5 suggerimenti per ridurre il rischio di prolasso uterino

Il prolasso uterino, che è più comune nelle donne con l'avanzare dell'età, si verifica in circa la metà delle donne di età superiore ai 50 anni. L'incidenza nel corso della vita varia del 30-50%. L'11% delle donne corre il rischio di subire un intervento chirurgico a causa del prolasso dell'utero e della vescica. Le donne sono colpite sia fisicamente che psicologicamente a causa di questo problema e possono isolarsi dalla vita sociale. Assoc. Dott. Semih Zeki Uludağ ha fornito informazioni sul prolasso uterino.

Il rischio aumenta dopo la menopausa

È noto che il danno ai nervi, ai muscoli e al tessuto connettivo è efficace nella formazione del prolasso uterino. Fattori come l'età avanzata, la stitichezza cronica e la tosse, il sollevamento di carichi pesanti continui, la gravidanza, il parto vaginale (nascite multiple o la storia del parto di un bambino grande), l'obesità e la predisposizione genetica giocano un ruolo importante nel prolasso uterino. Questo rischio aumenta ancora di più quando si è privati ​​del supporto estrogeno, soprattutto dopo la menopausa. La maggior parte delle donne esita a parlare al medico dei sintomi legati a questo problema. A volte questo problema può essere rilevato accidentalmente durante l'esame. Il prolasso uterino può spesso essere accompagnato da un prolasso della vescica e dell'intestino chiamato "rettocele". Inoltre, dal barbiere si vedono anche problemi urinari e di defecazione dovuti a cedimenti.

Influisce negativamente sulla vita sessuale

Le donne consultano principalmente un medico con disturbi come dolore inguinale e lombare, massa palpabile, difficoltà a urinare e defecare, sensazione di svuotamento incompleto o incontinenza urinaria, sanguinamento o formazione di ferite dovute allo sfregamento della biancheria intima. Inoltre, la vita sessuale delle donne è influenzata negativamente da questa situazione. Soprattutto nella fase avanzata, dopo difficoltà a urinare, si verificano ingrossamento dei reni del paziente e persino insufficienza renale. Il prolasso uterino, che non è pericoloso per la vita a meno che non vi sia insufficienza renale, compromette gravemente la qualità della vita delle donne. Con un intervento chirurgico tempestivo, i pazienti possono sbarazzarsi di questi disturbi e continuare la loro normale vita quotidiana.

Il trattamento deve essere pianificato in base alla persona

Le opzioni di trattamento possono variare a seconda del grado di prolasso, del disagio del paziente dovuto alla situazione, della malattia aggiuntiva sistemica, dell'esistenza di una vita sessuale e della presenza di incontinenza urinaria. Mentre gli `` esercizi di Kegel '', la perdita di peso e l'uso di estrogeni vaginali sono sufficienti per rafforzare i muscoli del pavimento pelvico nei casi lievi, gli applicatori vaginali chiamati `` pesser '' o la chirurgia sotto forma di anello e leva che mantengono l'utero e la vescica su possono essere necessario. Le operazioni possono essere eseguite per via vaginale senza incisione nell'addome, oppure possono essere eseguite chiuse con metodo laparoscopico.

La rimozione dell'utero non è un rimedio

La causa del prolasso uterino nelle donne; È il deterioramento della struttura dei legamenti e delle strutture di supporto e dei muscoli del pavimento pelvico che trattengono l'utero e l'ernia dell'utero o della vescica nella vagina. Il problema qui non è nell'utero, ma nelle strutture di supporto che mantengono l'utero in alto. La rimozione dell'utero non è un rimedio per il prolasso uterino e il prolasso vaginale si verifica nella maggior parte dei pazienti dopo la procedura. Soprattutto nei pazienti più giovani, questo cedimento può essere corretto prima che l'utero venga rimosso. Per questo motivo, l'utero o la vagina dovrebbero essere appesi a un legamento forte negli interventi chirurgici per il prolasso uterino, indipendentemente dal fatto che l'utero venga rimosso o meno.

Avvertenze per ridurre il rischio di cedimenti

  1. Gli esercizi di Kegel dovrebbero essere eseguiti regolarmente, specialmente dopo il parto, ei muscoli del pavimento pelvico dovrebbero essere rafforzati intorno alla vagina.
  2. Se c'è stitichezza, dovrebbe essere trattata e dovrebbero essere presi molti liquidi per prevenire la stitichezza, dovrebbero essere consumati fibre e cereali integrali, dovrebbero essere mangiati molta frutta e verdura.
  3. Non dovrebbe essere sollevato pesantemente, se deve essere sollevato pesantemente, il carico dovrebbe essere gestito in modo da dare alle gambe invece che ai muscoli della vita e della schiena.
  4. Il fumo dovrebbe essere evitato per evitare la tosse cronica.
  5. Non si dovrebbe aumentare di peso, dovrebbero essere svolte attività regolari (sport, passeggiate) per evitare l'obesità.