Cos'è una scottatura solare, come è andata, come viene trattata?

Con l'arrivo dell'estate, il tempo trascorso all'aria aperta ha iniziato ad aumentare. Esperti di dermatologia del Memorial Health Group sulle scottature solari, uno dei problemi più comuni nella stagione estiva; ha fornito informazioni sugli effetti delle scottature solari, sui metodi di trattamento e sulle modalità di protezione dalle ustioni.

Il sole è molto importante; È una fonte di calore, luce, energia e vita. La luce solare dà felicità ed è responsabile della sintesi della vitamina D. Tuttavia, l'esposizione inconscia alla luce solare può causare principalmente scottature, cambiamenti di colore marrone, allergia fotografica e molte malattie che possono essere innescate dal sole. A lungo termine, si manifestano i tumori della pelle, in particolare il melanoma maligno, che causano danni irreparabili al DNA della pelle e si manifestano i primi segni di invecchiamento negli occhi e nella pelle. Pertanto, dovrebbe mirare a beneficiare della luce solare senza essere esposto ai suoi effetti nocivi.

Che cosa sono le scottature solari, come si verificano?

scottature È una condizione della pelle che si verifica a seguito di un'esposizione breve e intensa della pelle alla luce solare. Raggi ultravioletti se esposti a lungo al sole; Provoca prima il rossore sulla pelle e le bolle riempite d'acqua con danni a lungo termine. Rossore, dolore e gonfiore iniziano 2-4 ore dopo il sole e raggiungono il massimo in 24 ore. Questa è un'ustione di primo grado. Quando ci sono bolle riempite d'acqua, significa che l'ustione è di secondo grado. Ci sono croste nelle ustioni di terzo grado, il sole non provoca ustioni di terzo grado.

Cause di scottature

La solarizzazione è causata da un'eccessiva esposizione della pelle ai raggi ultravioletti. I raggi ultravioletti producono 3 fasci differenti. Questi sono i raggi UVA, UVB e UVC.

Raggi UVA

I raggi UVA sono meno efficaci dei raggi UVB, ma possono influenzare gli strati inferiori della pelle. Distrugge il tessuto che dona elasticità alla pelle, ovvero lo strato del derma. L'esposizione prolungata ai raggi UVA invecchia la pelle prima del tempo.

Raggi UVB

La luce UVB colpisce la parte superiore della pelle chiamata epidermide. Rossore, gonfiore e dolore si verificano con un'eccessiva esposizione ai raggi UVB sulla superficie della pelle.

Raggi UVC

I raggi UVC sono raggi non pericolosi rispetto agli altri due raggi. Poiché è filtrato dall'atmosfera, non è necessario un meccanismo di protezione aggiuntivo.

UVA e UVB, che causano scottature solari, causano anche il cancro della pelle. Oltre ai raggi solari, le scottature possono essere causate da altre fonti come lettini abbronzanti e fototerapia che producono luce ultravioletta.

Altri fattori che influenzano l'insorgenza delle scottature solari sono il tipo di pelle espresso dal colore della pelle del paziente, la durata e l'intensità della luce, il mare e le alte quote, il riflesso della luce e l'infanzia. Poiché i danni alla luce solare sono cumulativi, l'esposizione eccessiva e le scottature solari dall'infanzia aumentano il rischio di cancro della pelle più volte nelle età successive. Le persone con pelle chiara, occhi colorati, capelli giallo-rossi sono particolarmente suscettibili alle scottature. C'è un aumento del 5% di energia per ogni 300 metri di altitudine. L'energia solare passa attraverso l'acqua e gli indumenti bagnati. La riflessione energetica aumenta con asfalto, sabbia e neve.

Sintomi di scottature solari

Sintomi di scottature solari Può variare da persona a persona. La differenziazione dei sintomi è influenzata dal tipo di pelle e dalla durata dell'esposizione ai raggi ultravioletti. Soprattutto le pelli bianche hanno un rischio maggiore di scottature rispetto alle pelli scure. La pelle scura può anche essere scottata dal sole se esposta a troppe radiazioni UV. Tuttavia, la pelle scura può tollerare la luce solare più senza ustioni rispetto alla pelle bianca a causa della presenza di più pigmento di melanina. I sintomi della scottatura solare potrebbero non manifestarsi all'improvviso, i sintomi possono variare da persona a persona.

Possiamo elencare le caratteristiche più importanti delle scottature solari come segue;

  • Superficie della pelle arrossata e dolorosa (eritema)
  • Pelle più calda e tesa del solito.
  • Pelle che inizia a staccarsi dopo pochi giorni.

