Evita le vitamine per evitare l'influenza

Il crollo dell'epidemia di influenza suina nel bel mezzo della nostra vita come un incubo oltre al freddo ha aumentato la richiesta di alimentazione naturale, la necessità di mantenere l'equilibrio del nostro corpo e le vitamine. Tuttavia, le vitamine acquistate dalle farmacie come pane al formaggio e usate casualmente o ordinate dai siti web possono fare più male che bene. Le vitamine devono essere consumate sotto la supervisione e il dosaggio di un medico. Gli specialisti di medicina interna del Memorial Health Group hanno fornito informazioni sui punti da considerare nell'uso delle vitamine.

Chiave per la salute: Vita + ammina = vitamina

Le vitamine sono molecole che svolgono un ruolo chiave in molti eventi fisiologici. Poiché le vitamine non possono essere sintetizzate dal corpo umano, devono essere ottenute dal cibo. I nomi delle vitamine derivano da una combinazione delle parole latine "vita", che significa vita, e "ammina", che significa contenente azoto. In effetti, tutte le vitamine conosciute oggi non contengono azoto, ma il nome è rimasto tale perché contenevano le prime vitamine trovate.

Gli individui sani non hanno bisogno di assumere vitamine oltre agli alimenti. Tuttavia, le vitamine dovrebbero essere somministrate nei casi che aumentano la necessità di vitamine o nei casi in cui viene rilevata una carenza.

L'uso inconscio di vitamine può causare molte malattie, dall'insufficienza epatica ai disturbi renali.

La vitamina deve essere utilizzata sotto la supervisione di un medico. È decisamente sbagliato assumere vitamine secondo la testa della persona o con il consiglio di un amico. Dovrebbe essere preso con la raccomandazione del medico. La vitamina A consumata inconsciamente può causare disturbi al fegato, un'eccessiva vitamina C può causare calcoli renali e disturbi di stomaco, intossicazione da vitamina D.

Vitamina D per i bambini, C per i fumatori, Vitamina B12 per i vegetariani

Devono essere utilizzate vitamine che risultano carenti nella crescita e nello sviluppo, gravidanza, età avanzata, pazienti con malattie croniche e alcolismo. La quantità di vitamine richieste è generalmente definita come la quantità giornaliera raccomandata di RDA. Questi valori sono inclusi nelle informazioni sull'etichetta dei prodotti. Tuttavia, l'importo necessario può variare da persona a persona. Ad esempio, una quantità maggiore di vitamine è raccomandata a una persona in determinate malattie; Inoltre, i farmaci possono inibire l'attività delle vitamine. Alcuni gruppi hanno bisogno di vitamine più specifiche. Ad esempio, i bambini (vitamina D), le donne incinte (acido folico), gli anziani (vitamina D), i fumatori (vitamina C), i forti bevitori di alcol (vitamina B1) o i vegetariani (vitamina B12) hanno bisogno di più determinate vitamine.

L'uso di vitamine può essere richiesto nel trattamento antibiotico.

L'uso inutile di vitamine porterà danni anziché benefici al corpo. È essenziale che le vitamine siano utilizzate in modo consapevole e corretto. Ad esempio, anche i batteri benefici nell'intestino sono influenzati dal trattamento antibiotico. Di conseguenza, si verificano malattie fungine come mughetto, diarrea, indigestione e disturbi del gas. Pertanto, è particolarmente utile assumere vitamine del complesso B nel trattamento antibiotico.

Non usare indiscriminatamente la tua salute A, B, C.

I danni e gli effetti collaterali delle vitamine A, D, E, K e C sono ben noti. La vitamina A si accumula nel corpo e provoca tossicità epatica. La tossicità della vitamina A si verifica quando le proteine ​​che la legano vengono distrutte e quindi la vitamina A attacca le cellule. Questo di solito non si verifica quando le vitamine vengono prese dalla dieta; ma può apparire se la persona usa integratori. I sintomi includono nausea, vomito, dolore addominale, diarrea e perdita di peso. Anche il sistema muscolare e nervoso è colpito, mostrando sintomi di anoressia, irritabilità, affaticamento, insonnia, esaurimento, mal di testa e debolezza muscolare.

La vitamina D è ad azione prolungata e si accumula. L'eccesso di vitamina D provoca un'alta concentrazione di calcio nel sangue. Il calcio può formare calcoli renali. Alti livelli di calcio nel sangue causano anche la calcificazione dei vasi sanguigni; Questo è particolarmente pericoloso per il cuore e le arterie polmonari e può essere fatale. Ulteriori sintomi di tossicità da vitamina D sono; perdita di appetito, mal di testa, debolezza, debolezza, sete eccessiva, irritabilità.

L'avvelenamento da vitamina E si verifica se se ne prende troppa; ma non così facile come con le vitamine A e D. I sintomi includono mal di testa, debolezza, vertigini, debolezza e disturbi visivi.

