Donne che fumano, nuovo bersaglio del cancro ai polmoni

Il cancro del polmone è noto per essere il tipo più comune di cancro negli uomini e il secondo tipo di cancro più comune nelle donne dopo il cancro al seno. Gli esperti mettono in guardia su questa malattia, in cui vengono catturate più donne ogni anno: nel nostro paese, ogni anno a 30-40mila persone, per lo più donne, viene diagnosticato un cancro ai polmoni. Gli esperti del Memorial Ata┼čehir Hospital Chest Diseases hanno fornito informazioni sui fattori che causano il cancro ai polmoni:

Il cancro ai polmoni, che si verifica a seguito della proliferazione incontrollata di tessuti o cellule nei polmoni, il cui compito principale è quello di portare ossigeno nel corpo e di garantire la rimozione dell'anidride carbonica formata durante le attività vitali, è il tipo più comune di cancro che provoca la morte ed è il più facile da prevenire.

Sebbene sia più comune nel mondo tra i 50 ei 70 anni, il rischio aumenta dopo i 35 anni e mostra un aumento molto più rapido nelle donne che negli uomini. Mentre 25 anni fa questo tipo di cancro veniva riscontrato in 1 donna ogni 11 uomini, oggi il cancro ai polmoni viene rilevato in 1 donna contro quasi ogni 2 uomini e la ragione principale di ciò è che le donne ora fumano di più.

Quali sono i fattori che causano il cancro ai polmoni?

Il fattore di rischio più importante nello sviluppo del cancro ai polmoni è il fumo a un tasso del 90%. Un fumatore ha circa 20 volte più probabilità di contrarre il cancro ai polmoni rispetto a un non fumatore. Il fatto che la sigaretta fumata sia "leggera", ovvero che abbia un basso tenore di catrame, non riduce il rischio di cancro, in quanto più giovane è l'età in cui si inizia a fumare, maggiore è la durata del fumo e maggiore è il consumo giornaliero, maggiore è il rischio di cancro.

Una persona su tre che sviluppa il cancro ai polmoni, anche se non ha mai fumato, è un fumatore passivo. Ogni 5 sigarette fumate fa sì che i non fumatori fumino 1 sigaretta.

Oltre a fumare, fumare pipe e sigari, fattori ambientali e professionali, inquinamento atmosferico, cancro ai polmoni in famiglia, mangiare povero di frutta e verdura e ricco di grassi animali giocano anche un ruolo nello sviluppo del cancro ai polmoni.

L'amianto, utilizzato nell'industria edile, in aree industriali come condutture dell'acqua, guarnizioni dei freni e isolamento termico, può anche causare il cancro ai polmoni. Il cancro al polmone è più comune nei lavoratori dell'industria che utilizzano materiali come nichel, radon, cromo, fumi acidi, cadmio, alluminio, berillio.

La diagnosi precoce salva la vita!

Sintomi di cancro ai polmoni come tosse persistente, cambiamento nel carattere della tosse e dell'espettorato esistenti, presenza di sangue nell'espettorato, dolore al petto, alla schiena, alle braccia o alle spalle, mancanza di respiro, raucedine, debolezza, perdita di appetito, perdita di peso, collo e si può vedere gonfiore del viso. Non ci possono essere lamentele nel primo periodo. Perciò; La diagnosi deve essere effettuata immediatamente e il trattamento deve essere iniziato con metodi quali film polmonare, tomografia computerizzata, esame dell'espettorato, broncoscopia (esame delle vie aeree con uno strumento speciale). In trattamento, a seconda del tipo, delle dimensioni e della diffusione del tumore; vengono utilizzati chirurgia, chemioterapia (terapia farmacologica), radioterapia (radioterapia) o combinazioni di questi metodi. Il fattore più importante nel trattamento non è il ritardo nella diagnosi. Come in tutti i tipi di cancro, la diagnosi precoce è salvavita nel cancro del polmone.