Non sottovalutare il dolore alla vita e ai fianchi

Sebbene la spondilite anchilosante sia una malattia reumatica dolorosa che colpisce principalmente la colonna vertebrale, la malattia può spesso essere confusa con l'ernia del disco. Per questo motivo, si possono verificare ritardi fino a 8 anni nella diagnosi della malattia. Inoltre, al 30% di questi pazienti può essere erroneamente diagnosticata un'ernia del disco.

Gli specialisti del dipartimento di fisioterapia e riabilitazione dell'ospedale Memorial Diyarbakır, che hanno affermato che è molto importante iniziare il trattamento con la diagnosi precoce delle persone con questa malattia, hanno fornito informazioni sulla spondilite anchilosante, che viene spesso confusa con l'ernia lombare.

È più comune negli uomini

Se i pazienti non vengono trattati adeguatamente, la loro malattia continua a progredire e provano dolore costante. Questa situazione influisce negativamente sullo stato sociale e mentale dei pazienti. La spondilite anchilosante di solito può essere vista in chiunque, indipendentemente dal sesso e dall'età. Tuttavia, può essere visto circa 3 volte più frequentemente negli uomini rispetto alle donne e si osserva che la malattia di solito inizia negli anni '20 (24-26 in media).

Presta attenzione alla rigidità della vita dopo un lungo riposo

Nella malattia, a differenza del dolore all'ernia lombare, si vede che il dolore non diminuisce con il riposo, ma aumenta ancora di più. È anche comune iniziare con dolore ai glutei, a volte su un lato e talvolta sull'altro, senza dolore significativo alla vita. Soprattutto nei pazienti prima dei 40 anni, se c'è lombalgia, rigidità che dura più di 1 ora dopo il risveglio al mattino o dopo un lungo riposo e questa rigidità diminuisce con l'esercizio; il paziente deve rivolgersi a uno specialista in terapia fisica e riabilitazione.

La terapia fisica e la terapia farmacologica devono essere somministrate contemporaneamente.

Lo scopo principale del trattamento è ridurre il dolore e preservare la posizione del corpo e la mobilità articolare. Esercizi, terapia fisica e terapia farmacologica dovrebbero essere applicati insieme per il successo nel trattamento. Ha lo scopo di proteggere i movimenti della colonna vertebrale con esercizi continui e regolari. Nel trattamento farmacologico, ci sono farmaci classici e farmaci biologici di nuova concezione che sono stati utilizzati fino ad oggi. Gli antidolorifici che sopprimono il meccanismo infiammatorio sono tra i primi farmaci classici. Questi medicinali contribuiscono al sollievo dal dolore e al risveglio confortevole dei pazienti al mattino.

Segui i consigli del tuo medico

In caso di ritardo nella malattia della spondilite anchilosante o se non vengono applicate le opzioni di trattamento appropriate, può verificarsi una gobba nella colonna vertebrale del corpo del paziente. Questa situazione causa molti problemi nella vita quotidiana e un cattivo aspetto. Se vengono seguite le raccomandazioni del medico specialista e gli esercizi vengono eseguiti regolarmente, molti problemi che possono verificarsi nelle fasi successive della malattia possono essere prevenuti.

Regole da seguire nella cura della malattia;

  • Per aumentare la capacità polmonare, tutti i movimenti dovrebbero essere applicati insieme ad esercizi di respirazione.
  • Il letto dovrebbe essere abbastanza duro da non disturbare, abbastanza morbido da non essere sepolto e lo spessore del cuscino dovrebbe essere tale da riempire lo spazio del collo.
  • Diverse applicazioni di calore sono efficaci nel ridurre il dolore e la rigidità.
  • Poiché l'immobilizzazione della colonna vertebrale con un corsetto provocherà un'ulteriore diminuzione della loro capacità di muoversi, si consiglia di non utilizzare un corsetto.
  • Dovrebbe essere alimentato regolarmente e il fumo, che è la causa scatenante di ogni malattia, dovrebbe essere evitato.
  • Bisogna fare attenzione a non rimanere a lungo nella stessa posizione e a mantenere il corpo in posizione eretta tutto il tempo.
  • Il paziente deve sdraiarsi sulla schiena o prono per 20 minuti al giorno. Evitare di sdraiarsi su un fianco e le gambe sull'addome.