Cos'è il test PCR? Com'è fatto?

Il test PCR, applicato nella ricerca medica e biologica, è stato recentemente utilizzato nel processo di lotta contro il coronavirus. La PCR (Polymerase Chain Reaction) può essere eseguita praticamente, mostrando la presenza del virus nel corpo della persona e come il corpo risponde all'infezione. Il test PCR, chiamato asintomatico e svolge un ruolo attivo nell'identificazione dei portatori di Covid 19 che non presentano sintomi legati al virus, può consentire l'esame di molte brevi copie di DNA da un piccolo campione genetico. Prof. Dott. Sibel Gündeş ha affermato che il test PRC è di vitale importanza per il rilevamento e l'isolamento dei portatori che non mostrano sintomi, riducendo così la velocità di diffusione del virus e controllando l'epidemia e ha fornito informazioni sull'applicazione del test.

Cos'è il test PCR?

PCR (Polymerase Chain Reaction) è definito come un nome comune dato alle reazioni applicate per aumentare enzimaticamente una regione specifica tra due segmenti con sequenza nota nel DNA. La PCR è nota come test diagnostico e mostra anche l'RNA del virus nel coronavirus. In altre parole, il test PCR è un test eseguito per mostrare l'identità del virus nel corpo durante il processo del coronavirus. La PCR, che viene utilizzata anche per diverse malattie, può rilevare anche un piccolo numero di microbi nel corpo. Il test PCR può anche essere chiamato test diagnostico molecolare. Il test può determinare la presenza del virus nel corpo, così come gli anticorpi che il corpo produce in risposta all'infezione.

Il test PCR viene eseguito per diagnosticare quali malattie?

Il nome del test PCR è stato recentemente ascoltato per lo screening del Covid 19, coronavirus. Tuttavia, il test PCR è ampiamente utilizzato non solo nel coronavirus, ma anche nel rilevamento di molti virus, parassiti, microbi o batteri nel corpo, problemi genetici e test di paternità. Molti fattori di malattia possono essere rilevati precocemente e rapidamente con il test PCR.

Come viene eseguito il test PCR?

Nei test PCR, un campione di tampone viene prelevato dal naso e dalla gola con un tampone di cotone sottile. Inoltre, l'espettorato che fuoriesce dopo la tosse può essere prelevato come campione. Se utilizzato per il coronavirus, è più appropriato prelevare campioni dalla gola o dal naso per il test PCR nelle prime fasi della malattia. Tuttavia, in futuro, un esempio dovrebbe essere preso dalle compagnie aeree. Perché nelle fasi successive della malattia, potrebbe non esserci alcun campione del virus nella gola o nel naso. Il campione prelevato dall'operatore sanitario al momento giusto e correttamente viene posto in un contenitore speciale e questo campione viene trasferito nella cartuccia del test in laboratorio. Dopo questo passaggio, il campione viene filtrato automaticamente. Il DNA del virus viene quindi rilasciato dalle onde ultrasoniche. In questa fase, gli agenti PCR e le molecole di DNA vengono miscelati. Successivamente, la propagazione e l'identificazione in tempo reale vengono eseguite nella provetta di reazione. E poi arriva la fase finale. PCR; Denaturazione eseguita nell'intervallo 94 ° C-98 ° C, separazione dei due filamenti di DNA esposti ad alta temperatura, ricottura tra 37 ° C-65 ° C, ovvero il legame di oligonucleotidi sintetici al DNA bersaglio (ibridazione) e Consiste di 3 fasi: fasi di allungamento. Il test viene eseguito ripetendo questi passaggi in un certo ciclo e numero di volte.

Domande frequenti sul test PCR

Quali sono i vantaggi del test PCR?

Con il test PCR si determinano le persone che hanno contratto il coronavirus o chi ne è portatore, si cauterizza il loro isolamento, e in questo modo si fa un passo molto importante per controllare l'epidemia. Inoltre, il test PCR è un test che fornisce risultati in tempi brevissimi. Poiché il sangue non viene prelevato, è un vantaggio importante da eseguire senza dolore.

Il test PCR è affidabile?

La PCR è un metodo di analisi estremamente affidabile. Questo test consente l'identificazione di portatori che non mostrano sintomi nel coronavirus. Quando i portatori verranno individuati, sarà possibile creare un piano precauzionale per controllare l'epidemia di coronavirus.

Chi viene testato con la PCR?

Sebbene il test PCR venga eseguito su persone con sintomi di Covid 19, può essere applicato anche a coloro che non presentano sintomi. A seconda delle condizioni del paziente, i campioni vengono prelevati dal tratto respiratorio superiore o inferiore.

Dove viene eseguito il test PCR?

