Sintomi e trattamento del cancro ovarico

Il cancro ovarico è il cancro più comune e difficile da trattare tra le donne. Il cancro ovarico si sviluppa in 1 o 2 donne su 100 durante la loro vita. Il cancro ovarico è spesso molto avanzato quando viene diagnosticato, quindi il processo di trattamento è più impegnativo rispetto a molti tipi di cancro femminile. Pertanto, come in tutti gli altri tumori, la diagnosi precoce è molto importante per il successo del trattamento. Il cancro ovarico, che costituisce il 4% di tutti i tumori osservati tra le donne, può manifestarsi a qualsiasi età, come si può vedere principalmente dopo la menopausa. Il Memorial Health Group Women's Health and Obstetricians ha fornito informazioni sui sintomi, le cause e il trattamento del cancro ovarico.

Cos'è il cancro ovarico?

Le cellule dell'epitelio costituiscono la struttura principale delle ovaie, che hanno molte cellule diverse nel loro tessuto. Come risultato della divisione e proliferazione incontrollata nelle cellule epiteliali o nelle cellule embrionali cancro ovarico può accadere. Più comune dopo la menopausa tumori ovarici L'80 percento di esso si verifica nel tessuto epiteliale. Visto sotto i 20 anni tumori ovarici I tumori embrionali sono visti nel 60 percento.

>

Cause del cancro ovarico

Cause del cancro ovarico Sebbene non sia noto chiaramente, si può menzionare che alcuni fattori di rischio causano questa malattia. Fattori genetici, ambientali e ormonali tumori ovarici Può essere mostrato tra le ragioni. Cause del cancro ovarico Possiamo elencare come segue;

  • Il rischio aumenta nelle persone con cancro al seno o alle ovaie nella loro famiglia.
  • Negli ultimi anni, i cambiamenti in alcuni geni hanno portato a un aumento del rischio di cancro alle ovaie.
  • Il rischio di cancro ovarico aumenta in coloro che usano farmaci che aumentano l'ovulazione.
  • L'uso della pillola anticoncezionale riduce il rischio di cancro alle ovaie.
  • Il rischio di cancro alle ovaie è maggiore in coloro che non sono mai stati in gravidanza. Il rischio diminuisce in chi partorisce.

Sintomi del cancro ovarico

Sintomi del cancro ovarico spesso non si mostra molto. Sebbene la maggior parte dei sintomi correlati al cancro ovarico siano specifici per la paziente, non vi è alcun riscontro tipico. Sintomi del cancro ovarico Di conseguenza, si può dire come un sintomo di molte malattie; Possono essere elencati dolore addominale, gonfiore e disturbi di stomaco.

Negli stadi avanzati del cancro ovarico, una massa palpabile nell'addome, una sensazione di pressione verso il basso, accumulo di liquidi nell'addome, gonfiore addominale e disturbi urinari e intestinali dovuti alla pressione sugli organi circostanti.

Le irregolarità ormonali possono essere riscontrate in alcuni tipi di cancro ovarico. Di conseguenza, si possono osservare irregolarità mestruali, aumento della secrezione di ormoni maschili, crescita dei capelli, perdita di capelli di tipo maschile. La maggior parte dei reclami di cancro ovarico riguarda il gonfiore addominale.

Visto generalmente sintomi del cancro ovarico Possiamo elencare come segue;

  • Cambiamenti nelle abitudini intestinali, in particolare la comparsa di costipazione,
  • Cambiamento delle abitudini della vescica, necessità di urinare frequentemente,
  • Perdita di appetito o rapida sensazione di pienezza,
  • Sanguinamento vaginale,
  • Perdita di peso
  • Sensazione di pressione e gonfiore nell'addome,
  • Pienezza o dolore all'inguine,
  • Indigestione prolungata, gas o nausea.

Diagnosi di cancro ovarico

Diagnosi precoce del cancro ovarico È molto importante come in tutti gli altri tumori. Per la diagnosi precoce, si raccomanda alle donne di non ritardare i controlli ginecologici di routine annuali. La massa palpabile durante l'esame ginecologico o le masse osservate nelle ovaie durante l'ecografia danno la possibilità di intervenire precocemente nel cancro.

Non tutte le cisti nelle ovaie significano cancro. La maggior parte delle cisti, soprattutto nelle donne in età riproduttiva, sono cisti semplici e innocue. Queste cisti, che scompaiono da sole nel tempo, non rappresentano un rischio di cancro. Per questo si determina se le cisti monitorate all'ecografia dal medico specialista sono dannose o non contengono effetti negativi per l'organismo. Inoltre, tutti i tipi di cisti nelle donne in menopausa e nelle ragazze in età pre-mestruale sono suscettibili al rischio di tumore. Dovrebbe essere valutato in questo senso.

