Cos'è il test degli anticorpi Covid-19? Perché è stato fatto?

Pur tornando al periodo `` nuovo normale '' dai giorni di quarantena a seguito della pandemia Covid-19 causata dal nuovo tipo di coronavirus, molte persone che hanno avuto la malattia e che no, si chiedono se hanno acquisito l'immunità. Tuttavia, molti luoghi di lavoro determinano i tassi di immunità dei propri dipendenti e determinano di conseguenza il loro ritorno alla vita normale. Tutto ciò rivela l'importanza del test degli anticorpi. Prof. Dott. Sibel Gündeş ha fornito importanti informazioni sui test degli anticorpi SARS CoV 2.

Cos'è un test anticorpale?

Un test degli anticorpi è un esame del sangue per verificare se hai già avuto il coronavirus (COVID-19). In altre parole, le persone che hanno avuto il coronavirus con test degli anticorpi COVID-19 o che sono sopravvissute al coronavirus senza sintomi possono apprendere lo stato immunitario.

Perché vengono eseguiti i test degli anticorpi?

Poiché i test anticorpali mostrano gli anticorpi formati nella persona, se ha avuto l'infezione prima, quando sta combattendo il virus e se ha sviluppato l'immunità, molte persone che hanno e non hanno la malattia da coronavirus vogliono scoprire se hanno ha ottenuto l'immunità. Inoltre, molti luoghi di lavoro determinano i tassi di immunità dei propri dipendenti e determinano di conseguenza il loro ritorno alla vita normale.

Quando viene eseguito il test degli anticorpi?

Il test degli anticorpi viene solitamente eseguito dopo il completo recupero da COVID-19, l'idoneità per il test degli anticorpi può variare a seconda della disponibilità dei test. Un operatore sanitario di solito preleva un campione di sangue da un dito o da una vena del braccio. Il campione di sangue viene quindi testato per determinare se hai sviluppato anticorpi contro il virus. La tempistica e il tipo di test degli anticorpi influiscono sulla precisione del test. Se esegui il test troppo presto durante un'infezione, il test potrebbe non rilevare gli anticorpi mentre la risposta immunitaria si sta ancora formando nel tuo corpo. Pertanto, il test degli anticorpi non è raccomandato fino ad almeno 14 giorni dopo la comparsa dei sintomi.

Come funziona il test degli anticorpi?

Il test degli anticorpi verifica la presenza di anticorpi nel sangue. Quando si contrae un'infezione, il corpo produce anticorpi. Gli anticorpi aiutano a combattere le infezioni. Non è noto se la presenza di anticorpi ti impedisca di riprendere il virus.

Nelle scorse settimane, con il permesso del Ministero della Salute, sono stati eseguiti test anticorpali SARS CoV 2 presso istituzioni sanitarie private. Come Memorial Health Group, abbiamo anche iniziato ad applicare e ora abbiamo iniziato a servire con il test degli anticorpi Abbott, che ha un certificato di conformità agli standard europei (CE), che è molto affidabile e sensibile. Prima di questa applicazione, i test anticorpali e antigene SARS CoV 2 potrebbero essere eseguiti su pazienti che saranno sottoposti a intervento chirurgico. Gli adulti sani che non sono più programmati per un intervento chirurgico, una procedura o un intervento possono anche sottoporsi a un test degli anticorpi per scoprire se hanno già incontrato questo virus in precedenza.

I test anticorpali sono uno dei nostri strumenti più importanti contro il virus.

Le prestazioni di tutti i test anticorpali vengono valutate in base ai tassi di sensibilità e specificità. Se la sensibilità del test è del 100% (definizione di “positività corretta”), significa che il test è affidabile al 100% se il risultato del test del paziente è positivo. La specificità dei test anticorpali Abbott con cui lavoriamo è del 99%, che indica il tasso di "negatività corretta" del test. Tutti questi valori aumentano in modo direttamente proporzionale all'aumento del numero di persone a cui viene eseguito il test. È chiaro che questi nuovi test sviluppati hanno un'elevata sensibilità e specificità in termini di affidabilità.

Cosa significano i risultati del test degli anticorpi? Come viene interpretato?

