Raccomandazioni d'oro per un sano Ramadan

Con l'avvicinarsi del Ramadan, l'ansia di incontrare vari problemi di salute aumenta durante il digiuno nelle giornate lunghe e calde. Per proteggersi dagli effetti negativi dell'aria calda e rimanere in buona salute per lunghe ore di fame, è necessario seguire le raccomandazioni degli esperti. Gli esperti del Dipartimento di Medicina Interna del Memorial Şişli Hospital hanno fornito importanti informazioni sugli aspetti da considerare durante il Ramadan.

Il digiuno prima del suhoor può invitare la malattia

Molte persone cercano di digiunare senza alzarsi per il sahur. Ciò provoca un prolungamento del periodo di fame, un basso livello di zucchero nel sangue con l'aumento del calore, difficoltà di concentrazione, mal di testa e sensazione di stanchezza. Per il suhoor si può preferire una colazione leggera, un pasto di verdure a basso contenuto di sale o olio d'oliva. Inoltre, il latte e le uova sono consigliati per il loro contenuto proteico e per gli effetti sazianti. Si consiglia il pane di crusca o di segale, poiché il pane bianco aumenta rapidamente lo zucchero nel sangue e provoca una sensazione di fame più rapidamente. È necessario bilanciare la maggiore perdita di liquidi dovuta al clima caldo e umido con un consumo di liquidi abbondante.

Inizia il tuo pasto iftar con la zuppa

Dopo un digiuno a lungo termine, è necessario prestare attenzione a non mangiare più della quantità e della varietà normalmente consumate all'iftar. Si consiglia di iniziare l'iftar con una fetta di pane e una ciotola di zuppa, bere acqua e iniziare il pasto principale con una pausa di 20 minuti. Principalmente dovrebbero essere preferiti i piatti a base di olio d'oliva, carne e pollo dovrebbero essere consumati sotto forma di griglia. È importante mangiare molta verdura a foglia verde per il fabbisogno giornaliero di vitamine. I dessert al latte con poco zucchero dovrebbero essere preferiti al posto dei dessert sciroppati e difficili da digerire, e la frutta dovrebbe essere consumata almeno 1-2 ore dopo aver mangiato. L'assunzione giornaliera di liquidi è ancora più importante nella stagione calda. Almeno 2-2,5 litri di acqua dovrebbero essere consumati tra iftar e sahur.

Attenzione al rischio di svenimento durante il digiuno!

Sintomi come debolezza, crampi muscolari, palpitazioni e febbre possono essere visti insieme alla perdita di liquidi durante il periodo di digiuno. Se l'acqua consumata non viene soddisfatta, si può osservare una diminuzione della pressione sanguigna e svenimenti. Se esposto alla luce solare diretta con perdita di fluido, può anche svilupparsi un colpo di calore.

Camminare invece di fare esercizio fisico pesante

Le persone che digiunano, se non c'è alcun obbligo, dovrebbero fare attenzione a non uscire all'aperto quando fa molto caldo. Se si esce, dovrebbero essere preferite le ore mattutine o pomeridiane. Si raccomanda alle persone a digiuno che lavorano all'aperto di evitare la luce solare diretta e soprattutto di preferire abiti larghi e di colore chiaro. È opportuno evitare attività fisica intensa dopo un pasto, invece di camminare per 30 minuti dopo 1 ora.

Se hai una malattia cronica ...

Prima del digiuno, un determinato gruppo di età dovrebbe sottoporsi a un controllo sanitario e ottenere informazioni sulla pressione sanguigna, la glicemia, le funzioni renali, cardiache ed epatiche. Inoltre, non è consigliabile che i pazienti con questo tipo di malattia cronica digiunino senza consultare un medico.

  • Quelli con il diabete:I diabetici dovrebbero essere nutriti con 3 pasti principali e 3 spuntini. Tuttavia, i diabetici rimangono affamati fino a sera, contrariamente a quanto dovrebbe essere trattato, mentre digiunano e il loro zucchero cala. In Iftar, il loro zucchero aumenta improvvisamente. In particolare, i diabetici che usano l'insulina non dovrebbero digiunare senza consultare il proprio medico.
  • Quelli con malattie cardiache: A volte possono essere necessarie fino a tre settimane prima che il corpo si adatti all'ordine che cambia durante il Ramadan. Questa situazione causa alcune difficoltà soprattutto nel trattamento dei pazienti cardiopatici e richiede l'adeguamento delle ore di assunzione del farmaco.
  • Quelli con disturbi di stomaco: Coloro che lamentano problemi di stomaco, eccesso di acidità e reflusso, prendono i farmaci che riducono l'acidità prima del sahur per ridurre i sintomi durante il giorno. Tuttavia, si raccomanda che coloro che hanno avuto ulcere gastriche o emorragie in precedenza dovrebbero consultare il proprio medico e non digiunare se necessario. Dopo aver digiunato per un lungo periodo, è necessario prestare attenzione a non consumare più della quantità e della varietà normalmente consumate all'iftar.