L'avvelenamento da vitamina K si verifica solo nelle persone che consumano fonti idrosolubili di vitamina K. I suoi sintomi sono emolisi dei globuli rossi, ittero e danni cerebrali.

Un'assunzione anormalmente elevata di tiamina (B1) colpisce il sistema nervoso. Provoca debolezza, mal di testa, irritabilità e disturbi del sonno. Può anche causare tachicardia.

Elevate quantità di niacina (B3) possono intorpidire il sistema nervoso, il glucosio e i grassi nel sangue. Possono verificarsi sintomi come vomito, gonfiore della lingua, svenimento. Inoltre, può influenzare la funzione del fegato e causare bassa pressione sanguigna.

Dosi elevate prolungate di vitamina B6 a volte causano danni irreversibili ai nervi. Inizia con intorpidimento dei piedi, quindi la sensazione nelle mani potrebbe scomparire e la bocca potrebbe essere insensibile. Altri sintomi tossici sono difficoltà a camminare, affaticamento e mal di testa. Questi sintomi scompaiono quando l'assunzione viene ridotta; ma non è sempre completamente perso.

I sintomi di tossicità del folato sono diarrea, disturbi del sonno e irritabilità. A causa della sua stretta associazione con la vitamina B12, l'elevata quantità di folato compensa la carenza di vitamina B12.

La tossicità da vitamina C è vomito, crampi addominali, disturbi del sonno. Può anche portare a calcoli renali.

La vitamina usa innescare il cancro?

Uno studio scientifico negli Stati Uniti ha riferito che potrebbe esserci un legame tra l'uso eccessivo di vitamine e il cancro alla prostata avanzato. Nell'ambito della ricerca sono state esaminate le condizioni di salute e le abitudini alimentari di 300mila uomini. È stato stabilito che un terzo di loro assumeva varie vitamine ogni giorno e il 5% consumava vitamine in eccesso. Nei 5 anni dall'inizio dello studio, a 10.241 uomini è stato diagnosticato un cancro alla prostata. Lo studio, pubblicato sul Journal of the National Cancer Institute, ha concluso che chi usa quantità eccessive di vitamine ha il doppio del rischio di cancro alla prostata fatale rispetto a chi non lo usa mai. Tuttavia, i ricercatori non hanno trovato una relazione tra l'uso di vitamine e il cancro alla prostata in stadio iniziale. I ricercatori dicono che alte dosi di vitamina non hanno molto effetto fino alla comparsa del tumore; tuttavia, hanno ipotizzato che fosse probabile che causasse la rapida crescita del tumore dopo che si era formato. Sebbene studi simili meno completi abbiano raggiunto la stessa conclusione, è stato anche sottolineato che sono necessari altri studi per dimostrare una relazione definita tra l'uso eccessivo di vitamine e il cancro alla prostata.

Uno studio condotto su oltre 77mila persone di età compresa tra i 50 ei 76 anni negli USA ei cui risultati sono stati annunciati pochi giorni fa, per molti anni, l'uso di multivitamine come C, vitamina E e folato ha fatto non ridurre il rischio di cancro ai polmoni; Ha anche scoperto che coloro che assumevano 400 milligrammi di vitamina E al giorno avevano un rischio maggiore del 28% di cancro ai polmoni. Inoltre, il pericolo è stato riscontrato anche maggiore nei fumatori.

Attenzione se dici: "Fammi usare molta vitamina C per proteggerti dal raffreddore"!

La vitamina C in eccesso assunta viene escreta attraverso i reni. Uno dei suoi principali metaboliti è l'ossalato. Pertanto, è stato segnalato che i calcoli di ossalato possono manifestarsi a dosi elevate di vitamina C per lungo tempo. È anche noto che la vitamina C aumenta l'acidità di stomaco ed è uno dei fattori aggressivi dello stomaco. Aumenta l'assorbimento del ferro. Si consiglia di assumere vitamina C con ferro nei pazienti anemici; Tuttavia, la vitamina C non è raccomandata nei casi di emocromatosi con sovraccarico di ferro e anemia emolitica. La vitamina C previene la formazione di "nitrosammina" dai nitrati. Per questo motivo, si consiglia di assumere un alimento ricco di vitamina C per prevenire la formazione di nitrosamina nell'apparato digerente da alimenti che contengono nitriti e nitrati. Pertanto, si afferma che è protettivo contro i tumori dello stomaco e dell'esofago. Da molti anni viene enfatizzato l'effetto protettivo della vitamina C contro il raffreddore. A seguito di studi su questo argomento, l'effetto profilattico della vitamina C non è stato determinato. Tuttavia, è stato riferito che la durata della malattia è ridotta e la gravità dei sintomi diminuisce nelle persone che soffrono del comune raffreddore. Poiché il fumo ha l'effetto di abbassare il livello di vitamina C nel sangue, i fumatori dovrebbero assumere 2 volte più vitamina C rispetto ai fumatori normali. Il graffio si verifica in caso di insufficienza di vitamina C. L'assunzione giornaliera richiesta di vitamina C è di 50-75 mg al giorno per gli adulti.