Trapianto di rene laparoscopico

Nel Memorial Hospital, viene applicata la "Nefrectomia laparoscopica da donatore", cioè l'operazione di recupero del rene con metodo chiuso, al fine di rendere la chirurgia del donatore un'operazione più confortevole per i pazienti e i loro donatori e quindi per aumentare il trapianto da donatori viventi.

La chirurgia laparoscopica viene eseguita attraverso piccoli fori aperti nell'addome del paziente invece di un'incisione aperta praticata sul corpo del paziente. Attraverso uno di questi fori, una telecamera che consente al chirurgo di vedere la procedura eseguita e gli strumenti che consentono all'operatore di eseguire l'intervento vengono inseriti attraverso gli altri fori o fori. Questa tecnica si è diffusa in tutto il mondo negli ultimi 10 anni e molti interventi chirurgici precedentemente eseguiti apertamente sono stati avviati per essere applicati con metodo laparoscopico.

Rispetto alla chirurgia a cielo aperto, i pazienti provano meno dolore dopo l'operazione, rimangono più brevi in ‚Äč‚Äčospedale, tornano alle loro vite normali e lavorano più velocemente. Inoltre, gli effetti collaterali indesiderati dovuti all'incisione praticata in chirurgia a cielo aperto sono ridotti al minimo con questa operazione. Effetti collaterali indesiderati come ernia nel sito dell'intervento, intorpidimento, infezione della ferita, accumulo di aria nei polmoni, che sono stati osservati in passato con il metodo a cielo aperto, sono osservati con tassi molto bassi in questa tecnica. I pazienti obesi, per i quali gli interventi chirurgici sono più rischiosi, traggono maggiori benefici da questo tipo di intervento chirurgico rispetto ad altri pazienti per motivi quali infezione della ferita postoperatoria, respirazione ed espirazione insufficienti a causa del dolore e capacità del paziente di alzarsi e camminare prima. Questa operazione, che viene eseguita attraverso due soli fori aperti sul corpo e una piccola incisione praticata per asportare il rene, fornisce risultati molto soddisfacenti dal punto di vista estetico rispetto alla chirurgia aperta. I donatori che hanno iniziato a camminare e bere acqua la sera dell'intervento possono consumare i pasti e fare la doccia il mattino successivo. Dopo questo intervento i nostri pazienti possono tornare a casa il giorno dopo l'intervento. Durante l'operazione, piccoli tubi chiamati scarichi non vengono inseriti nel corpo. I punti sono punti nascosti ed estetici e questi punti non devono essere rimossi dopo l'intervento chirurgico. In generale, i pazienti iniziano a guidare 1 settimana dopo l'operazione e possono tornare alla loro vita normale e lavorare 3 settimane dopo l'operazione.