La pressione alta può portare a insufficienza cardiaca

L'ipertensione, vista come un semplice problema, può portare a insufficienza cardiaca, che porta a morti improvvise. Per non contrarre l'insufficienza cardiaca, è importante il follow-up cardiologico oltre ai controlli annuali della pressione sanguigna. Professore di Cardiologia presso il Memorial Şişli Hospital. Dott. Principio Sipahi ha fornito informazioni sullo scompenso cardiaco e sui metodi di trattamento.

L'insufficienza cardiaca, che si osserva nel 2 per cento della popolazione, è pericolosa e fatale perché è un problema che può progredire senza sintomi. I principali fattori di rischio di insufficienza cardiaca, interpretata come un quadro clinico che si verifica come conseguenza della diminuzione delle prestazioni cardiache e dell'incapacità del cuore di inviare il sangue necessario e sufficiente ai tessuti e agli organi, sono l'ipertensione e occlusione vascolare. Al fine di prevenire l'insufficienza cardiaca, è necessario evitare situazioni che possono causare ipertensione e occlusione vascolare. Con l'aumento della pressione sanguigna nei pazienti con pressione alta, il cuore si esaurisce quando lavora contro l'alta pressione. Nelle occlusioni vascolari, il tessuto e la contrazione del cuore che non possono ricevere abbastanza sangue vengono interrotti.

Presta attenzione alla mancanza di respiro che deriva dallo sforzo!

I due sintomi principali dell'insufficienza cardiaca sono l'edema e la mancanza di respiro a causa dell'accumulo di acqua nel corpo. Tutti i sintomi possono essere elencati come segue:

  • Mancanza di respiro da sforzo, mancanza di respiro a riposo negli stadi avanzati
  • Edema dovuto all'accumulo di acqua nel corpo
  • Stanchezza rapida
  • Palpitazione
  • Dolore al petto
  • Gonfiore nell'addome
  • Rapido aumento di peso
  • Vertigini, vertigini, svenimenti
  • Perdita di appetito e nausea
  • Tosse frequentemente

L'insufficienza cardiaca consiste in quattro fasi

Sebbene l'insufficienza cardiaca sia tra le malattie che sono state messe in scena come nel cancro negli ultimi anni, le fasi della malattia sono elencate come segue.

1 - Fase A: In questa fase si trova il paziente con pressione alta e occlusione vascolare. Non ci sono danni al cuore, non si è verificato alcun attacco di cuore.

2 - Fase B: Il paziente ha avuto un infarto ma non ha segni di insufficienza cardiaca

3 - Fase C: Il cuore del paziente è danneggiato, i sintomi di insufficienza cardiaca sono iniziati.

4 - Fase D: Il paziente ha danni al cuore, segni di insufficienza cardiaca, i sintomi non possono essere tenuti sotto controllo

Diagnosi tecnologica adatta all'esame obiettivo

Mentre un buon esame fisico gioca un ruolo importante nella diagnosi dell'insufficienza cardiaca, la tecnologia apre le porte a un buon trattamento. In base ai risultati dell'esame obiettivo e ai reclami del paziente, la diagnosi viene effettuata mediante ecografia cardiaca, ovvero ecocardiografia, risonanza magnetica cardiaca, angiografia classica, ritmo holter. Negli ultimi anni, il BNP, che è stato ricercato nel sangue, può essere facilmente diagnosticato.

Dalle terapie farmacologiche ai pacemaker

In passato, si pensava che i farmaci contenenti principi attivi della digossina funzionassero nell'insufficienza cardiaca, ma molti farmaci sono usati nel trattamento con la ricerca. Tuttavia, con il progresso della tecnologia, applicazioni come i pacemaker vengono eseguite soprattutto nei pazienti con insufficienza cardiaca in stadio avanzato. Se i pacemaker vengono utilizzati nei pazienti giusti, si osserva un miglioramento positivo nei pazienti e non è necessario un trapianto di cuore. Tuttavia, il paziente giusto per il pacemaker può essere determinato dall'ECG. Grazie al pacemaker applicato al paziente giusto, la vita dei pazienti è prolungata.

Il trapianto di cuore inizia in una fase avanzata

Mentre i farmaci contenenti "Sacubitril valsartan" sono stati all'ordine del giorno negli ultimi anni; Si afferma che questi farmaci sono superiori a quelli usati di recente. Tuttavia, un gruppo di pazienti non risponde ai trattamenti con farmaci o pacemaker. In pazienti in stadio così avanzato, entrano in gioco il cuore artificiale, i dispositivi di supporto del cuore artificiale e il trapianto di cuore. Tutte queste applicazioni possono essere eseguite con successo nel nostro paese.

Un follow-up regolare è importante per prevenire l'insufficienza cardiaca.

Le persone dovrebbero sottoporsi a controlli regolari della pressione alta dall'età di 20 anni. È anche molto importante evitare l'ipertensione. Il controllo del peso, l'uso di alcol, la restrizione di sale, l'aumento dell'assunzione di potassio e una corretta alimentazione possono prevenire l'ipertensione. Inoltre, prevenire l'occlusione vascolare può proteggere dall'insufficienza cardiaca. Il rispetto dei principi di una vita regolare e di una dieta equilibrata, evitando il fumo e l'alcol eccessivo, l'esercizio fisico, il monitoraggio del colesterolo possono anche prevenire l'occlusione vascolare. Oltre a questi, anche se non ci sono lamentele, negli anni '20 è opportuno misurare il colesterolo, la glicemia e la pressione sanguigna una volta all'anno. Se non ci sono problemi con questi valori, deve essere eseguito un esame cardiologico ogni cinque anni fino all'età di 30 anni, ogni 3 anni tra i 30 ei 40 anni e una volta all'anno dopo i 40 anni.