Il test PCR viene prelevato dalle istituzioni sanitarie approvate dal Ministero della Salute ei risultati si ottengono nei laboratori autorizzati.

Cosa bisogna considerare quando si esegue il test PCR?

Per il test PCR, il campione deve essere prelevato al momento giusto, nel modo giusto. Si deve prestare attenzione a inviare il campione al laboratorio nel quadro delle norme igieniche e ad applicare tutte le misure sanitarie durante il test.

I test diagnostici rapidi sono più affidabili?

Sebbene sia possibile ottenere risultati rapidi in termini di coronavirus nei test diagnostici rapidi, possono essere meno affidabili dei test PCR. È stato osservato che le persone che hanno avuto risultati negativi 5-6 volte nei test diagnostici rapidi hanno avuto risultati positivi nel 7 ° test. Pertanto, anche se i test diagnostici rapidi sono negativi, soprattutto per quelli con sintomi di coronavirus, è necessaria la conferma mediante PCR. A questo punto, se necessario, è molto importante eseguire la tomografia polmonare e isolare il paziente.

Quanto durerà il risultato del test PCR?

È possibile ottenere risultati dal test PCR entro 1-3 ore. A seconda del tempo in cui vengono prelevati i campioni e viene eseguito il test, i risultati possono essere riportati entro 24 ore.

Dove viene utilizzato il test PCR?

PCR; Viene utilizzato per diagnosticare molti virus, batteri e parassiti come malattie genetiche, diagnosi prenatale, coronavirus, medicina legale, ricerca sul cancro, test di paternità, analisi del DNA, HIV ed epatite B.

Qual è la differenza tra il test PCR e il test degli anticorpi?

Una delle cose che dovrebbero essere conosciute con il test degli anticorpi è che questo non è un test dell'antigene. I test antigenici sono test che rivelano se la persona è malata, cioè la presenza di infezione acuta. I test anticorpali hanno lo scopo di identificare se la persona ha avuto un'infezione prima e se è stata immunizzata contro il virus. In altre parole, non fornisce informazioni sul fatto che la persona sia malata al momento del test. Il test PCR fornisce le informazioni genetiche del virus, indipendentemente dal fatto che il coronavirus o un virus diverso infetti il ​​paziente. Il metodo PCR dà risultati quando infettato, quando l'anticorpo della malattia non si forma. Il test degli anticorpi misura gli anticorpi totali di tipo IgG formati dal sistema immunitario del corpo contro il virus SARS CoV-2 che causa il Covid 19. Quindi è un test che mostra se sei immune a questa malattia. È diverso dal test eseguito prelevando campioni dalla gola o dal naso, il sangue viene prelevato dal braccio. È più affidabile dei test che utilizzano il sangue prelevato dal polpastrello. Sebbene il test PCR richieda circa 40 minuti per essere eseguito, il risultato viene riportato al massimo entro 24 ore.

Cosa significa PCR positivo?

Un risultato positivo al test PCR significa che sei stato infettato da questa malattia nel coronavirus. Pertanto, la persona e le persone intorno a lui sono isolate, quindi il rischio di trasmettere il coronavirus ad altre persone può essere ridotto.

Perché viene eseguito il test degli anticorpi?

I test degli anticorpi hanno molti usi. Ad esempio, la più alta richiesta di test proviene dai luoghi di lavoro che si preparano a tornare alla normalità. Grandi fabbriche, banche, scuole, catene di negozi e ristoranti possono richiedere lo screening dei dipendenti prima di tornare al lavoro. Molte aziende eseguono lo screening dell'immunità alle infezioni con questo test e pianificano il processo di ritorno al lavoro. Ad esempio, le persone a rischio di infezione grave possono essere protette eseguendo test anticorpali per gruppi a rischio con età avanzata e malattie croniche, oppure il periodo di fase 1 può essere completato con i dipendenti che hanno test anticorpali positivi. Inoltre, le persone che non hanno visto membri della famiglia con età avanzata e malattie croniche durante il processo pandemico potrebbero voler conoscere il loro stato immunitario con il test e vedere se sono a rischio per i loro cari.

Il test degli anticorpi è affidabile?

Le prestazioni di tutti i test anticorpali vengono valutate in base ai tassi di sensibilità e specificità. Se la sensibilità del test è del 100% (definizione di “positività corretta”), significa che il test è affidabile al 100% se il risultato del test del paziente è positivo. La specificità dei test anticorpali è del 99%, che indica il tasso di "negatività corretta" del test eseguito. Tutti questi valori aumentano in modo direttamente proporzionale all'aumento del numero di persone a cui viene eseguito il test. È chiaro che questi nuovi test sviluppati hanno un'elevata sensibilità e specificità in termini di affidabilità.