I sogni diventano realtà con i giusti approcci nel trattamento della fecondazione in vitro

Ogni anno, migliaia di coppie in Turchia ricorrono a vari metodi di trattamento con il desiderio di avere figli. I trattamenti di fecondazione in vitro, che hanno raggiunto risultati di successo con tecnologie avanzate e tecniche di sviluppo, aiutano ogni anno più coppie a realizzare questo sogno. Gli esperti del Centro FIVET del Memorial Antalya Hospital hanno fornito informazioni sui "Nuovi sviluppi nei trattamenti IVF".

I trattamenti di fecondazione in vitro sono le procedure applicate nelle coppie in cui la gravidanza non si sviluppa nonostante rapporti non protetti per più di 1 anno e con risultati estremamente positivi. Per queste coppie con diagnosi di "infertilità", cioè infertilità, innanzitutto il trattamento viene avviato in base ai risultati degli esami effettuati mediante esame, esami di laboratorio e imaging. A volte questo trattamento viene eseguito dopo le applicazioni di vaccinazione, a volte può essere direttamente un metodo preferito. Per esempio; Se, a seguito della valutazione, il numero di spermatozoi è estremamente basso o nullo, il metodo di vaccinazione non è un trattamento appropriato. Sarà corretto eseguire un trattamento di fecondazione in vitro direttamente in queste persone. D'altra parte, nelle coppie con problemi di infertilità dovuti a "endometriosi" (cisti di cioccolato), invece di aspettare che la gravidanza avvenga spontaneamente dopo l'intervento chirurgico, viene utilizzata direttamente la fecondazione in vitro.

"La ripetizione illimitata è possibile nel trattamento"

Le coppie che non hanno difficoltà finanziarie per prove psicologicamente forti e ripetitive possono continuare la fecondazione in vitro fino a quando i desideri del loro bambino non si avverano. Tuttavia, in caso di sviluppo di fattori che portano a una diminuzione della qualità del trattamento (età avanzata, diminuzione del numero di ovuli in ciascuna ovaia, diminuzione del numero di embrioni di buona qualità, ecc.), Il medico dovrebbe prendere il iniziativa e informa la coppia che le possibilità stanno gradualmente diminuendo e la decisione di riprovare dovrebbe essere presa dopo queste informazioni mediche.

Il trattamento richiede una preparazione ...

Prima della procedura di fecondazione in vitro, vengono eseguiti alcuni test sui pazienti. Questi; I test di funzionalità tiroidea sono la misurazione della prolattina, cioè l'ormone del latte, e i test ormonali eseguiti guardando il campione di sangue somministrato il 3 ° giorno delle mestruazioni. Inoltre, le coppie dovrebbero essere valutate in termini di malattie infettive (epatite B, epatite C, HIV, ecc.). Prima della procedura è molto importante l'ecografia eseguita da medici specializzati nella fecondazione in vitro. In questo esame vengono valutate la riserva delle ovaie (il numero di candidati all'ovulazione) e le condizioni della cavità uterina. Durante questi esami vengono rilevate anche deformità uterine, condizioni indesiderabili come l'accumulo di liquidi correlato ai tubi e strutture simili a tumori benigni (miomi) che si verificano nel rivestimento interno dell'utero; anche i protocolli di trattamento sono predisposti in base a questa situazione.

Un'alimentazione sana e gli integratori alimentari aumentano le possibilità di successo

Il trattamento IVF è un processo che richiede la preparazione nelle coppie. Pertanto, come nel trattamento di molte malattie, si raccomanda alle coppie di seguire una dieta sana. Inoltre, non è necessario utilizzare compresse di integratori multivitaminici. Alle future mamme vengono somministrati integratori di acido folico e vitamina D a breve termine, come in tutte le donne che pianificano una gravidanza. Se si ottiene una gravidanza, si consiglia di assumere 40-60 mg di integratori di ferro al giorno.

La regolazione del peso dovrebbe essere fatta!

Alcune coppie possono richiedere aggiustamenti del peso prima dei trattamenti di fecondazione in vitro. La ragione di ciò è che ci sono problemi con lo sviluppo dello sperma negli uomini estremamente obesi e questa situazione riduce i tassi di fecondazione in generale. È noto che perdere peso senza stressare il corpo ha un effetto positivo sul numero di spermatozoi e sul movimento. Nelle donne, soprattutto in presenza di sindrome dell'ovaio policistico con insulino-resistenza, una perdita di peso di almeno il 10% del peso corporeo ha un effetto positivo sia sulla risposta ai farmaci che sui bassi tassi osservati nel primo periodo. In generale, il sovrappeso o il sottopeso non sono adatti a nessuna donna che desidera una gravidanza. Non va dimenticato che le gravidanze si sviluppano e continuano più agevolmente nelle donne con peso normale.