La scottatura solare è un'immagine caratterizzata da arrossamento, bruciore, dolore, vesciche e infiammazione che si sviluppa dopo un'eccessiva esposizione ai raggi UV. L'esposizione ai raggi UV con tempo e dose sufficienti inizia dopo 2-6 ore e raggiunge il suo livello massimo entro 12-24 ore. Alla fine della prima settimana, la pelle si stacca, quindi possono svilupparsi macchie marroni chiamate pigmentazione e lentigo. Gravi scottature solari possono causare sintomi come:

  • Indurimento della pelle
  • Gonfiore della pelle (edema)
  • Freddo
  • Febbre alta (38 gradi e oltre)
  • Debolezza
  • Frequenza cardiaca e respirazione accelerate
  • Sensazione di sete
  • Gli occhi diventano sensibili alla luce
  • Nausea e mal di testa

Sunburn in Babies

La pelle dei bambini è sensibile al sole in quanto è molto sottile durante i primi anni di vita. Le famiglie dovrebbero assolutamente indossare la protezione solare quando portano fuori i loro figli. Quando si sceglie la protezione solare, è necessario fare attenzione che contenga un filtro minerale e non provochi allergie al bambino. Il rischio di allergie è maggiore nei filtri solari contenenti filtri chimici. La pelle dei bambini di età inferiore a 1 anno è più sensibile di quella dei bambini più grandi e l'assorbimento di qualsiasi crema applicata è maggiore. Per questo motivo, il medico dovrebbe assolutamente essere chiesto quando si sceglie la protezione solare di età inferiore a 1 anno.

Uso della protezione solare nei neonati

Per bambini e neonati di età inferiore a 1 anno dalla pelle molto chiara e dagli occhi colorati, dovrebbe essere preferibile una crema solare con un fattore di 50 e oltre. Per i bambini dalla pelle scura e dalla pelle scura, è sufficiente una protezione solare a 30 fattori. La crema deve essere applicata almeno 15-20 minuti prima che i bambini vengano portati fuori. Il periodo di protezione della crema solare è di 3-4 ore al massimo. Se il bambino trascorrerà più di mezz'ora fuori, va ricordato che la crema solare dovrebbe essere rinnovata frequentemente.

Alcuni filtri solari possono causare allergie cutanee nei bambini. Deve essere testato per questo. La crema solare viene applicata su una piccola area del braccio del bambino il giorno prima di uscire al sole e coperta con un cerotto. Quando esci il giorno successivo, il cerotto viene rimosso mentre sei al sole. Se non ci sono arrossamenti, gonfiori o pruriti in quella zona entro 15 minuti, questa crema solare può continuare a essere utilizzata. I filtri solari delle vacanze dell'anno scorso non dovrebbero mai essere utilizzati.

Cosa dovrebbe essere considerato quando si sceglie la protezione solare?

  • Un fattore di protezione di 20-30 è sufficiente per neonati e bambini.
  • 30 fattori sono adatti a persone dalla pelle molto chiara.
  • Il prodotto deve essere protetto dai raggi ultravioletti corti e lunghi. (UVB e UVA)
  • Alcuni ingredienti nei prodotti possono causare reazioni cutanee allergiche. Questi sono prodotti contenenti PABA. Per verificare la presenza di una reazione allergica, eseguire il seguente test: applicare un pezzo di prodotto il giorno prima su un'area di un centimetro sull'avambraccio del bambino. Mettici sopra un cerotto. Dopo una giornata, togli il cerotto e metti il ​​tuo bambino al sole (mentre le altre parti del suo corpo sono protette dagli indumenti). Se si sviluppa un'eruzione cutanea, utilizzare un altro prodotto in quella zona.
  • Ci sono 2 caratteristiche nei prodotti per la protezione in acqua. "Waterproof" fornisce protezione contro l'immersione in acqua per 4 volte 20 minuti. "Waterresistant" fornisce protezione contro l'immersione in acqua per 2 volte 20 minuti.

Come usare la protezione solare?

