Il sanguinamento postmenopausale può essere un segno di cancro

Prof. Dott. Serdar Serin parla di sanguinamento post-menopausa.

Nelle donne, tutti i sanguinamenti eccetto il periodo mestruale sono fonte di preoccupazione. Sebbene questa preoccupazione aumenti ancora di più nel sanguinamento che si verifica soprattutto dopo l'inizio della menopausa, di tanto in tanto può lasciare il suo posto alla paura del cancro. Quasi l'80 percento di queste emorragie non costituisce un problema serio, mentre circa il 20 percento di loro ha una reale probabilità di contrarre un cancro.

Sanguinamento; Può essere rettale (rettale), vescicale (vescica) e vaginale. Prima di tutto, è importante capire da dove proviene. Il sanguinamento vaginale può essere compreso inserendo un semplice tampone vaginale.

Molte cause di sanguinamento vaginale dovrebbero essere studiate

Se la donna è nel periodo della menopausa, ci sono alcune ragioni per questo sanguinamento. La causa più comune è il sanguinamento dovuto alla menopausa e all'assottigliamento dell'endometrio (parte interna dell'utero) e dei tessuti vaginali chiamati atrofia.

Una seconda ragione comune è; Stanno sanguinando a causa dei trattamenti ormonali utilizzati. In alcune fonti, il sanguinamento dovuto alle terapie ormonali sostitutive è in primo luogo.

Altri motivi sono; Alcuni tumori benigni come polipo, mioma, adenomiosi originata dall'utero, polipi nella cervice e infezioni pelviche. Inoltre, il sanguinamento può essere visto con un lievito vaginale o una semplice infezione vaginale. In circa il 20% dei pazienti, la causa del sanguinamento postmenopausale può essere il cancro originato dall'utero o dalla cervice.

Consultare immediatamente un ginecologo e un ostetrico.

Un paziente con sanguinamento in postmenopausa dovrebbe consultare immediatamente un ginecologo e un ostetrico. Di solito, l'ecografia viene applicata dopo la storia e l'esame del paziente. Le possibili cause sono per lo più considerate dopo queste procedure. Per la diagnosi sono necessarie biopsie successive, specialmente nei pazienti sospettati di cancro.

La diagnosi viene fatta facilmente con l'isteroscopia

La diagnosi è molto semplice con l'isteroscopia (esame dell'interno dell'utero con uno strumento ottico), che può essere applicata nelle condizioni odierne. Con questa procedura è possibile trattare patologie benigne come fibromi e polipi originati dall'utero nella stessa seduta. È estremamente importante che i pazienti con diagnosi di cancro siano trattati da esperti in questo argomento.