12 principali malattie che minacciano la vita del nascituro

La vita sana inizia nel grembo materno. Per questo motivo, uno stretto monitoraggio della madre e del bambino è di grande importanza durante la gravidanza. Negli esami di gravidanza di routine vengono valutati in dettaglio i valori della madre e l'anatomia del feto, lo sviluppo dei suoi organi e la crescita del bambino. Nel nascituro possono esserci tutti i tipi di problemi legati a cervello, occhi, viso, colonna vertebrale, braccia, mani, piedi, gambe, cuore, polmoni, stomaco, fegato, intestino e vescica. Mentre alcuni di loro possono essere diagnosticati precocemente nel grembo materno e pianificare il loro trattamento, alcune malattie potrebbero non essere trattate. Fondatore del Memorial Bahçelievler Hospital Centro di diagnosi e cura perinatale Prof. Dott. Cihat ┼×en ha fornito informazioni sui problemi di salute e sui metodi di trattamento che si possono incontrare nella madre o nel bambino durante la gravidanza.

  1. Infezione:Le infezioni contratte dalle future mamme durante la gravidanza possono causare problemi al bambino. Se l'infezione viene rilevata precocemente e la madre viene trattata immediatamente, il danno al bambino viene prevenuto. Non bisogna dimenticare che se queste infezioni vengono trasmesse al bambino, i suoi organi possono essere danneggiati.
  2. Tiroide: Se la madre ha un problema alla tiroide o al gozzo, i farmaci che usa possono influenzare negativamente le funzioni tiroidee del bambino. Uno sviluppo sano nell'utero può essere assicurato modificando la dose del farmaco da somministrare alla futura gestante o somministrando farmaci per la tiroide al liquido amniotico in cui la tiroide del bambino non funziona.
  3. Cuore: Potrebbero esserci problemi nella vena giugulare principale per quanto riguarda la salute del cuore del bambino nel grembo materno e si può vedere il restringimento delle valvole. Se questa contrazione raggiunge una dimensione che influirà seriamente sul cuore, è possibile aprire ed espandere queste valvole con un palloncino mentre si è nel grembo materno. Se il bambino ha palpitazioni o problemi di frequenza cardiaca, questa situazione può essere controllata con farmaci da somministrare alla madre e alcuni problemi cardiaci dovrebbero essere intervenuti non appena il bambino è nato.
  4. Polmoni:A volte nei polmoni si sviluppa una cisti o una struttura simile a una cisti. Quando ciò accade, il polmone si gonfia e il lobo che sviluppa una cisti inizia a premere sull'altro lobo o sul cuore. Se le cisti sono grandi, un tubo viene posizionato all'interno della cisti e la cisti viene svuotata. Se c'è un problema in uno dei lobi polmonari, il vaso che alimenta quel lobo viene chiuso con il laser, impedendogli di esercitare pressione sugli organi circostanti.
  5. Fegato:Può verificarsi un'infezione del fegato. Quando viene trattata l'infezione nella madre, anche il fegato è protetto. Poiché le cisti vascolari e i grovigli vascolari che possono essere visti nel fegato possono progredire fino allo scompenso cardiaco, è necessario adottare misure immediate. Nei casi necessari, viene pianificato un parto prematuro e il bambino viene operato non appena nasce.
  6. Ostruzioni intestinali:In caso di ostruzioni intestinali nel feto, il liquido del bambino si accumula troppo, l'addome si gonfia e potrebbe esserci un parto prematuro. Per questo, il liquido del bambino, chiamato amnios, viene drenato di volta in volta. Inoltre, se le parti dell'intestino dove l'ostruzione sono note in anticipo, è possibile preparare un intervento chirurgico appropriato dopo la nascita del bambino.
  7. Cisti renali: Il rene può contenere interamente le cisti. Se uno dei reni funziona e la ciste nell'altro rene cresce e fa pressione sugli organi circostanti, a volte può essere pianificato un parto prematuro senza aspettare 40 settimane. Il problema renale dopo il parto viene rimosso dal bambino e il bambino può continuare a vivere in modo sano con un solo rene.
  8. Vescica urinaria: Nei reni, l'urina può accumularsi nel mezzo e quindi raggiungere la vescica attraverso il canale e causare accumulo di urina e gonfiore nel rene. In tal caso, un tubo viene inserito nella vescica e l'urina che non può defluire viene drenata da quel tubo. Dopo la nascita del bambino, l'ostruzione urinaria viene completamente rimossa con un breve intervento chirurgico.
  9. Problemi con la sacca: C'è del fluido in una sacca intorno al bambino. A volte la sacca interna può essere strappata e avvolta attorno al braccio o alla gamba del bambino. In questi casi, il luogo con cattiva circolazione può essere separato guardando con una telecamera.
  10. Placenta comune nelle gravidanze multiple: Nelle gravidanze gemellari, se c'è una sola placenta comune, la maggior parte di esse può avere una vena comune. Circa un terzo di questi vasi comuni scambia sangue e colpisce il bambino. In questo caso, le vene comuni vengono chiuse con il laser entrando nell'utero materno con l'aiuto di una telecamera.
  11. Spina bifida:Un bambino nel grembo materno può avere un'apertura in vita nella colonna vertebrale. Alcuni di questi possono essere operati nell'utero. Chiudendo chirurgicamente l'apertura del midollo spinale nel grembo materno, il bambino può svolgere le sue normali funzioni dopo la nascita.
  12. Incompatibilità del sangue:L'incompatibilità del sangue è visibile in alcune gravidanze. Se la madre è negativa e il padre è positivo, la probabilità che il bambino sia positivo aumenta. Se il bambino è positivo, le cellule del bambino passano alla madre e stimolano il sistema immunitario della madre. La madre produce anche una sostanza chiamata anticorpo contro di essa. Questo anticorpo prodotto dalla madre passa attraverso la placenta e scompone le cellule del sangue del bambino e provoca anemia nel bambino. In tal caso, il sangue viene somministrato al bambino dal cordone ombelicale. Questo sangue può rimanere nella circolazione del bambino per circa 50-60 giorni. Il supporto del sangue esterno può essere somministrato al bambino 2-3 volte durante la gravidanza. Con il sangue dato dall'esterno, mentre il bambino è vivo, dopo la nascita, inizia a produrre il proprio sangue.

Concentrati sulla vita del bambino, non sul rischio di aborto spontaneo

L'inevitabile tasso di aborto spontaneo dopo gli interventi nel grembo materno è indicato come uno su mille casi. La decisione per un intervento chirurgico, che viene alla ribalta prima della nascita del bambino, viene presa solo in situazioni vitali. Se il bambino non viene operato, può essere danneggiato molto di più. In questi casi, è necessario ignorare il rischio di aborto spontaneo e concentrarsi sulla vita del bambino. Non bisogna dimenticare che se queste procedure vitali non vengono eseguite, il bambino potrebbe perdersi o nascerà con gravi danni agli organi.