Negli stadi avanzati delle cisti ovariche e delle masse con caratteristiche tumorali, i marker tumorali vengono esaminati nel sangue. Alcuni marker tumorali (soprattutto CA 125) sono alti in alcuni tipi di tumori ovarici. Tuttavia, l'altezza di CA125 e di altri marker tumorali non indica sempre che la massa sia cancerosa, né i marker tumorali bassi escludono il cancro. Oltre ai marker tumorali, l'ecografia Doppler può anche aiutare nella differenziazione dei tumori benigni e maligni mostrando i cambiamenti del flusso sanguigno. Tutti questi metodi sono metodi ausiliari. Nessuno di loro è sufficiente per fare una diagnosi definitiva. Nei casi ritenuti tumorali (siano essi benigni o maligni), le cisti e le masse non possono essere differenziate, eseguire un intervento chirurgico e prelevare una biopsia patologica durante l'intervento consente una diagnosi definitiva.

Se i marker tumorali e gli esami Doppler sono normali in presenza di cisti, se non vi sono risultati che suggeriscano che sia tumore con ecografia ed esame e se la cisti è più piccola di 8 cm, può essere seguita per un po '. Se non ci sono restringimenti o perdite durante il follow-up, è preferibile un intervento chirurgico.

Diagnosi precoce nel cancro ovarico

La risposta del cancro ovarico al trattamento è direttamente correlata a quanto si è diffuso il tumore. Quando il cancro ovarico viene diagnosticato in una fase precoce e con trattamenti appropriati, può essere eliminato dell'80-90%. Il tasso di recupero nei tumori ovarici diagnosticati in una fase avanzata è del 40-50%. Dopo la chirurgia del cancro ovarico e la chemioterapia, dovrebbe essere controllato regolarmente per la possibilità di recidiva della malattia.

Fasi del cancro ovarico

La fase in cui viene diagnosticata è molto importante nel trattamento del cancro ovarico. È necessario sapere se il cancro si è diffuso dall'ovaio all'ambiente circostante e agli organi circostanti. La stadiazione nei tumori ovarici è determinata in base alla diffusione del cancro.

Fase 1: Il cancro è in una o entrambe le ovaie, ma solo nell'ovaio.

Fase 1a: Il cancro è limitato a un'ovaia e all'interno dell'ovaio.

Fase 1b: Il cancro è in entrambe le ovaie ma è ancora limitato all'interno delle ovaie.

Fase 1c: Il cancro è in una o entrambe le ovaie, ma si è diffuso anche oltre il confine dell'ovaio. Una cisti tumorale sull'ovaio è esplosa o sono state trovate cellule tumorali nel fluido nell'addome.

Fase 2: Il cancro si è diffuso ad altri organi nell'area chiamata bacino, che è circondata dalle ossa del bacino.

Fase 2a: Il cancro si è diffuso all'utero, alle tube o a entrambi.

Fase 2b: Il cancro si è diffuso alla vescica o all'intestino crasso.

Fase 2c: Il cancro ha fatto una qualsiasi delle diffusione in 2a e 2b. Inoltre, il cancro si è diffuso oltre il confine ovarico, è scoppiata una cisti tumorale sull'ovaio o sono state trovate cellule tumorali nel fluido nell'addome.

Fase 3: Il cancro si è diffuso nell'addome o coinvolge i linfonodi.

Fase 3a: Le cellule tumorali si sono diffuse nell'addome, ma sono abbastanza piccole da essere viste solo al microscopio.

Fase 3b: Le cellule cancerose si sono diffuse nell'addome ma hanno dimensioni inferiori a 2 centimetri.

Fase 3c: Le cellule tumorali si sono diffuse nell'addome e sono più grandi di 2 centimetri o si sono diffuse ai linfonodi, oppure sono presenti entrambe le condizioni.

Fase 4: Il cancro si è diffuso anche al fegato, ai polmoni o ad altri organi distanti.

Trattamento del cancro ovarico

Il trattamento del cancro ovarico è chirurgico e non solo l'utero e le ovaie, ma anche tutti i tessuti che possono essere trattenuti nel corpo vengono rimossi. La chemioterapia viene applicata dopo il trattamento chirurgico. Il metodo chirurgico è utilizzato in tutte le fasi del cancro ovarico. Nel trattamento del cancro ovarico, se l'asportazione della massa comporta il rischio di danneggiare organi vitali, si mira a ridurre la massa prima con la chemioterapia. Quindi si interviene con la metodica chirurgica, principalmente massa e tessuti cancerosi. Dopo la chirurgia del cancro ovarico, se il cancro non si diffonde al corpo, la chemioterapia potrebbe non essere necessaria. Se il cancro ovarico si sta diffondendo, è necessario applicare la chemioterapia o la radioterapia. Sebbene la chemioterapia vari a seconda dello stadio della malattia, dopo l'operazione vengono applicati 6-9 cicli.

Nuove alternative di trattamento per il cancro ovarico sono ora frequentemente applicate nel nostro paese. I trattamenti con agenti mirati aumentano la probabilità di guarigione, prolungano la sopravvivenza e forniscono un significativo sollievo sintomatico. Viene prestata attenzione per proteggere la riproduzione nel trattamento dei tumori ovarici. Soprattutto nei tumori ovarici a cellule germinali e nei tumori ovarici di tipo borderline osservati in tenera età, è possibile rimanere incinta rimuovendo solo il tessuto canceroso o l'ovaio canceroso e proteggendo l'utero e l'ovaio opposto.