Se hai la tosse che non va via e il tuo respiro si restringe, attenzione!

La vita inizia prima con la respirazione e il corretto funzionamento dei polmoni è vitale per una respirazione sana. La BPCO, che si osserva tra il 15-20% degli adulti di età superiore ai 40 anni in Turchia, rende difficile la respirazione sana e mette in pericolo la vita umana. Prima del 21 novembre, Giornata mondiale della BPCO, il Prof. Dott. Metin Özkan ha fornito informazioni sulla malattia della BPCO e sui metodi di trattamento.

Potrebbe esserci un fischio nel tuo respiro

Mancanza di respiro, un fischio durante la respirazione, tosse ed espettorato sono i principali sintomi della BPCO. Poiché la tosse e la produzione di espettorato sono comuni nei fumatori, non sentono la necessità di consultare un medico. Tuttavia, questi sintomi sottostimati possono essere precursori della BPCO. L'attività fisica diminuisce a causa della mancanza di respiro che aumenta nel tempo ei muscoli del paziente iniziano a indebolirsi poiché non può uscire. La graduale diminuzione dell'attività fisica compromette gravemente la qualità della vita del paziente e fa progredire la malattia.

Non confondere i sintomi con il raffreddore o l'influenza

2,9 milioni di persone muoiono nel mondo a causa della BPCO. Il fatto che la società non disponga di informazioni sufficienti sulla BPCO, che è diventata la terza causa di morte nel mondo, rende difficile la diagnosi precoce e il trattamento efficace della malattia.

La diagnosi precoce della BPCO riduce i tassi di disabilità e mortalità legate alla malattia. La malattia può essere facilmente diagnosticata con il "test di misurazione del respiro", che è un test semplice e indolore. Pertanto, se almeno uno dei disturbi di tosse cronica, espettorato e mancanza di respiro è presente in persone di età superiore ai 40 anni, che fumano o bevono, o in ambienti occupazionali o polverosi, la persona deve consultare un pneumologo e respirare test di misurazione.

Evita il fumo

Il fattore di rischio più comune per lo sviluppo della BPCO in tutto il mondo è il fumo. Anche l'uso di sigari, pipe, narghilè e fumo di tabacco ambientale, tra gli altri prodotti del tabacco, contribuisce allo sviluppo della BPCO. Lo sviluppo della BPCO nei non fumatori è visto in coloro che utilizzano biomasse (legno, letame, combustibile simile alle radici) e in coloro che lavorano in luoghi di lavoro polverosi e fumosi, a seconda dell'inquinamento atmosferico nell'ambiente di vita. La "riduzione dell'attività fisica, inattività", la cui importanza è stata sottolineata negli ultimi anni, è oggi accettata come fattore di rischio.

Non trascurare le vaccinazioni contro l'influenza e la polmonite, non smettere di camminare

Sebbene la BPCO sia una malattia progressiva, può essere prevenuta e trattata se un medico viene consultato precocemente. Il primo passo del trattamento è smettere di fumare. Oltre a questo, la persona dovrebbe stare lontana da altre polveri nocive e fumo e sottoporsi a vaccinazioni contro l'influenza e la polmonite. Oltre ai farmaci per inalazione, l'aumento dell'attività fisica è un passo importante sia nello sviluppo della malattia che nella prevenzione della progressione della malattia e delle conseguenze negative. Si raccomanda ai pazienti di camminare il più possibile. Gli esercizi respiratori e la fisioterapia sono efficaci e benefici almeno quanto i farmaci inalatori nei pazienti con BPCO grave.

È possibile aumentare la capacità di esercizio con nuovi metodi di trattamento.

Nei pazienti con insufficienza respiratoria dovuta a BPCO, l'ossigenoterapia a lungo termine, che chiamiamo LTOT, può essere utilizzata a basse dosi (1-2 lt / min) fino a 16 ore al giorno. Inoltre, nei pazienti con insufficienza respiratoria, la respirazione può essere supportata da una maschera che si adatta perfettamente al viso con un dispositivo chiamato CPAP.

Negli ultimi anni, la terapia con valvola e bobina (filo intelligente) è stata utilizzata per aumentare la capacità polmonare in un numero molto limitato di pazienti con enfisema grave. Queste procedure vengono eseguite non per curare la malattia, ma per aumentare la capacità di sforzo del paziente e devono essere eseguite in un ospedale completamente attrezzato con condizioni di terapia intensiva.