Cause di ernia lombare e metodi di trattamento

Gli esperti del dipartimento di neurochirurgia del Memorial Hospital hanno fornito informazioni su "Cause e metodi di trattamento dell'ernia lombare".

1. Chi ha l'ernia lombare?

L'80% degli adulti lamenta dolore lombare almeno una volta nella vita. Sebbene l'ernia del disco sia comune nel gruppo degli adulti di età compresa tra i 30 ei 60 anni, può verificarsi a quasi tutte le età. Piuttosto che un gruppo in cui è particolarmente osservata l'ernia lombare, dovrebbero essere menzionati i fattori di rischio che possono portare all'ernia del disco.

2. Quali sono i fattori di rischio?

Obesità: Il sovrappeso è la causa più comune di ernia del disco. La nostra colonna vertebrale sostiene il peso del nostro corpo. I dischi, che garantiscono la flessibilità della colonna vertebrale e fungono da sorta di cuscino di sostegno, sono esposti a una pressione eccessiva, provocandone la deformazione e la deformazione. Il disco, che perde la sua forma normale e si gonfia verso l'esterno e diventa erniato, provoca diversi sintomi e segni influenzando le funzioni del nervo che preme. Lo spostamento in avanti del centro di gravità del corpo durante la gravidanza provoca un carico aggiuntivo sulla colonna vertebrale.

Inattività: Non è solo la nostra colonna vertebrale che porta il peso del nostro corpo. Anche la funzione di tutti i muscoli del collo, della schiena, della vita e degli addominali che si estendono lungo la colonna vertebrale è molto importante. Poiché i muscoli non sono abbastanza forti in situazioni come la vita sedentaria e non si esercita regolarmente, il peso corporeo che i muscoli devono portare pone anche un ulteriore carico sulla colonna vertebrale. Questo carico si sovrappone ai dischi, provocandone l'ernia.

Fumo: È stato riportato in molte pubblicazioni che il fumo aumenta la degenerazione del disco e rallenta la guarigione.

Non agire secondo la fisiologia spinale nella vita quotidiana: Nella nostra vita quotidiana, dovremmo agire in accordo con la fisiologia della colonna vertebrale in una serie di movimenti che facciamo senza esserne consapevoli, come sollevare, spingere e tirare oggetti. Quando si solleva un carico da terra, le ginocchia devono essere piegate e accovacciate e il carico deve essere rimosso successivamente. Bisogna fare attenzione quando si solleva il carico sulla spalla (come stendere la biancheria, posizionare un armadio), se c'è un'altezza, come una scala o una sedia, questi lavori dovrebbero essere fatti e non arrivare verso l'alto. Durante il lavoro quotidiano, specialmente alla scrivania, dovresti sederti in una posizione completamente eretta e la sedia dovrebbe essere selezionata per supportare l'incavo della vita. Nei casi in cui la sedia non è adatta, un cuscino aggiuntivo per sostenere l'incavo della vita farà lo stesso. Quando ci si alza dal letto, si dovrebbe evitare di alzarsi improvvisamente caricando un carico sulla vita. Prima dovrebbero girarsi su un fianco, poi i loro piedi dovrebbero pendere dal bordo del letto ed essere verificati con il sostegno dei gomiti.

Fattori legati alla professione: Professioni che richiedono attività fisica pesante e sollevamento di carichi pesanti. (Ad esempio: operai edili), occupazioni che richiedono una continua inclinazione in avanti, inclinazione e rotazione, occupazioni che sottopongono il corpo a vibrazioni continue come guida, autobus, camion, occupazioni che richiedono stare in piedi o seduti a lungo, persone che sono impegnate negli sport di calcio, sollevamento pesi, canottaggio e wrestling La frequenza della lombalgia e dell'ernia lombare è in aumento.

3. Come proteggersi dall'ernia lombare? Cosa sono le posizioni e i movimenti rischiosi?

Sollevare oggetti a terra senza piegare le ginocchia, spingere e tirare oggetti pesanti senza rompere le ginocchia, sollevare e raggiungere la spalla verso l'alto, lavorare a lungo su una scrivania senza supporto lombare, trasportare carichi pesanti sulla mano a lunghe distanze sono eventi invitanti per l'ernia lombare. Allo stesso modo, l'esercizio fisico regolare è estremamente utile per prevenire l'ernia lombare. Nonostante tutte le precauzioni, può svilupparsi un'ernia lombare. In questo caso, occorre prestare attenzione alle raccomandazioni di un neurochirurgo da consultare.

