Se in inverno bevi meno acqua, attenzione alle malattie!

La diminuzione della perdita di acqua attraverso la sudorazione in inverno causa un minor fabbisogno idrico rispetto ai mesi estivi. In questo caso, molte persone iniziano a bere meno acqua. Il mancato soddisfacimento del fabbisogno idrico giornaliero del corpo causa gravi problemi di salute. Gli esperti del dipartimento di nefrologia del Memorial Ankara Hospital hanno fornito informazioni sugli effetti negativi del bere troppo poca acqua sulla salute.

Il fabbisogno giornaliero di acqua di ogni persona non è lo stesso

Circa il 60% del corpo umano è costituito da acqua. Il corretto funzionamento di tutti i sistemi cellulari e di organi del corpo dipende dall'acqua. Quella; Svolge un ruolo nella regolazione della temperatura corporea, nel trasporto di sostanze nutritive alle cellule e nella rimozione dei prodotti di scarto formati a seguito del metabolismo. Tutto il giorno; L'acqua viene persa attraverso la respirazione, il sudore, l'urina e l'intestino. Il fabbisogno idrico è determinato da fattori ambientali e fisici e varia da persona a persona. Tuttavia, sebbene ci siano opinioni diverse sul fabbisogno giornaliero di acqua, si consiglia di consumare circa 2,5 litri di acqua ogni giorno.

La sensazione di sete diminuisce con l'età

Il primo sintomo che si verifica quando non si beve abbastanza acqua è una sensazione di sete. A causa dell'indebolimento della sete negli anziani, la necessità di bere acqua potrebbe non essere notata. Questa situazione provoca l'emergere di carenza di liquidi nel corpo. Nei casi in cui l'acqua corporea diminuisce, si verifica una tabella chiamata disidratazione. I sintomi visti in questa situazione; Mal di testa, debolezza, affaticamento, ridotta concentrazione, secchezza delle fauci, colore scuro delle urine, allucinazioni e confusione nelle fasi più avanzate.

La febbre alta e la diarrea aumentano il fabbisogno idrico

La quantità di liquido da assumere in un giorno; Dipende da quanto sei attivo, dalla temperatura dell'ambiente e dalla salute generale. Il fabbisogno idrico aumenta quando si esercita o si svolge un'attività che provoca sudorazione. 400-600 ml di acqua extra sono necessari per un esercizio moderato a breve termine. Questa necessità aumenta con esercizi più lunghi e più vigorosi. L'ambiente caldo e umido aumenta anche la necessità di acqua provocando la sudorazione. Tranne quelli; Problemi come febbre, diarrea e vomito aumentano anche la perdita di acqua e causano la necessità di bere più acqua. Il consumo di acqua dovrebbe essere aumentato anche durante la gravidanza e l'allattamento. Si raccomanda alle donne in gravidanza di consumare 2,5 litri di liquidi al giorno e alle madri che allattano a consumare 3 litri al giorno.

I pazienti con malattie renali e cardiache croniche dovrebbero evitare un consumo eccessivo di acqua

Tranne nei casi in cui il corpo perde acqua, i pazienti con calcoli renali dovrebbero sicuramente aumentare l'assunzione di acqua. Al fine di prevenire la formazione di nuove pietre e facilitare la loro escrezione, la quantità giornaliera di urina non deve scendere sotto i 2 litri. Questo può essere ottenuto solo bevendo circa 3 litri di acqua al giorno. Le persone che sono inclini alla formazione di calcoli renali bevono anche meno acqua, il che facilita la formazione di calcoli renali. Tuttavia, il consumo eccessivo di acqua è dannoso nei pazienti con insufficienza renale cronica. Un consumo eccessivo di acqua può causare un quadro pericoloso chiamato iponatriemia in queste persone, che può portare a edema cerebrale. Lo stesso vale per i pazienti con insufficienza cardiaca.

Una quantità sufficiente di acqua dovrebbe essere bevuta per reni sani

I reni sono organi che mantengono l'equilibrio idrico ed elettrolitico nel corpo, regolano la pressione sanguigna e secernono vari ormoni. L'acqua è essenziale per il funzionamento dei reni e deve essere presa una quantità sufficiente di acqua per rimuovere i prodotti di scarto dal corpo attraverso l'urina. Non va dimenticato che bere meno acqua facilita lo sviluppo di infezioni del tratto urinario, formazione di calcoli renali e disturbi elettrolitici.