Lacrime meniscali nell'articolazione del ginocchio

Lacrime meniscali nell'articolazione del ginocchio

Gli specialisti di ortopedia e traumatologia del Memorial Hospital hanno fornito informazioni sulla malattia del menisco e sui metodi di trattamento. Oggi, poiché le attività sportive e gli esercizi mirati alla forma fisica sono richiesti, gli infortuni al ginocchio sono sempre più comuni nelle persone di tutte le età. L'articolazione del ginocchio è l'articolazione più grande del corpo. L'articolazione del ginocchio è composta da 3 ossa. Sopra c'è la frattura della coscia (femore), sotto c'è l'osso della gamba (tibia) e la parte anteriore è l'osso della rotula. Sebbene l'articolazione del ginocchio sia un'articolazione di tipo a cerniera che consente la flessione e l'estensione, mostra anche la funzione dell'articolazione dei rotatori durante il movimento. Poiché le facce articolari non sono molto adatte l'una all'altra, l'articolazione è rinforzata con tessuti ausiliari. Questi sono i legamenti dell'articolazione del ginocchio (legamenti) e le cartilagini a forma di fossa (menischi).

Anatomia:

Ci sono due menischi fibrocartilaginei in ciascun ginocchio, interno ed esterno. I menischi hanno la forma di una mezzaluna, le parti periferiche hanno la forma di una cavità e una forma triangolare spessa (nelle sezioni trasversali) e sono posizionate in modo da coprire la superficie articolare della tibia 3/2. I menischi sono strutture elastiche con fibre di collagene sotto forma di fitte maglie strette per resistere alla compressione e hanno svolto compiti importanti. La funzione di assorbimento degli urti dei menischi fornisce stabilità al ginocchio, aiutando ad alimentare le cartilagini articolari, distribuire il carico su un'area più ampia e proteggere le cartilagini articolari dall'alta pressione.

Eziopatologia:

Le lacrime del menisco possono essere viste a qualsiasi età, ma il loro meccanismo di occorrenza è diverso. Poiché il tessuto del menisco è intatto nei giovani, sono lacerati a causa di gravi traumi. Va tenuto presente che il trauma e la tensione che causano la rottura del menisco provocano lesioni alla capsula, ai legamenti laterali e ai legamenti crociati. In età avanzata, il menisco si indebolisce a causa della degenerazione e può lacerarsi anche con movimenti molto semplici del ginocchio. Poiché il menisco interno è più largo e più spesso e aderisce saldamente al legamento laterale mediale, è ferito e lacerato 5-7 volte più spesso del menisco esterno più mobile. Le lesioni meniscali sono classificate in base al tipo di lacrime: - lesioni longitudinali; È parallelo al bordo del menisco, può essere parziale o completo. - Lacrime trasversali; Si presenta sotto forma di separazione delle facce superiore e inferiore del menisco - Lacrime oblique - Lacrime radiali (verticali alla periferia) - Diversi tipi di lacrime (lembi, a forma di secchio, pettine a pappagallo, lacrime meniscali miste o degenerative). , con lo sviluppo della chirurgia artroscopica negli ultimi anni, la riparazione delle lesioni meniscali periferiche è diventata uno dei metodi di riparazione utilizzati.

Segni e sintomi clinici:

Ci sono tre sintomi principali come dolore, gonfiore e bloccaggio nella maggior parte delle lacrime del menisco. Il dolore è il sintomo più importante e spesso si verifica a livello articolare sul lato del menisco lacerato. Il dolore aumenta sulle scale e mentre si è accovacciati, il blocco si verifica quando la parte del menisco lacerata viene schiacciata nello spazio articolare e il ginocchio piegato non può essere aperto per molto tempo. L'accumulo di liquidi si verifica spesso nel ginocchio con una lesione meniscale. Il paziente percepisce questo come una sensazione di gonfiore e pienezza al ginocchio. La sensibilità può essere riscontrata in tutto il range articolare, indicando lacrime o stiramenti agli attacchi periferici del menisco.

