Gli ambienti chiusi e affollati invitano la polmonite

Con l'arrivo del freddo, il tempo che passiamo al chiuso aumenta. I centri commerciali affollati, i caffè e i ristoranti sono preferiti invece di vagare all'aperto nei fine settimana. E anche; Anche le scuole, gli uffici, i trasporti pubblici e le case non sono ben ventilati. Tuttavia, la polmonite si distingue come la malattia comune della stagione.

Gli esperti del dipartimento delle malattie toraciche dell'ospedale Memorial Ata┼čehir hanno fornito informazioni sulla "polmonite e il suo trattamento" durante la settimana di prevenzione delle morti per polmonite del 21-28 novembre.

La polmonite si riferisce all'infiammazione dei polmoni dovuta a vari germi o sostanze chimiche. Nella polmonite, un fluido infiammatorio si raccoglie nelle sacche d'aria nei polmoni. Gli anziani, quelli con malattie cardiache o respiratorie sottostanti (come la bronchite cronica), quelli con diabete, insufficienza renale, quelli con deficit immunitario (come i malati di AIDS, disturbi immunitari congeniti) e gli alcolisti sono particolarmente a rischio. La polmonite può svilupparsi anche dopo l'influenza.

Può essere trasmesso da tosse e starnuti

La polmonite viene solitamente trasmessa quando goccioline contenenti microbi vengono rilasciate nell'aria quando la persona malata tossisce o starnutisce e la persona la respira. Inoltre, alcuni microbi che possono essere trovati nella bocca, nel naso o nella gola di una persona senza causare malattie possono diventare malattie quando la resistenza del corpo diminuisce.

Attenzione a questi sintomi!

I sintomi della polmonite includono tosse, espettorato (di solito di colore scuro), febbre, dolore toracico, mancanza di respiro e talvolta tosse con sangue. A volte c'è "polmonite non tipica". In questo caso, il fuoco non è molto evidente. Ci possono essere dolore alla testa, al corpo e alle articolazioni e persino dolore addominale. La tosse è secca o viene prodotta una piccola quantità di espettorato.

I fumatori sono a rischio

Nella diagnosi di polmonite vengono utilizzati la radiografia del torace, l'analisi del sangue e l'esame dell'espettorato. Gli eventi tumorali a volte possono ostruire i bronchi e preparare il terreno per la polmonite. Per questo motivo, sarebbe opportuno indagare in particolare i pazienti anziani con una storia di fumo a tale riguardo.

Il trattamento richiede cura e pazienza

La polmonite, che era estremamente fatale prima della scoperta degli antibiotici, ora può essere curata con successo. La polmonite può essere curata in regime ambulatoriale nei pazienti senza altra malattia, giovani e in buone condizioni generali, ma è opportuno ricoverare e curare chi ha più di 65 anni, chi ha altre patologie sottostanti, chi ha insufficienza respiratoria o polmonite grave.

La febbre di solito scompare entro pochi giorni dall'inizio del trattamento e la persona inizia a sentirsi meglio. Il recupero dei risultati dell'esame e della RX torace richiede più tempo.

Evita il più possibile ambienti chiusi e affollati

Sarà utile rispettare le misure sanitarie generali per prevenire la polmonite. Può anche essere raccomandata una buona alimentazione ed evitare il fumo. Soprattutto in inverno, ambienti interni affollati possono facilitare la diffusione di infezioni. Poiché i germi che causano la polmonite possono diffondersi nell'aria, potrebbe essere consigliabile non trovarsi in tali luoghi, se possibile.

Il vaccino anti-pneumococco sta arrivando in soccorso

Oltre a questi, la vaccinazione contro i microbi chiamata "pneumococco", che è una delle cause più comuni di polmonite, può essere applicata alle persone nel gruppo a rischio. Il vaccino contro lo pneumococco contiene 23 tipi di questo microbo. Quelli con deficienza immunitaria, quelli con una malattia cronica sottostante (come polmoni, cuore, reni, alcune malattie del sangue e diabete), quelli di età superiore ai 65 anni e quelli con una milza rimossa hanno un rischio maggiore di sviluppare la polmonite. Gli effetti collaterali del vaccino sono generalmente lievi. Potrebbe esserci una piccola eruzione cutanea, gonfiore e dolore nel sito di vaccinazione. Potrebbe esserci una leggera febbre entro il primo giorno dopo la vaccinazione. Anche se raramente, può svilupparsi una reazione allergica. Il vaccino non deve essere somministrato durante un'altra malattia attiva come malattie febbrili o infezioni. Può essere fatto in qualsiasi momento dell'anno. Il vaccino è un vaccino morto e la polmonite indotta dal vaccino non viene trasmessa. Di solito è sufficiente una singola dose di vaccino, ma un secondo vaccino può essere richiesto 5 anni dopo il primo, soprattutto nei soggetti di età superiore ai 65 anni e in quelli con immunodeficienza.


$config[zx-auto] not found$config[zx-overlay] not found