12 malattie in cui la "terapia neurale" è benefica

I disturbi del sistema nervoso e muscolo-scheletrico dovuti a molte ragioni possono portare a dolore che può influire negativamente sulla qualità della vita. Recentemente, la "terapia neurale", applicata per il dolore cronico, sta acquisendo importanza in Turchia come ramo della medicina complementare. La terapia neurale, che significa influenzare il sistema nervoso autonomo applicando l'anestesia locale con il metodo dell'iniezione, e attivando così la funzione di auto-guarigione del corpo, può essere utilizzata in molte malattie. Specialista del dipartimento di terapia fisica e riabilitazione del Memorial Antalya Hospital. Dott. Feride Ekimler Süslü ha fornito informazioni sulle aree di applicazione della terapia neurale.

Ha lo scopo di alleviare il dolore cronico

Tutti gli allarmi provenienti dall'esterno come incidenti, infezioni, interventi chirurgici, traumi fisici e psicologici sono registrati nel sistema nervoso autonomo. Questi stimoli registrati causano danni elettrici al sistema nervoso autonomo che circonda il corpo come una rete. Il dolore cronico si verifica nel corpo, che non può sopportarlo nel tempo. Con la terapia neurale applicata per questi dolori, l'attività elettrica del disturbo della conduzione nel sistema nervoso è aumentata e si mira al miglioramento bioelettrico.

Fornisce sollievo e recupero a lungo termine

La terapia neurale è una terapia di regolazione che utilizza un anestetico locale. I farmaci a base di cortisone non vengono utilizzati nella terapia neurale. L'obiettivo è riportare alla normalità le strutture che sono state danneggiate in varie aree e ottenere un recupero a lungo termine. Poiché i fattori che causano dolore vengono eliminati nella terapia neurale, entra in gioco il sistema di auto-rinnovamento del corpo. Pertanto, viene fornito il miglioramento delle funzioni e il ritorno alla normalità. Il trattamento viene effettuato in sessioni. Possono essere applicate 1-2 sessioni a settimana. Ci dovrebbero essere almeno 3 giorni tra ogni sessione. Tuttavia, può anche essere fatto in modo intermittente. Il trattamento dipende dal paziente.

La terapia neurale è un bene per questi disturbi;

Il metodo, che non ha effetti collaterali e non richiede l'uso di farmaci, può essere applicato per molte malattie.

  1. Mal di testa
  2. Dolore muscoloscheletrico regionale
  3. Sindrome fibromialgica
  4. Dolore pelvico cronico
  5. Dolore alla vita-collo-schiena ed ernie
  6. Artrite spinale
  7. Infiammazioni croniche
  8. Sindrome del tunnel carpale
  9. Dolore cronico ai gomiti
  10. Dolore al ginocchio e alla spalla
  11. Tendinite
  12. Lesioni sportive

Un metodo di trattamento efficace

La terapia neurale è una terapia di regolazione con i risultati più efficaci tra i trattamenti riflessi. Come, quando e perché si manifesta la malattia è molto importante in termini di diagnosi. La terapia neurale funziona con due meccanismi di base. Nella prima è essenziale l'iniezione di sostanza anestetica nella sezione della colonna vertebrale dove risiede il disagio. Il secondo è l'iniezione fatta nella zona del disagio. Applicazioni dell'anestetico locale nella terapia neurale; Si applica su sottocutaneo, tessuto muscolare, ferite e cicatrici chirurgiche, punti intra-articolari e dolenti. Le iniezioni non vengono effettuate nel nervo. Le punte degli aghi per insulina sottili e piccole sono generalmente utilizzate nelle applicazioni.

Le situazioni in cui la terapia neurale non dovrebbe essere applicata sono;

  • Pazienti con miastenia grave, morbo di Parkinson e sclerosi multipla
  • Insufficienza cardiaca, II. e III. pazienti con blocco cardiaco atrioventricolare di primo grado
  • Pazienti con disturbi della coagulazione
  • Quelli con malattia maling
  • Quelli con malattie mentali
  • Quelli con un'indicazione chirurgica acuta
  • Coloro che usano fluidificanti del sangue come l'aspirina (la terapia neurale può essere applicata dopo l'interruzione del farmaco per 1 settimana)
  • Non deve essere applicato prima di 6 mesi in pazienti che ricevono terapia atomica per la tiroide e prima di 1,5 mesi in pazienti sottoposti a scintigrafia tiroidea.