Fattori che influenzano la possibilità di successo della fecondazione in vitro

Direttore del Memorial Hospital IVF Center Prof. Dott. Semra Kahraman ha fornito informazioni sugli attori che influenzano le possibilità di successo della fecondazione in vitro.

Quali sono le nuove applicazioni che aumenteranno le possibilità di successo nelle coppie che hanno subito un trattamento di fecondazione in vitro senza successo in precedenza?

Nelle applicazioni di fecondazione in vitro che in precedenza non erano riuscite, la coppia viene esaminata in dettaglio mentre viene nuovamente trattata e vengono indagati i motivi per i quali non può concepire. Non ci preoccupiamo troppo delle coppie che non sono state in grado di concepire una volta con il metodo IVF. Tuttavia, se la gravidanza non viene raggiunta nonostante i buoni embrioni siano stati somministrati due o più volte, valutiamo la coppia per esami dettagliati.

"Prima di tutto, stiamo indagando sulle ragioni delle donne"

Stiamo cercando di rivelare se ci sono anomalie come aderenze intrauterine, fibromi o polipi nell'utero che possono impedire l'adesione dell'embrione. A tal fine, controlliamo se la cavità uterina è normale dando fluido nell'utero con l'ecografia. Usiamo spesso la tecnica SIS, che è un metodo semplice e indolore per il paziente. Inoltre, il film uterino (HSG) è un metodo utilizzato frequentemente per vedere tali disturbi. Tuttavia, l'esame isteroscopico è più preferito oggi a causa del dolore del metodo HSG e dei rischi come l'infezione. L'isteroscopia è un metodo semplice che ti dà la possibilità di esaminare in dettaglio la cavità uterina con un piccolo sistema di telecamere posizionato all'interno dell'utero. Allo stesso tempo, fornisce facilità di correzione dei disturbi nell'utero. L'isteroscopia è un metodo che usiamo frequentemente per vedere i fattori uterini nei casi che hanno fallito la fecondazione in vitro. Tuttavia, dovrebbe essere eseguito da chirurghi esperti in questo campo.

Inoltre, l'eliminazione di altri problemi che riducono le possibilità di successo, come un'endometriosi (cisti di cioccolato) nelle ovaie (cisti di cioccolato), un mioma uterino o idrosalpinge (l'aspetto ingrandito dei tubi dopo l'infiammazione passata) con l'applicazione della chirurgia laparoscopica aumenta le possibilità di successo.

Un altro motivo che impedisce agli embrioni di aderire è l'accumulo di liquido nei tubi della donna a causa del blocco. In questo caso, che può essere definito mediante ecografia e si chiama idrosalpinge, è possibile rivelare più chiaramente le dimensioni dell'idrosalpinge e correggere il problema mediante una pellicola uterina o una laparoscopia. Il fluido accumulato nei tubi scorre nell'utero e impedisce agli embrioni di aderire o provoca aborti precoci quando si verifica la gravidanza. In questo caso, rimuovere i tubi per via laparoscopica o legarli nel punto in cui si uniscono all'utero aumenta significativamente le possibilità di successo. La raccolta di liquidi nelle provette è uno dei motivi più importanti e comuni che riducono la possibilità di fecondazione in vitro nelle donne.

"I disturbi ormonali impediscono anche lo sviluppo e la tenuta degli embrioni nell'utero"

Malattie della tiroide, è importante l'aumento dell'ormone del latte (prolattina) secreto dall'ipofisi nel cervello. Con i livelli ormonali controllati nel sangue, questi disturbi possono essere identificati e corretti con il trattamento. La malattia dell'ovaio policistico e l'aumento dell'ormone insulinico che può causare rendono difficile concepire e possono portare ad aborti spontanei. A tal fine, la possibilità di gravidanza può essere aumentata somministrando farmaci per il diabete che riducono la resistenza all'insulina.

Se ci sono problemi congeniti o acquisiti relativi al sistema immunitario e di coagulazione dovrebbe essere studiato eseguendo esami del sangue avanzati e il trattamento dovrebbe essere fornito con l'uso di farmaci appropriati quando necessario.

