Cos'è la polmonite? Come diagnosticare e curare la polmonite?

Cos'è la polmonite?

La polmonite, comunemente nota come polmonite, è un'infiammazione dei polmoni rilevata clinicamente e radiologicamente. La polmonite, che è una malattia ad alto rischio, è al quinto posto nei decessi e prima nelle malattie infettive nel nostro paese..

Quali sono i tipi di polmonite (polmonite)?

Esistono 3 tipi di polmonite.

  • Polmonite acquisita in comunità
  • Polmonite acquisita in ospedale
  • Polmonite nel paziente immunocompromesso

Che cos'è la polmonite (polmonite) che si verifica nella vita quotidiana?

La polmonite che si verifica nella vita quotidiana è chiamata "polmonite acquisita in comunità". È generalmente causato da un'infezione batterica. Secondo il decorso clinico, la polmonite acquisita in comunità è divisa in 2 gruppi: Polmonite Tipica e Polmonite Tipica A.

Quali sono i sintomi della polmonite o della polmonite?

I sintomi tipici della polmonite e una polmonite tipica sono diversi.

Sintomi tipici di polmonite:

È la polmonite che inizia con un'immagine acuta e rumorosa. Tra i primi sintomi della polmonite tipica vi sono febbre, tosse che si manifesta con brividi e brividi, espettorato scuro di colore giallo verde o ruggine, dolori laterali durante la respirazione e mancanza di respiro se è coinvolta la membrana polmonare. L'insufficienza respiratoria può essere il tipico segno di polmonite. Il coinvolgimento lobare si verifica alla radiografia del torace. I leucociti (globuli bianchi-globuli bianchi) e CRP aumentano nel sangue, la formula si sposta a sinistra. Gli agenti sono generalmente Streptococcus Pneumoniae, Hemophilus Influenza, aerobi Gram negativi e bacilli anaerobici.

Sintomi tipici di polmonite:

C'è un inizio subacuto e insidioso. Si osservano sintomi preliminari come dolori articolari e muscolari, debolezza e perdita di appetito. Reclami come tosse secca, respiro sibilante, mal di testa e dolori addominali dovuti al coinvolgimento di organi extrapolmonari sono tra i sintomi tipici della polmonite. In radiologia si osservano infiltrazioni irregolari e coinvolgimento paracardiaco. I leucociti (WBC) nel sangue sono normali o bassi. Gli agenti sono Mycoplasma Pneumoniae, Chlamydia Pneumoniae (TWAR), Legionella Pneumoniae, virus (Influenza, RSV, Adenovirus, Coronavirus).

In quali pazienti la radiografia del torace può essere considerata normale?

  • Nelle prime 24 ore di polmonite, polmonite
  • In disidratazione (disturbo dell'equilibrio idroelettrolitico)
  • Nel paziente neutropenico
  • La radiografia del torace può apparire normale nella fase iniziale della polmonite da Pneumocystis Jiroveci.

Cause di polmonite (polmonite), quali sono i suoi fattori?

Di solito accade quando la resistenza del corpo diminuisce. Le principali cause di polmonite sono batteri, virus e funghi. Il patogeno più comune è il batterio chiamato Streptococcus Pneumoniae. La polmonite da Mycoplasma Pneumoniae può essere osservata nei bambini in età scolare. La causa della polmonite nei bambini e negli adolescenti è principalmente la polmonite virale. (66%). Questo tasso è di circa il 13% negli adulti. Le polmoniti batteriche sono più comuni negli adulti. La differenziazione della polmonite virale e batterica è difficile. Pertanto, gli antibiotici dovrebbero essere iniziati entro le prime quattro ore. La distinzione tipica e atipica è fatta dal medico in base ai fattori, ai risultati di laboratorio e radiologici e al decorso clinico e il trattamento è organizzato di conseguenza.

Quali sono i fattori di rischio per la polmonite?

La presenza di malattie di accompagnamento è tra i fattori di rischio per la polmonite.

  • Malattie polmonari croniche come BPCO, bronchiectasie, fibrosi cistica, asma bronchiale, malattia polmonare interstiziale
  • Diabete mellito, popolarmente noto come diabete
  • Insufficienza cardiaca
  • Insufficienza renale
  • Insufficienza epatica
  • Presenza di malattie immunosoppressive
  • Malati di cancro
  • Età bambino e oltre 65 anni
  • Casa di cura o senzatetto
  • Viaggia con alloggi recenti
  • Fumo e consumo di alcol
  • Pazienti costretti a letto
  • Pazienti in terapia intensiva
  • Le operazioni principali sono i fattori di rischio più importanti per la polmonite.

