5 Avvertenze contro le infezioni del tratto auricolare esterno

In questo periodo in cui ci avviciniamo agli ultimi giorni dell'estate, chi trascorre le vacanze prescolari rinfrescandosi in piscina e al mare può affrontare soprattutto infezioni alle orecchie. L'infiammazione del condotto uditivo esterno, che si manifesta con un dolore all'orecchio particolarmente grave, è uno di questi problemi. Dal Memorial Kayseri Hospital Ear Nose Throat Department op. Dott. Ali Osman Aksoy ha fornito informazioni sulle infezioni del condotto uditivo esterno e sul loro trattamento e sui modi per prevenire la malattia.

Il "cerume" è un meccanismo di difesa

Il condotto uditivo esterno ha una struttura autopulente. Il "siero" o "tappo", secreto dalle ghiandole sudoripare e sebacee all'ingresso del canale uditivo esterno e noto come "cerume" tra le persone, è il meccanismo di difesa più importante. La natura acida di questa epidemia impedisce ai microbi di riprodursi, proliferare e sviluppare una malattia. Il canale uditivo esterno è resistente alle infezioni grazie al suo meccanismo di difesa naturale. Tuttavia, quando questa funzione è compromessa, l'umidità e il calore nell'orecchio creano un ambiente favorevole alla moltiplicazione di batteri e funghi.

Il tampone auricolare è la causa più importante di infezione

Il motivo più importante per il deterioramento della funzione del canale uditivo esterno è qualsiasi corpo estraneo appuntito e duro utilizzato per pulire o graffiare il condotto uditivo. Più tamponi auricolari preparano il terreno per queste infezioni. Gli oggetti estranei a contatto con il condotto uditivo causano piccoli graffi e crepe nella pelle che riveste il condotto uditivo. L'interruzione e il danneggiamento dell'integrità della pelle nell'orecchio creano un ambiente favorevole alla moltiplicazione di microbi e funghi. Normalmente, esiste già una popolazione di microrganismi chiamati "flora" nel condotto uditivo esterno. Se questo numero è superiore al normale, provoca un'infiammazione del canale uditivo esterno chiamata otite esterna.

La lunga permanenza in acqua rende il problema cronico

Nuotare a lungo in piscina o in mare è un'altra causa di infiammazione del condotto uditivo. Soprattutto cercando di rimuovere l'acqua nell'orecchio con un batuffolo di cotone si danneggia lo strato oleoso. In chi rimane a lungo in acqua l'infiammazione del canale uditivo esterno diventa cronica, la pelle si ispessisce e il condotto uditivo si restringe. I sintomi più importanti dell'infiammazione del canale uditivo esterno sono prurito, dolore e conseguente perdita dell'udito. Di solito, il prurito che inizia prima e poi un forte dolore diventa inevitabile dopo un po '. I pazienti spesso consultano un medico quando inizia la perdita dell'udito.

Versare 2-3 gocce di aceto può alleviare il prurito

Il condotto uditivo deve essere sempre mantenuto asciutto per evitare infezioni. Se c'è prurito nell'orecchio, saranno utili 2-3 gocce di aceto. L'aceto rende sana l'acidità del canale uditivo esterno danneggiato. Nonostante ciò, se il prurito e il dolore aumentano gradualmente, è necessario consultare immediatamente uno specialista ORL. Nel trattamento delle infiammazioni del canale uditivo esterno il problema si risolve con gocce di antibiotico e cortisone pulendo i depositi formati da microbi o funghi che ostruiscono il canale.

Per essere protetti dalle infezioni del condotto uditivo esterno ...

  1. Non scegliere piscine con condizioni igieniche inadeguate e basso livello di cloro.
  2. Fai una doccia prima di entrare e dopo essere uscito dalla piscina.
  3. Non rimanere in acqua per più di 30-40 minuti.
  4. Utilizzare un tappo in silicone a tenuta stagna prima di entrare in piscina o in mare.
  5. Tenere asciutto il condotto uditivo, non utilizzare tamponi di cotone per pulire le orecchie e non tentare di rimuovere il cerume.