"Esaminiamo gli spermatozoi ingrandendoli 6000 volte"

L'analisi dettagliata dello sperma è di grande importanza negli uomini. I test genetici come il test di microdelezione del cromosoma Y e il test FISH dello sperma devono essere eseguiti se c'è una significativa diminuzione del numero di spermatozoi, mancanza di movimento o deformità nello sperma. Se viene rilevato un problema in questi test, è necessario beneficiare delle tecniche di diagnosi genetica preimpianto in un nuovo trattamento di fecondazione in vitro.

Inoltre, nelle coppie con gravi problemi di infertilità maschile, il fallimento della fecondazione in vitro ricorrente è uno dei problemi che incontriamo frequentemente. Lo sperma di scarsa qualità qui utilizzato riduce l'ulteriore sviluppo degli embrioni e la possibilità di aderenza nella cattiva direzione. Prima del trattamento, è molto importante esaminare in dettaglio gli spermatozoi e definire le gravi deformità presenti. Negli ultimi anni abbiamo utilizzato speciali sistemi di ingrandimento per microscopi sviluppati a tale scopo. In questo metodo chiamato IMSI, ingrandiamo lo sperma di 6000 volte invece di 200 volte con grandi lenti di ingrandimento e speciali sistemi ottici. Pertanto, possiamo identificare anomalie nel nucleo, che include la struttura genetica nell'area della testa dello sperma. Le anomalie in quest'area riducono il successo provocando situazioni come insufficienza nella fecondazione, rallentamento o interruzione dello sviluppo dell'embrione. Il sistema IMSI consente la selezione di spermatozoi che non presentano questi disturbi, il che aumenta le possibilità di gravidanza. Tuttavia, per utilizzare la tecnica, sono necessari biologi addestrati e costosi sistemi speciali, allo stesso tempo, dobbiamo eseguire processi che richiedono più tempo.

Trasferimento di blastocisti

Un altro metodo che utilizziamo nei casi ricorrenti di fecondazione in vitro non riusciti è quello di far crescere gli embrioni fino al quinto e sesto giorno, identificando così quelli con una maggiore probabilità di aderenza e trasferendoli. La capacità degli embrioni di raggiungere questo stadio, che chiamiamo blastocisti, è maggiore e inoltre si possono prevenire gravidanze multiple dando meno embrioni. Dando solo 1 o 2 embrioni, si ottiene una gravidanza più elevata e il rischio di una gravidanza tripletta può essere eliminato. Un altro vantaggio è che gli embrioni a crescita lenta e cattivi si rivelano fino al 5 ° giorno, quindi vengono automaticamente eliminati. In altre parole, alcuni degli embrioni che hanno un bell'aspetto nel secondo e terzo giorno non possono raggiungere il quinto o il sesto giorno. In caso di trasferimento precoce (2 ° o 3 ° giorno), alcuni embrioni selezionati per essere trasferiti al paziente, ritenendoli buoni, possono essere disabilitati automaticamente al raggiungimento del periodo blastocistico. Pertanto, il trasferimento di blastocisti è un metodo alternativo per le coppie che non hanno avuto successo.

Quali altri metodi possono essere utilizzati per sviluppare embrioni migliori?

Quando tutte le ricerche di cui sopra risultano essere normali nelle coppie con applicazioni di fecondazione in vitro non riuscite, preleviamo campioni di tessuto dall'utero e coltiviamo e moltiplichiamo questo campione in laboratorio e sviluppiamo gli embrioni in questo terreno di coltura. Con questa tecnica chiamata co-coltura endometriale, un piccolo campione di tessuto prelevato dall'interno dell'utero il 21 ° giorno delle mestruazioni viene prodotto in condizioni di laboratorio e viene creato un tessuto intrauterino artificiale e gli embrioni vengono coltivati ​​in questo tessuto. La coltura tissutale intrauterina, ricca di fattori di crescita, proteine ​​e nutrienti necessari per lo sviluppo dell'embrione, sostiene così lo sviluppo dell'embrione e gli antiossidanti formati nell'ambiente rimuovono i residui che possono essere dannosi per l'embrione. Questa tecnica viene utilizzata come alternativa ai terreni di coltura artificiali in casi di FIVET precedentemente non riusciti.