Oltre a questi;

  • Problemi con l'aspirazione di cibi e bevande, soprattutto negli anziani
  • Compromissione della salute orale e dentale
  • Rimozione chirurgica della milza
  • Pazienti sieropositivi e malati di AIDS
  • Droga e tossicodipendenza
  • Alcolismo
  • Uso di cortisone a lungo termine
  • Malattie muscolari
  • Pazienti paralizzati
  • Pazienti sottoposti a trapianto di organi
  • Le operazioni passate sono situazioni che portano alla polmonite.

Cosa si dovrebbe fare per la contagiosità e la prevenzione nella polmonite?

Soprattutto se sono presenti agenti virali, la polmonite o la polmonite possono essere facilmente trasmesse. Zone chiuse e affollate, scuole, dormitori, carceri, caserme, case di cura sono aree a rischio di polmonite. Di solito è trasmesso tramite infezione da goccioline. Tosse, secrezioni bocca e nasali, condizionatori d'aria, acqua sporca, sistemi idrici possono rappresentare un rischio. L'igiene delle mani è molto importante.

La pulizia delle mani, l'uso di maschere, la cessazione del fumo, i vaccini contro l'influenza e la polmonite, i farmaci antivirali, soprattutto durante i periodi epidemici, evitando i luoghi affollati acquisiscono importanza nella protezione dalla polmonite.

Cosa sono i vaccini contro la polmonite?

È usato per prevenire la batteriemia causata da Streptococcus Pneumoniae, che è l'agente più comune. Esistono due tipi di vaccino contro la polmonite:

Vaccino polisaccaridico: è protettivo per 5 anni e colpisce le cellule B. Non influisce sulle celle di memoria. È moderatamente efficace. È fatto per via intramuscolare.

Vaccino coniugato: è un vaccino per tutta la vita. Colpisce le cellule B e le cellule T della memoria. Nelle persone di età superiore a 65 anni, il vaccino coniugato per una volta e il vaccino polisaccaridico, una volta ogni 5 anni dopo 6 mesi, vengono somministrati nel muscolo deltoide per le persone con fattori di rischio elevato.

A chi viene somministrato il vaccino contro la polmonite?

Tutti i pazienti di età superiore ai 65 anni, polmonari, cardiaci, epatici, renali cronici, pazienti diabetici, perdite di liquido cerebrospinale, pazienti con impianto cocleare, pazienti con splenectomia, pazienti HIV positivi e AIDS, alcolismo, fumatori, persone affette da carenze nutrizionali, emoglobinopatie, i consumatori di steroidi a lungo termine dovrebbero essere vaccinati contro la polmonite.

A chi viene somministrato il vaccino antinfluenzale?

I focolai di influenza sono un fattore di rischio elevato per la polmonite. Il vaccino antinfluenzale è raccomandato per le persone di età superiore ai 65 anni, i pazienti con malattie polmonari, cardiache, renali e epatiche croniche e le persone ad alto rischio a causa delle loro mansioni (operatori sanitari, guardie di sicurezza, addetti alle pulizie).

Come viene diagnosticata la polmonite?

  • La storia medica del medico e l'esame obiettivo del paziente
  • Espettorato e emocolture per il rilevamento dell'agente
  • Esame dell'antigene della Legionella nelle urine
  • Pannelli virali
  • Marcatori di infezione (conta leucocitaria nel sangue, PCR, procalcitonina)
  • Emocromo
  • Test di funzionalità epatica e renale
  • Determinazione degli elettroliti sierici, delle proteine ​​sieriche e del livello di albumina
  • Gli esami radiologici (radiografia del torace, tomografia computerizzata del torace, ecografia toracica) sono i metodi più importanti nella diagnosi della polmonite.

Con quali malattie si può confondere la polmonite?

  • Insufficienza cardiaca
  • Embolia polmonare
  • Tubercolosi
  • Cancro ai polmoni e malattie che metastatizzano al polmone
  • Aspirazione di corpi estranei
  • Un gruppo di malattie chiamato vasculite
  • Malattie polmonari interstiziali
  • Cisti idatidea
  • Il coinvolgimento polmonare di malattie sistemiche dovrebbe essere considerato nella diagnosi differenziale.

