Periodo PIPAC nel trattamento dei tumori intra-addominali

Grazie alla metodica chirurgica applicata nel trattamento dei tumori peritoneali, il successo ottenuto con l'applicazione della chemioterapia aerosol pressurizzata nell'addome dà speranza ai pazienti. Nei tumori intra-addominali sottoposti a chemioterapia a caldo, il PIPAC, che pone fine al problema di non raggiungere le pieghe naturali del farmaco, aiuta a controllare il tumore e prolungare la vita nel gruppo di pazienti ideali. Prof. Dott. Erhun Eyübo─člu ha fornito informazioni sull'applicazione di chemioterapia a caldo pressurizzato PIPAC.

Lo "strato peritoneo", che ricopre completamente la parete addominale e allo stesso tempo ricopre gli organi addominali, è uno degli indispensabili di questa regione. Le malattie osservate nell'addome con tumori frequenti sono elencate come pseudomixoma peritonei, appendicite, tumori del colon e del retto, ovaie, pancreas e stomaco, che sono il cancro del peritoneo. Con la progressione del cancro esistente dopo un certo periodo di tempo, le cellule tumorali dovute a queste malattie possono metastatizzare attraverso vie adiacenti, riversandosi nella cavità addominale, nel sangue o nella linfa. All'ultimo punto emerge una malattia che colpisce comunemente tutti gli organi intra-addominali. Si dice che una tabella mostra che il paziente non può beneficiare di alcun trattamento quando il fluido definito acido si raccoglie nell'addome. Il gruppo di casi di cancro avanzato è costituito da loro. In questi casi, al paziente viene somministrata la chemioterapia attraverso l'accesso vascolare, che è definito come chemioterapia sistemica. A volte viene applicata anche la radioterapia, ma a volte la chemioterapia non va oltre un certo punto. Il farmaco raggiunge il peritoneo ma non riesce a penetrarvi perché questa membrana, che non ha una propria vena, è alimentata per diffusione. Pertanto, la dispersione nel peritoneo viene eliminata con il trattamento. Il tumore si diffonde come spruzzare una manciata di bulgur.

Importante nelle metastasi intraaddominali

La peritonectomia e la chirurgia citoriduttiva eseguite in pazienti con metastasi tumorali significano ridurre la riduzione. Alcuni criteri vengono presi in considerazione nella scelta del gruppo di pazienti per il quale verrà applicato questo trattamento. Ad esempio, un paziente con cancro al colon può avere una distribuzione diffusa al peritoneo, anche se la diffusione del tumore non raggiunge il fegato. Nel trattamento di questi pazienti, la membrana peritoneale viene completamente pelata e rimossa. Il chirurgo rimuove tutti i tumori accessibili chirurgicamente o mediante cauterizzazione. Dopo la pulizia, i farmaci chemioterapici che distruggono il cancro, che vengono riscaldati fino a 43 gradi con gli scarichi, vengono somministrati nell'addome. Questa applicazione chiamata Hipec, popolarmente conosciuta come chemioterapia calda, richiede in media 60-90 minuti. Poiché viene praticata un'incisione di grandi dimensioni, il paziente deve rimanere in ospedale per una media di 3-5 giorni. Tuttavia, poiché ci sono molte pieghe nel corpo, a volte il farmaco somministrato potrebbe non penetrare ovunque.

Il comfort del paziente aumenta

Nel metodo PIPAC, cioè nella chemioterapia calda pressurizzata, i farmaci chemioterapici vengono somministrati nell'addome in modo simile, ma questa volta le loro dosi sono al livello di 1/10. Se 10 grammi di farmaco vengono somministrati per via endovenosa al paziente in chemioterapia sistemica per il controllo delle metastasi peritoneali, PIPAC può ottenere un successo simile con 1 grammo di farmaco. In questo modo si riduce l'effetto citotossico dei farmaci antitumorali sulle cellule sane del paziente e si ottiene un alto livello di efficienza.

In questo trattamento eseguito per via laparoscopica, si entra nell'addome attraverso due incisioni, una di 1 cm e l'altra di 0,5 cm. Il farmaco da somministrare viene selezionato in base al tipo di organo da cui ha origine il tumore. Il farmaco chemioterapico riscaldato ad alta pressione somministrato con un apparato simile a una penna si diffonde ovunque dai trocar che entrano nell'addome. Con questo metodo è possibile accedere a tutte le aree, contrariamente alla situazione nel metodo Hipec. Con questo cambiamento nel modo in cui il farmaco viene somministrato, il guadagno del paziente aumenta. Durante la procedura, i punti di riferimento vengono posizionati in determinati punti, quindi il trattamento può essere ripetuto sei settimane dopo, se necessario. Questo è un altro punto in cui PIPAC differisce da Hipec. Questo trattamento, che può essere ripetuto dopo sei settimane se necessario, può essere eseguito da sette a otto o anche 10 volte. Nella terza o quarta applicazione del trattamento, si può vedere che quasi tutto il tumore scompare nei punti in cui vengono tracciati i segni. In casi appropriati, questo trattamento aiuta a migliorare il comfort di vita nelle persone che si ritiene non trarrebbero beneficio da un altro trattamento e ad eliminare la pressione polmonare, la mancanza di respiro e molti effetti collaterali causati dall'accumulo di liquido addominale. Inoltre, al diminuire della pressione, la funzione cardiaca migliora grazie alla circolazione del sangue nell'addome del paziente, l'apparato digerente funziona più comodamente e il tumore diventa controllabile. Anche il tempo di sopravvivenza del paziente può essere prolungato. L'aspettativa di vita da uno a due mesi può talvolta essere aumentata di 10 volte. Ma per questo, lo stato di salute generale del paziente, la struttura cellulare, il tipo di tumore e la struttura genetica sono di grande importanza.

Ai pazienti viene data speranza

I pazienti sottoposti a Hipec e chirurgia citoriduttiva devono rimanere in ospedale per 7-10 giorni, in media, i pazienti sottoposti a PIPAC possono essere dimessi entro un giorno. I pazienti traggono grande beneficio da questo trattamento durante il follow-up. Se il paziente ottiene risultati positivi dal trattamento, l'applicazione può essere ripetuta dopo sei settimane. Questa caratteristica fornisce un vantaggio importante. Quindi, sorge la speranza per i pazienti che si dice non siano in grado di fare nulla. Il tempo di sopravvivenza del paziente può essere prolungato con il metodo PIPAC. In alcuni casi, l'aspettativa di vita da uno a due mesi può essere aumentata fino a 10 volte. Tuttavia, lo stato di salute generale del paziente, la struttura cellulare, il tipo di tumore e la struttura genetica sono di grande importanza per questo.