Un risultato positivo del test indica che potresti avere anticorpi dell'infezione causata dal virus che causa COVID-19. Tuttavia, esiste la possibilità che un risultato positivo indichi la presenza di anticorpi derivanti da infezione con un virus diverso della stessa famiglia di virus (chiamato coronavirus). Avere anticorpi contro il virus che causa COVID-19 può proteggerti dalla reinfezione con il virus. Tuttavia, anche con la protezione, non è chiaro quanta protezione possano fornire gli anticorpi o quanto durerà questa protezione.

Il test PCR identifica le persone che sono state catturate da COVID-19 e che stanno trasportando attivamente il virus.

Il test degli anticorpi mostra se la persona ha avuto un'infezione prima. pic.twitter.com/LxYnFatTfD

- Memorial Sağlık (@MemorialSaglik) 9 settembre 2020

Per capire cosa significano i tuoi risultati, dovresti parlare con il tuo medico del risultato del test e del tipo di test che stai eseguendo.

Se i risultati del test sono negativi, potrebbe significare che il virus COVID-19 non ti è stato trasmesso. Tuttavia, in genere occorrono da 1 a 3 settimane dopo l'infezione affinché il tuo corpo produca anticorpi. Se sei stato esposto al virus di recente, è possibile che tu possa ancora ammalarti. Ciò significa che puoi ancora diffondere il virus. Indipendentemente dal fatto che il test sia positivo o negativo, i risultati non indicano necessariamente se è possibile diffondere il virus che causa COVID-19.

In sintesi, se i risultati del test mostrano che hai anticorpi, significa che sei stato infettato da COVID-19 in passato. Inoltre, questo risultato potrebbe significare che hai una certa immunità contro il coronavirus.

Un test anticorpale positivo fornisce sicuramente l'immunità contro il virus?

Un risultato positivo del test degli anticorpi indica che questo virus è entrato nel corpo, ma non significa necessariamente che vi sia immunità contro COVID-19. Non ci sono ancora prove definitive che la presenza di anticorpi prevenga la reinfezione con COVID-19. In altre parole, il livello di immunità e la durata dell'immunità non sono ancora noti. Sono in corso studi scientifici per chiarire questo problema.

Cosa sono i test per gli anticorpi IgM-IgG?

Il risultato POSITIVO ottenuto dai test sierologici che rilevano gli anticorpi nell'IgM, cioè il test degli anticorpi in fase iniziale, indica che la persona ha recentemente incontrato il virus. Tuttavia, nei casi in cui gli anticorpi non si sono ancora sviluppati in risposta al virus in pazienti infetti, è possibile ottenere un risultato del test NEGATIVO.

Il rilevamento di POSITIVO in IgG, cioè test anticorpale a risposta tardiva, indica che sei stato esposto a infezione di tipo CORONA VIRUS COVID-19 (SARS-CoV-2). L'anticorpo IgG raggiunge livelli positivi di solito almeno 10-14 giorni dopo l'inizio dei sintomi. Resta inteso che una persona con anticorpi IgG positivi ha una risposta all'infezione da COVID-19 (SARS-CoV-2).

Quando sono disponibili i risultati del test degli anticorpi?

Il test degli anticorpi Abbott misura gli anticorpi totali di tipo IgG formati dal sistema immunitario del corpo contro il virus SARS CoV-2 che causa COVID-19. Quindi è un test che mostra se sei immune a questa malattia. È diverso dal test eseguito prelevando campioni dalla gola o dal naso, il sangue viene prelevato dal braccio. È più affidabile dei test che utilizzano il sangue prelevato dal polpastrello. Sebbene l'esecuzione del test richieda circa 40 minuti, i risultati vengono riportati al massimo entro 24 ore.

Il kit per il test degli anticorpi è sicuro?

L'affidabilità dei test anticorpali eseguiti con Elisa e metodi simili è del 99,9%. La sensibilità e l'accuratezza di questi test sono significativamente superiori rispetto ai test rapidi degli anticorpi prelevati dal dito. L'uso di metodi sensibili e specifici, come Elisa, insieme alla PCR aumenta anche le possibilità di una corretta diagnosi.