  • La protezione solare dovrebbe essere applicata sul corpo prima di esporsi al sole, non sotto il sole.
  • Bisogna fare attenzione che i bambini non siano esposti alla luce solare diretta durante i primi sei mesi di vita. La protezione solare non deve essere applicata senza consultare il medico.
  • Ai bambini più grandi dovrebbe essere somministrata la protezione solare 15-30 minuti prima di esporsi al sole. Particolare attenzione dovrebbe essere prestata alle aree non protette dagli indumenti.
  • I bambini possono essere esposti alla luce solare diretta per alcuni minuti all'inizio, poi fino a 20 minuti.
  • Dopo che il tuo bambino ha sei mesi, dovresti assolutamente avere la crema solare nella borsa.
  • Indossa un cappello ombreggiato sul tuo bambino quando è esposto al sole. A parte questo, anche se va in mare, indossa un abbigliamento che protegga la parte superiore del suo corpo. Gli indumenti dovrebbero essere leggeri ma a trama fitta.
  • Con tempo molto caldo, fai il tuo soggiorno fuori presto o tardi nel corso della giornata. Quando possibile, non stare fuori nel bel mezzo della giornata.
  • Applica una crema solare impermeabile ai tuoi bambini che stanno giocando con l'acqua. Quando il gioco è finito, asciugalo e applica di nuovo la crema solare.
  • Se tuo figlio sta assumendo farmaci, assicurati che non sia sensibile alla luce.
  • Dai il miglior esempio a tuo figlio e proteggiti dal sole.

Le scottature solari possono causare il cancro della pelle

La causa più importante del cancro della pelle sono le scottature solari durante l'infanzia. Un bambino con scottature solari che si è formata una vescica una volta nella vita ha il doppio delle probabilità di sviluppare un cancro della pelle rispetto a un bambino senza ustioni. Questo rischio è raddoppiato a ogni bruciatura. Il modo migliore per prevenire il cancro della pelle è prevenire le ustioni della pelle.

>

Come va la solarizzazione?

La sensazione di dolore e calore nelle scottature solari dura 48 ore. Se le creme idratanti vengono applicate tre volte al giorno, rilassa la persona. Queste creme dovrebbero essere continuate per due giorni. Unguenti oleosi molto spessi non dovrebbero essere usati. Questa situazione mantiene la persona più calda e impedisce loro di sudare.

  • Si possono fare bagni freddi e pulire le zone bruciate con un panno sterile inumidito con acqua fredda più volte al giorno. Bagnare un piccolo asciugamano con acqua e applicare delicatamente sulle zone bruciate. Applicalo per 15 minuti e ripeti 4-5 volte durante il giorno.
  • In caso di ustioni, il bambino dovrebbe ricevere molta acqua. Questo previene la sensazione di malessere.
  • Entro una settimana, inizia il peeling, è necessario applicare creme idratanti sulla pelle. Non applicare vaselina in quanto ciò impedisce il contatto con l'aria e il contatto con l'aria è necessario per la guarigione.
  • Se la pelle raccoglie acqua e scoppia, è necessario rimuovere la pelle morta con una piccola forbice pulita. Quindi dovrebbe essere applicata una crema antibiotica.
  • È necessario lavare l'unguento tre volte al giorno e applicarlo di nuovo. Nei casi in cui la pelle raccoglie acqua, è necessario consultare un istituto sanitario e iniziare il trattamento.

Uno degli errori più comuni commessi nelle scottature solari; Applicare dentifricio, yogurt o unguenti densi invece di bruciare. Questi sono entrambi inutili e difficili da pulire. Un altro errore è mescolare lozioni solari con lozioni o oli abbronzanti, usando un bronzer invece di un conservante.

Come passa la solarizzazione, qual è il trattamento?

Il primo intervento nel trattamento delle scottature solari è molto importante. Per ustioni di 2 ° e 3 ° grado, deve essere applicata la struttura ospedaliera più vicina senza perdite di tempo. In caso di scottature, è una pratica molto sbagliata applicare yogurt e dentifricio sulla zona ustionata con il pensiero che allevierà il dolore della ferita e allevierà la persona. L'applicazione di queste sostanze con effetti medici sconosciuti e che possono causare la crescita batterica dovrebbe essere evitata nell'area bruciata. Invece, dovrebbero essere usati i farmaci e le applicazioni raccomandati dal medico.

Le ustioni di secondo grado sono caratterizzate da vesciche e indicano un'ustione più profonda rispetto alle ustioni di primo grado. Le aree scottate con vesciche dovrebbero essere considerate ferite aperte e alcuni pazienti potrebbero dover passare alla medicazione chiusa dopo una valutazione da parte di un chirurgo plastico. Non va dimenticato che all'aumentare della larghezza dell'area di raccolta dell'acqua, ciò causerà danni più significativi al corpo. Il trattamento con siero per via endovenosa può essere richiesto soprattutto in presenza di ulteriori malattie o condizioni come insufficienza renale cronica, alcolismo, malattie cardiache e ustioni di secondo grado che coprono grandi superfici. Il recupero completo è previsto nei pazienti con scottature solari, spesso entro 5-7 giorni.