Un nuovo fattore di rischio nelle malattie cardiache

Negli ultimi anni ha attirato l'attenzione la relazione tra l'aminoacido chiamato Emocisteina e le malattie cardiache. In particolare, l'elevato livello di omocisteina introdotta nel corpo con il consumo di carne indica lo sviluppo precoce di malattie cardiovascolari.

Specialista in biochimica Dr. Nilgün Tekkeşin ha fornito informazioni sull'emocisteina, che è considerata un importante fattore di rischio nelle malattie cardiache.

Per la prima volta nel 1969, il Dr. Le indagini sono state effettuate dopo la morte prematura di un bambino con una malattia genetica definita come omocistinuria (aumento eccessivo del livello di omocisteina nel sangue) riportata da Kilmer S. McCully ed è stato riscontrato che questo paziente ha sviluppato una grave arteriosclerosi nelle vene. non è stata prestata attenzione alla malattia e ai suoi effetti sull'ictus.

L'omocisteina danneggia i vasi sanguigni in molti modi. Danneggia le cellule che rivestono la superficie interna dei vasi sanguigni e provoca l'ispessimento dei vasi. Inoltre, influenzando i meccanismi di coagulazione del sangue, aumenta il rischio di infarto o ictus basato sulla coagulazione intravascolare del sangue.

Sono importanti la riduzione del consumo di carne e degli alimenti contenenti acido folico

Una delle chiavi per una lunga vita sana è mantenere bassi i livelli di omocisteina. Ciò è possibile consumando meno carne e includendo alimenti contenenti derivati ​​della vitamina B come acido folico, B6 e B12 (verdure a foglia verde e cereali come le lenticchie) nella dieta quotidiana. La vitamina B è necessaria per l'attività degli enzimi che consumano l'omocisteina e ne fanno diminuire il livello nel sangue. Bassi livelli di queste vitamine inducono il corpo ad abbattere e rilasciare più omocisteina nella circolazione, e inizia un pericoloso accumulo. Tuttavia, si può affermare che il rischio di malattie cardiache può essere parzialmente prevenuto abbassando il livello di omocisteina con l'assunzione di tali alimenti. È essenziale sbarazzarsi del peso in eccesso con esercizi regolari, controllare il diabete e l'ipertensione, diminuire il livello di LDL, noto anche come colesterolo cattivo, e smettere di fumare.

Puoi prevenire le malattie cardiovascolari con un semplice esame del sangue

Non c'è una chiara raccomandazione sulla questione di chi dovrebbe misurare l'omocisteina nel sangue. Non esiste un valore chiaro su quale dovrebbe essere la dose normale di acido folico e altre vitamine del gruppo B da assumere per il trattamento a fronte dell'aumento dei livelli di omocisteina. Pertanto, è meglio condividere la necessità di conoscere il livello di omocisteina nel sangue con il proprio medico. La misurazione del livello di omocisteina è particolarmente importante per le persone con una storia familiare di malattie cardiovascolari ma che non presentano i principali rischi per malattie cardiovascolari come fumo, colesterolo alto e pressione sanguigna.

È possibile misurare l'omocisteina in qualsiasi momento della giornata con un semplice esame del sangue. Inoltre, non è richiesta alcuna preparazione per la misurazione dell'omocisteina. Con un adeguato follow-up e nutrizione, è possibile prevenire malattie che possono provocare la morte, come ictus e infarto, rimuovendo in modo sicuro l'omocisteina dal corpo, che può danneggiare il nostro sistema cardiovascolare. È un comportamento positivo che dovrebbe essere preso con il giusto approccio alla voce del nostro corpo e alle esigenze quotidiane.