Questo test non deve essere confuso con i test dell'antigene.

Un punto importante da considerare riguardo al test degli anticorpi è che questo non è un test dell'antigene. I test antigenici sono test che identificano se la persona è malata, cioè la presenza di infezione acuta. I test anticorpali hanno lo scopo di identificare se la persona ha avuto un'infezione prima e se è stata immunizzata contro il virus. In altre parole, non fornisce informazioni sul fatto che la persona sia malata al momento del test.

Dove vengono utilizzati i risultati del test degli anticorpi? Perché dovrebbero essere eseguiti i test degli anticorpi COVID-19?

I test degli anticorpi hanno molti usi. Per esempio; La più alta richiesta di test proviene dai luoghi di lavoro che si preparano a tornare alla normalità. Grandi fabbriche, banche, scuole, catene di negozi e ristoranti possono richiedere lo screening dei dipendenti prima di tornare al lavoro. Molte aziende eseguono lo screening dell'immunità alle infezioni con questo test e pianificano il processo di ritorno al lavoro. Ad esempio, le persone a rischio di infezione grave possono essere protette eseguendo test anticorpali per gruppi a rischio con età avanzata e malattie croniche, oppure il periodo di fase 1 può essere completato con i dipendenti che hanno test anticorpali positivi. Inoltre, le persone che non hanno visto membri della famiglia con età avanzata e malattie croniche durante il processo pandemico potrebbero voler conoscere il loro stato immunitario con il test e vedere se sono a rischio per i loro cari.

Con l'apertura dei voli nazionali e internazionali, tutti i paesi iniziano a richiedere i risultati dei test antigeni e anticorpi ai passeggeri prima di entrare nel paese. Inoltre, i risultati dei test vengono richiesti anche ai dipendenti che vivono in Turchia ma lavorano all'estero e intendono iniziare a lavorare all'estero. È anche tra i piani che tutti dovrebbero avere certificati sanitari chiamati "passaporti di immunità" prima di salire sull'aereo. I test vengono effettuati anche ai varchi doganali, agli ingressi terrestri e agli aeroporti. I test anticorpali positivi o negativi non costituiscono un ostacolo per andare all'estero.

Oltre a tutto ciò, un certo numero di individui o gruppi nella società può essere sottoposto a screening con test anticorpali per scoprire quale percentuale della società è diventata immune o meno. In studi simili condotti in tutto il mondo, è noto che l'immunità della comunità è compresa tra il 5-9%. Questo tasso può risultare diverso in diversi quartieri della stessa città. Ad esempio, la probabilità di incontrare il virus sarà alta nelle aree che non dispongono di infrastrutture sufficienti, sono affollate e lavorano.

Che cos'è la terapia al plasma con coronavirus?

Un altro importante vantaggio dei test di screening è che le persone con immunità possono contribuire al trattamento somministrando plasma convalescente (guarito) ai loro cari o ai pazienti gravi che necessitano di anticorpi, se soddisfano le condizioni. Il plasma convalescente è uno degli approcci importanti accettati per il trattamento dell'infezione da Covid 19.

È un dato di fatto, risultati positivi si ottengono trattando con plasma prelevato da persone che hanno precedentemente avuto il coronavirus e sviluppato anticorpi.

Il tempo è necessario per i risultati degli studi

Ci sono molti punti sconosciuti sul virus Sars CoV 2. Il livello di immunità che si sviluppa dopo la malattia, se fornisce protezione e, in caso affermativo, per quanto tempo durerà questa protezione è sconosciuto. Tuttavia, si pensa che se coloro che vengono immunizzati incontrano di nuovo il virus, supereranno leggermente la malattia. In altre parole, mentre il rischio è ridotto in queste persone, ci saranno alcuni anticorpi nel corpo. Anche se il livello di anticorpo rilevabile diventa negativo, quando il corpo incontra nuovamente questo virus, la memoria cellulare, cioè il sistema immunitario, sarà in grado di riconoscere questo virus e superare il virus dando una risposta più rapida e più forte. Studi in corso mostreranno quanta parte dell'immunità protettiva rimane dopo 6 mesi a 1 anno nelle persone che hanno avuto la malattia.