Diagnosi:

La diagnosi si basa sull'anamnesi, sull'esame obiettivo, sui test speciali per il menisco, sui metodi radio-diagnostici e sull'artroscopia, sull'anamnesi del paziente, sul tipo e sull'ora della lesione, sulla gravità del trauma, sui reclami, sui risultati dell'esame e sui test speciali (mcmurray, test di Apley). essere sospettato di rottura del menisco. I menischi non si vedono sui normali raggi X; tuttavia, si consiglia di tirarlo per vedere altre anomalie nel ginocchio. Il miglior strumento diagnostico è la risonanza magnetica (MRI), che mostra rotture del menisco tra l'80 e il 93%, così come altre strutture articolari. Se questi non possono essere diagnosticati, la diagnosi può essere fatta definitivamente esaminando il ginocchio con l'artroscopia.

Trattamento:

Trattamento conservativo: a seguito di un trauma acuto al ginocchio, il primo trattamento fino alla diagnosi di patologie al ginocchio dovrebbe essere il cancro, prima di tutto si libera l'estremità dal carico e si porta a riposo. Il trattamento sintomatico è fornito dal punto di vista medico con farmaci antinfiammatori e analgesici. Dopo la riduzione dei sintomi acuti, l'articolazione del ginocchio viene attentamente esaminata e il corso del trattamento viene determinato in base ai risultati. Il trattamento iniziale viene continuato per una media di 10-20 giorni a seconda della gravità della lesione. Dopo questo periodo, viene applicato il peso Nella fase successiva, il dolore alla palpazione localizzato nel ginocchio continua; Tuttavia, se il sistema legamentoso è intatto, se non c'è bloccaggio e idroartrosi, si prosegue il trattamento conservativo, avvolgendo il ginocchio una fascia elastica o una ginocchiera. Al paziente viene detto di fare una pausa dalle attività sportive e gli esercizi progressivi del quadricipite vengono continuati e il paziente viene monitorato.

Trattamento chirurgico:

1-) Dopo il primo trattamento, quando il dolore ricorrente e le effusioni in corso e sintomi come il bloccaggio iniziano a prevenire la vita quotidiana o sportiva, il trattamento chirurgico per il menisco prevede la rimozione chirurgica dei menischi, cioè le meniscectomie, le meniscectomie totali che comportano la rimozione di l'intero menisco o asportazione della sola parte lacerata Viene eseguita come meniscectomia parziale. 2-) Le riparazioni del menisco sono l'ultima fase del trapianto di menisco nei trattamenti del menisco fissando le lacrime con punti nelle lacrime pereriche.È un metodo alternativo per prevenire futuri cambiamenti degenerativi in ​​pazienti con menisco precedentemente rimosso e per riguadagnare il loro contributo alla stabilità del ginocchio. Il principio del trapianto, sempre più applicato negli ultimi anni, continua ad essere vivo nel nuovo ginocchio dove viene trapiantato il tessuto menisco prelevato dal cadavere.

Artroscopia:

È un metodo ampiamente utilizzato nella diagnosi e nel trattamento delle principali lesioni articolari in tutto il mondo. È una procedura chirurgica minore che non danneggia il paziente. L'artroscopia si basa tecnicamente sul principio di visualizzare chiaramente l'interno dell'articolazione dallo schermo del monitor con l'aiuto di strumenti più sottili di una matita posizionata nell'articolazione con l'aiuto di incisioni chirurgiche molto piccole e con l'aiuto di una telecamera a fibre ottiche. Poiché le strutture che garantiscono la resistenza dell'articolazione non vengono danneggiate, i nostri pazienti possono tornare ai loro vecchi lavori e attività in brevissimo tempo dopo l'artroscopia. Dopo l'operazione, la pelle non viene cucita. La maggior parte dei pazienti può essere dimessa lo stesso giorno.

Per Informazioni e Appuntamenti: 444 7 888