Come viene trattata la polmonite?

  • Prima di tutto, il paziente dovrebbe essere informato sulla definizione, il decorso e le complicanze della malattia. È importante acquisire una buona storia della malattia e un esame obiettivo. Durante il trattamento ambulatoriale della polmonite;
  • Se i sintomi peggiorano o diventano più pronunciati
  • Se emergono nuove scoperte
  • Se non ci sono miglioramenti entro 3 giorni
  • Se il paziente non si sente bene, dovrebbe consultare immediatamente un medico.
  • Il trattamento della polmonite viene effettuato in regime ambulatoriale, in ospedale o in terapia intensiva. Alcuni metodi di punteggio internazionali vengono utilizzati per determinare la gravità della malattia e il rischio di morte, la decisione di ricovero in ospedale e il decorso della malattia. I più importanti sono PSI, CRB 65, CURB 65, A-DROP, SMART-COP2. La confusione del paziente, i risultati dell'insufficienza respiratoria, l'urea alta e la creatinina, l'età avanzata, la pressione sanguigna bassa e la frequenza respiratoria sono criteri importanti. Inoltre, è importante anche lo stato sociale del paziente. I senzatetto, coloro che vivono in una casa di cura, coloro che vivono in luoghi difficili, le persone con disabilità fisiche e mentali, le persone che vivono da sole costituiscono un importante gruppo a rischio.
  • La degenza ospedaliera e l'uso endovenoso di antibiotici devono essere mantenuti il ​​più brevi possibile. Queste decisioni saranno prese dal medico. Lunghi ricoveri comportano ulteriori rischi di infezione.
  • Il medico deciderà di cambiare gli antibiotici. Se necessario, viene consultato uno specialista in malattie infettive.
  • Dovrebbe essere noto che nessun antibiotico è completamente innocente. Ogni farmaco ha effetti collaterali e rischio di allergie. Il 10% della società afferma di essere allergico alla penicillina. Attribuisce questo all'eruzione cutanea post-medicazione da bambino. Tuttavia, meno del 10% di coloro che hanno detto di avere un'allergia alla penicillina. Bisogna fare attenzione negli individui con una reazione allergica acuta alla penicillina. Queste persone sono anche allergiche alle cefalosporine e agli antibiotici del gruppo beta lattamico.
  • Su decisione del medico, vengono applicati antibiotici, farmaci antivirali, supporto di fluidi ed elettroliti, antidolorifici e antipiretici, integratori alimentari. Il riposo a letto dovrebbe essere fatto. Sebbene il trattamento ambulatoriale possa essere applicato al trattamento della polmonite, possono essere necessari anche il ricovero in ospedale, la degenza in terapia intensiva e il supporto respiratorio meccanico. Il medico deciderà su questi.
  • Informazioni importanti nel trattamento sono le informazioni sulla malattia, la resistenza regionale agli antibiotici, l'influenza, i tassi di micoplasma, lo stato sociale della persona, l'uso recente di antibiotici, il viaggio in alloggio.
  • Gli antibiotici dovrebbero essere iniziati nelle prime 4 ore. Se vi è il sospetto di sepsi o altri criteri ad alto rischio, l'antibioterapia deve essere iniziata entro un'ora.
  • Se il paziente ha un'assunzione orale e la malattia non è grave, devono essere somministrati antibiotici per via orale. Se vengono iniziati antibiotici per via endovenosa, devono essere valutati entro 48 ore e se la situazione è appropriata, deve essere iniziata l'antibioterapia orale.
  • Se possibile, è necessario eseguire ricerche per la determinazione dell'agente (come coltura dell'espettorato, emocoltura, antigene della Legionella nelle urine, pannelli virali).
  • I pazienti ei loro parenti dovrebbero essere informati sul decorso della malattia e sugli effetti collaterali del farmaco.
  • Se le condizioni generali del paziente sono buone, coscienti, collaborative, se la malattia è stabile, non ci sono batteri resistenti, se non c'è febbre per 48 ore, se il paziente non è ipotensivo, se non c'è insufficienza respiratoria, polmonite il trattamento può essere sufficiente per 5 giorni. Tuttavia, il medico del paziente prenderà la decisione migliore sulla durata del trattamento della polmonite. Il medico può prolungare il trattamento della polmonite fino a 3 settimane, a seconda della situazione clinica.