chirurgico, delle dimensioni e della lunghezza
  • Rischi legati alle caratteristiche fisiche, alle condizioni generali e alle comorbidità del paziente

La combinazione di tutti questi fattori pone il rischio di un intervento chirurgico. L'anestesista valuta insieme tutti questi fattori, determina il rischio di intervento chirurgico del paziente e fornisce le necessarie spiegazioni al paziente. Il medico informa il paziente predisponendo il piano di anestesia più appropriato e sicuro per il paziente.

Qual è la preparazione per l'intervento, cosa si dovrebbe fare?

Dopo che la decisione chirurgica è stata presa sul paziente dal chirurgo, inizia il processo di preparazione per l'intervento chirurgico. È compito dell'anestesista fare il piano di anestesia necessario, determinare il metodo di anestesia e informare il paziente in modo che l'intervento chirurgico pianificato possa essere superato in modo sicuro e confortevole per il paziente. L'anestesista vede e visita il paziente prima dell'intervento e chiede la consulenza di altri rami (cardiologia, malattie respiratorie, neurologia, malattie dell'orecchio, del naso e della gola, ecc.) Queste consultazioni sono per aumentare la sicurezza del paziente durante e dopo il chirurgia. Se valuta i risultati di queste consultazioni e lo ritiene necessario, può rinviare l'operazione fino a quando non riceve il risultato del trattamento. L'obiettivo è che il paziente si sottoponga a un intervento chirurgico nella migliore salute possibile.

Quale consiglio dà l'anestesista al paziente prima dell'anestesia?

L'anestesista apprende i farmaci, le abitudini e le malattie di accompagnamento del paziente e formula le raccomandazioni necessarie per l'intervento chirurgico. Alcuni farmaci devono essere interrotti un po 'di tempo prima dell'intervento chirurgico. Ad esempio: farmaci per fluidificare il sangue come l'aspirina ... Se un paziente che ha l'abitudine di fumare smette di fumare anche una settimana prima dell'intervento, renderà molto più confortevole in termini di respirazione dopo l'intervento. Il paziente che riceverà l'anestesia deve essere affamato (6-8 ore di digiuno) per un intervento chirurgico. Perché l'anestesia da applicare a stomaco pieno può far fuoriuscire il contenuto dello stomaco nei polmoni e questo può avere conseguenze molto pericolose per il paziente. L'anestesista informa inoltre il paziente sul dolore che può verificarsi dopo l'intervento chirurgico e sui modi per alleviare questo dolore. Fornisce suggerimenti su questa situazione che potrebbe verificarsi.

Quali sono i metodi di anestesia regionale, che tipo di interventi chirurgici possono essere applicati?

L'anestesia regionale sta bloccando i sensi nell'area da operare, senza far perdere conoscenza al paziente. L'anestesia regionale può essere suddivisa in "blocco del livello del midollo spinale" e "blocco delle estremità nervose". I blocchi a livello del midollo spinale includono l'anestesia spinale, epidurale e spinale-epidurale combinata e, in sintesi, è il livello desiderato di blocco dei nervi che escono dal midollo spinale e si diffondono al corpo. Questi metodi vengono applicati al paziente dalla vita e vengono eseguiti quando il paziente è in posizione sdraiata o seduta. La maggior parte delle operazioni a livello del midollo spinale dalla vita in giù può essere eseguita con successo. Il paziente è sveglio durante l'operazione, ma l'intervento può essere eseguito facilmente, poiché non sentirà dolore nell'area dell'intervento. Soprattutto nell'anestesia epidurale, posizionando un sottile catetere nello spazio epidurale, si può garantire che il paziente non senta dolore dopo l'operazione. Il blocco a livello del nervo finale è l'intorpidimento dei nervi che vanno in quell'area con un anestetico locale nelle operazioni eseguite nelle regioni terminali del corpo. Le operazioni da eseguire sulla mano, sul braccio o sui piedi con blocchi a livello del nervo terminale possono essere facilmente eseguite solo intorpidendo i nervi che stimolano quella zona. Con lo sviluppo di farmaci e tecniche in anestesia negli ultimi anni, i metodi regionali stanno guadagnando sempre più popolarità. I medici raccomandano decisamente i metodi regionali ai pazienti.

Domande frequenti dei pazienti sull'anestesia:

1. Come viene applicata l'anestesia?

Affinché i pazienti possano venire in sala operatoria più comodamente, di solito viene applicato un farmaco orale chiamato "Premedicazione". L'accesso vascolare del paziente che viene portato in sala operatoria viene aperto per primo. Il paziente viene quindi monitorato per monitorare le funzioni vitali come il cuore, la respirazione e la pressione sanguigna. Dopo questi preparativi, per l'anestesia generale, al paziente vengono somministrati solo farmaci speciali sotto l'autorità dell'anestesista attraverso il siero inserito. Un tubo speciale viene posizionato nella trachea per la continuità e la sicurezza delle vie respiratorie. Dopo aver fornito la profondità sicura dell'anestesia, la chirurgia può essere avviata con il permesso dell'anestesista. La continuità dell'anestesia è fornita dalla somministrazione di farmaci per le vie respiratorie e per via endovenosa insieme o separatamente. Dopo l'operazione, i farmaci anestetici utilizzati vengono sospesi e il paziente viene svegliato sotto la supervisione di un anestesista e portato in sala di risveglio. Il paziente viene riscaldato qui, il suo dolore è alleviato, vengono prese misure contro la nausea e il vomito, e viene comodamente mandato nella sua stanza.

2. Mi sveglierò o sentirò l'intervento?

La più grande paura dei pazienti durante l'anestesia è il risveglio o la sensazione. Questa paura è più intensa nei pazienti che non hanno mai avuto l'anestesia generale. Possibilità di sentire l'intervento chirurgico; È molto raro, ad eccezione dei pazienti che richiedono un'anestesia superficiale per esigenze mediche. Grazie a metodi di monitoraggio avanzati, non è più una possibilità spaventosa come risultato di un attento monitoraggio della profondità dell'anestesia.

3. Potrò svegliarmi al termine dell'intervento?

Dopo la fine dell'intervento, il paziente viene svegliato entro 5-10 minuti, a seconda della scomparsa degli effetti dei farmaci anestetici applicati e della fine dei loro effetti. Sebbene non ricordi molto bene il primo periodo, a seconda della durata dell'intervento e delle dimensioni dell'intervento, non c'è alcun effetto anestetico sul corpo entro 2-4 ore.

4. Posso essere addormentato nella mia stanza per evitare di vedere l'ambiente della sala operatoria?

Portare il paziente dalla sua stanza alla sala operatoria completamente addormentato non ha posto nell'anestesia di routine. L'ambiente in cui è previsto il massimo livello di sicurezza per il paziente in anestesia è senza dubbio l'ambiente della sala operatoria. Invece di somministrare l'anestesia nella stanza del paziente, può essere fornita in modo estremamente sicuro per eliminare completamente il disagio dei pazienti dall'ambiente della sala operatoria o desensibilizzare il paziente con l'applicazione di premedicazione, che viene somministrata per via orale, endovenosa o intramuscolare.