Non scegliere una persona che si prende cura di tuo figlio senza conoscere la sua malattia

L'assistenza all'infanzia è uno dei problemi più importanti delle madri lavoratrici. Quando si sceglie un caregiver; Il bambino capisce la psicologia?, Aggressivo?, Comunica bene con il bambino? I problemi di salute del caregiver preferito sono spesso trascurati, mentre vengono presi problemi come l'oro. Negli ultimi anni, soprattutto la preferenza dei caregiver stranieri può comportare rischi di malattie infettive per i bambini. Specialista in infezioni pediatriche Prof. Dott. Ahmet Soysal ha fornito informazioni sui problemi da considerare quando si sceglie una babysitter.

 Ricorda la valutazione dello stato di salute quando scegli un caregiver

Soprattutto le madri che lavorano possono trascorrere del tempo con i loro bambini anche per 4-6 mesi dopo la nascita dei loro figli. Bambini dopo il congedo di maternità della madre; è affidato a genitori, asili nido o badanti. Quando i genitori scelgono un caregiver a cui affidare i loro bambini, di solito; Valuta i bambini su questioni come amorevole, paziente, affettuoso e sorridente, comprensione della psicologia infantile o aggressività. Tuttavia, la valutazione dello stato di salute del caregiver, che trascorrerà quasi 8-9 ore con il bambino, viene spesso trascurata.

Aumento del rischio di infezione nei caregiver stranieri

Negli ultimi anni, soprattutto nelle grandi città; I caregiver provenienti da Ucraina, Georgia, Turkmenistan, Bulgaria, Kazakistan, Moldavia e persino paesi dell'Estremo Oriente come Filippine, Malesia, Singapore sono preferiti per imparare le lingue straniere. I caregiver stranieri che nutrono i bambini e cambiano i pannolini, che sono a stretto contatto per la maggior parte della giornata, possono essere rischiosi in termini di malattie infettive. Questi caregiver che non hanno servizi sanitari adeguati nei loro paesi o che non possono accedere facilmente ai servizi sanitari rappresentano un rischio in termini di malattie parassitarie come tubercolosi, epatite B ed epatite C, infezioni e scabbia.

Chiedi al tuo assistente di eseguire esami del sangue e delle urine

Quando si sceglie un caregiver a cui affidare i bambini e che trascorrerà la maggior parte della giornata a stretto contatto con i bambini, non bisogna dimenticare di chiedere un referto sanitario. Esami semplici e impegnativi come l'emocromo completo, l'analisi delle urine e la radiografia del torace possono essere sufficienti per conoscere possibili malattie. Non essendoci misure protettive contro la tubercolosi, che può essere trasmessa molto rapidamente, controllare se il caregiver ha una tosse cronica e richiedere una radiografia del torace può prevenire gravi problemi. Se il caregiver non rimane sempre a casa con la famiglia, è importante conoscere la casa in cui vive e l'ambiente sociale in cui trascorre il suo tempo, al fine di identificare malattie parassitarie come la scabbia.

Le malattie potrebbero non verificarsi immediatamente

Poiché il periodo di incubazione dei microbi è diverso nelle malattie infettive, la malattia trasmessa al bambino potrebbe non verificarsi immediatamente. I sintomi di alcune malattie possono essere sperimentati anche anni dopo. Come con l'HIV e le malattie da epatite, il bambino può essere solo un portatore del germe, non una persona malata. Le malattie parassitarie possono dare sintomi in breve tempo.

  • Prurito costante o sul corpo
  • Diarrea o cacca maleodorante
  • In sintomi come vomito e nausea, è importante portare il bambino da un medico per malattie parassitarie.