Problemi polmonari dei bambini prematuri

I bambini prematuri devono affrontare molti problemi di salute diversi, in particolare problemi ai polmoni. Prima nasce il bambino, maggiore è la frequenza e la gravità di questi problemi. La “malattia polmonare cronica” (displasia broncopolmonare-BPD) del neonato è definita come la continuazione del fabbisogno di ossigeno del bambino dopo la 36a settimana secondo l'ultimo periodo mestruale. Prof. Dott. Fazilet Karakoç ha fornito informazioni sui problemi polmonari che possono essere riscontrati nei bambini prematuri.

Cos'è la malattia polmonare cronica? Succede con ogni bambino nato prematuramente?

La frequenza di sviluppo di malattie polmonari croniche è del 30% nei bambini nati <1000 ge di circa il 52% nei bambini nati tra 501 e 750 g. Sebbene la nascita prematura dei bambini colpisca principalmente i polmoni, questi bambini hanno spesso problemi legati al cuore, alla nutrizione e allo sviluppo neurologico e questi problemi si influenzano a vicenda.

La malattia ha gradi di gravità?

Malattia polmonare lieve:Bambini il cui fabbisogno di ossigeno persiste durante il periodo di ricovero del bambino (fino alla 36a settimana dopo la nascita), ma il cui ossigeno è normale nell'aria della stanza all'uscita e che non necessitano di ossigeno o supporto respiratorio sulla via di casa.

Malattia polmonare media:Nell'aria della stanza, l'ossigeno del bambino è basso, richiede una piccola quantità di supporto di ossigeno (meno del 30%) per mantenere l'ossigeno a valori normali. Alcuni bambini usano costantemente l'ossigeno a casa, altri lo usano solo di notte o durante l'alimentazione.

BPD pesante:Bambini che necessitano di più del 30% di ossigeno o supporto respiratorio con alcuni dispositivi per avere valori normali di ossigeno nell'aria della stanza.

Cosa dovrebbe essere considerato quando il bambino sta tornando a casa?

I punti importanti da considerare prima che un bambino con malattia polmonare cronica venga rimandato a casa includono:

  • Dovrebbe essere determinato se il bambino ha bisogno di ossigeno durante il sonno, durante il riposo e durante l'allattamento. Alcuni bambini hanno bisogno di tornare a casa con l'ossigeno. Alcuni bambini hanno sempre bisogno del supporto dell'ossigeno mentre altri hanno bisogno solo del supporto dell'ossigeno durante il sonno o l'alimentazione.
  • Se la respirazione del bambino si interrompe di tanto in tanto (apnea), è necessario tenerla sotto controllo prima di tornare a casa. In questo caso, oltre ad alcune terapie farmacologiche utilizzate, sarebbe opportuno prevedere monitor per il monitoraggio domiciliare in situazioni molto rischiose.
  • È importante che il paziente abbia iniziato ad aumentare di peso a sufficienza.
  • Nei pazienti che non possono essere nutriti a sufficienza per via orale, può essere necessario somministrare i dispositivi necessari per l'alimentazione attraverso il naso o lo stomaco.
  • È anche importante valutare l'assistenza che la famiglia può dare al paziente a casa nei pazienti che si prevede di essere rimandati a casa. Molti fattori come la struttura familiare, le prestazioni della famiglia verso la fornitura di cure e cure del bambino, l'assicurazione sanitaria, la vicinanza all'istituto sanitario e all'ospedale in cui vive la famiglia dovrebbero essere attentamente valutati prima che il bambino venga rimandato a casa.
  • La formazione necessaria dovrebbe essere fornita a coloro che si prenderanno cura della cura del bambino per monitorare la cura del bambino, l'alimentazione, i farmaci, le misure di controllo delle infezioni, il colore del bambino, il modello respiratorio, la temperatura, il polso, la frequenza respiratoria.
  • La famiglia dovrebbe essere informata su cosa fare in caso di emergenza e dovrebbe ricevere una formazione sulla rianimazione.

Hanno bisogno di essere ricoverati di nuovo?

Nonostante tutte queste precauzioni, i bambini nati prematuramente e con malattie polmonari croniche spesso necessitano di nuovo ricovero in ospedale a causa di malattie del sistema respiratorio come polmonite e bronchiolite, soprattutto nei primi due anni di vita. La necessità di riospedalizzazione è maggiore nei bambini che usano l'ossigeno a casa e hanno una grave malattia polmonare

Come dovremmo proteggerci dalle infezioni delle vie respiratorie?

Il virus RSV è un'importante causa di ospedalizzazione in questi bambini e, quando necessario, si raccomanda l'uso di alcuni medicinali (Palivizumab) somministrati mensilmente durante l'inverno per proteggere i bambini dall'infezione da RSV.

Oltre all'RSV, come adenovirus, l'influenza AB (agenti influenzali) può anche causare infezioni del tratto respiratorio in questi bambini. I focolai di influenza stagionale in questi bambini possono portare a condizioni pericolose per la vita. Per questo motivo, si raccomanda che se il bambino ha più di 6 mesi, venga somministrato il vaccino antinfluenzale e se il bambino ha meno di 6 mesi, le persone che hanno contatti con il bambino a casa dovrebbero avere il vaccino contro l'influenza.

Hai episodi ricorrenti di respiro sibilante?

Nei bambini nati prematuramente sono comuni attacchi di sibili, che provocano il ricovero al pronto soccorso, soprattutto nei primi due anni di vita. Quando questi bambini si presentano al pronto soccorso con lamentele di tosse, respiro sibilante e mancanza di respiro, vengono trattati con farmaci somministrati attraverso le vie aeree simili ai pazienti asmatici.

Ci sarà un reflusso? A cosa dovremmo prestare attenzione nella nutrizione?

La frequenza del reflusso (reflusso del cibo e del contenuto dello stomaco dallo stomaco all'esofago) è stata riportata tra il 18,4% e il 63% in diversi studi su bambini con BPD. Il reflusso in questi bambini può aumentare i disturbi respiratori già esistenti.

Nei neonati prematuri e nei bambini con malattia polmonare cronica, la suzione può essere insufficiente e può essere presente la coordinazione tra suzione / deglutizione. Il riconoscimento precoce di questa condizione e la pianificazione del suo trattamento sono importanti sia per la continuazione della nutrizione e della crescita, sia per la prevenzione dei problemi polmonari.

Alcuni semplici suggerimenti per la famiglia per prevenire il reflusso:

  • La posizione sdraiata è importante. Ci dovrebbe essere un angolo di 45 gradi tra la testa e il corpo del bambino.
  • Sarà opportuno che il bambino venga nutrito sempre meno frequentemente.
  • In casi necessari, alcune terapie farmacologiche possono essere raccomandate per il reflusso.
  • Il reflusso può essere trattato chirurgicamente in un piccolo numero di pazienti i cui sintomi gravi da reflusso persistono e i sintomi respiratori sono evidenti nonostante tutti i tipi di prevenzione e terapia farmacologica intensiva.

Hai problemi di cuore?

I bambini il cui sviluppo della crescita è lento e che necessitano di ossigeno prolungato dovrebbero essere valutati cardiologicamente. Di conseguenza, i bambini nati prematuramente e con malattie polmonari croniche (continuazione del fabbisogno di ossigeno del bambino dopo la 36a settimana secondo l'ultimo periodo mestruale) possono rivolgersi al pronto soccorso con malattie come bronchite, polmonite, respiro sibilante, ecc., In particolare nei primi anni di vita. È importante valutare il paziente e trovare il motivo e pianificare i trattamenti necessari il prima possibile.