4. Ogni mal di schiena è un'ernia del disco? Ogni ernia del disco richiede un intervento chirurgico?

Solo il 3% della lombalgia è causato da ernie lombari che devono essere operate. Pertanto, in base alla visita del medico e ai risultati degli esami, il primo riposo a letto consigliato e l'uso di antidolorifici e miorilassanti. Nonostante queste precauzioni, se il dolore, l'intorpidimento alle gambe e la debolezza muscolare non scompaiono, la soluzione è un intervento chirurgico.

5.È giusto riposare a letto duro? In che posizione è opportuno sdraiarsi?

Un suggerimento che è diventato un tabù a riposo è il suggerimento di un materasso duro. Ciò che si intende per materasso duro è l'uso di materassi che non si deformano sdraiandosi su di essi e possono assumere la forma del corpo. Oggi, molte marche di materassi prodotti nel mercato commerciale soddisfano questa esigenza. Pertanto, non è necessario creare un pavimento particolarmente duro per il riposo. La posizione in cui il paziente è comodo è la migliore posizione sdraiata, soprattutto quando le ginocchia sono rotte, anche mettere un cuscino in mezzo riduce il dolore.

6. Quali sono i sintomi dell'ernia lombare?

Dolore che colpisce una o entrambe le gambe, intorpidimento ai piedi, limitazione del movimento, difficoltà a camminare e sedersi sono sintomi dell'ernia lombare. Se l'ernia progredisce, possono aggiungersi sintomi come impotenza, affaticamento, incontinenza e incapacità di camminare.

7.Come viene diagnosticata l'ernia lombare?

Con la risonanza magnetica (RM), uno dei metodi diagnostici moderni, la diagnosi di ernia lombare può essere fatta facilmente e se ne può determinare il grado. In alcuni casi è necessario anche l'EMG (test di misurazione dei nervi). Tuttavia, il gold standard nella diagnosi di ernia lombare; È l'esame clinico e l'esperienza di osservazione del medico.

8. Come viene trattata l'ernia lombare?

a) Fase iniziale: Il trattamento dell'ernia lombare dipende dal grado di ernia, cioè dal materiale elastico che chiamiamo disco, dalla pressione esercitata sui nervi che portano alla gamba. Se c'è solo dolore alla schiena e alle gambe, non c'è intorpidimento, perdita di forza, limitazione del movimento, l'ernia lombare è nella fase iniziale. In questo caso, si raccomanda di somministrare al paziente miorilassanti, riposo a letto ed evitare movimenti che forzeranno la vita. Le raccomandazioni al paziente sono le seguenti:

  • Il paziente non deve mai sollevare pesi che superano uno o due chili.
  • È vietato piegarsi in avanti e di lato, piegare la vita. Se qualcosa deve essere preso da terra, al paziente viene detto di accovacciarsi.
  • Si consiglia ai pazienti di mettere un cuscino dietro la vita in modo da eliminare il divario lombare da seduti e di non sedersi per più di venti minuti. Se il paziente ha bisogno di stare seduto a lungo a causa della sua professione, si consiglia di camminare ogni venti minuti.
  • Al paziente è vietato allungare la mano. Se riceve qualcosa dall'alto, gli viene detto di salire su una sedia o una scala e prenderla.
  • Si ricorda al paziente di tenere sempre la vita calda e di non stare davanti a una finestra aperta o alla ventilazione.
  • I pazienti con dolore lombare e alle gambe dovrebbero assolutamente evitare lo stress. Oltre ad aumentare il dolore, lo stress può anche portare alla progressione dell'ernia del disco.
  • Si raccomanda che il paziente riposi a letto durante la sua permanenza a casa. Contrariamente alla credenza popolare, i pavimenti molto duri hanno più danni. È più appropriato dormire in un materasso a molle di qualità e nella posizione in cui il paziente può essere più comodo.

b) Se l'ernia lombare progredisce: Se i reclami del paziente persistono nonostante le raccomandazioni di cui sopra, riposo e miorilassanti, può essere applicata la terapia fisica. La terapia fisica deve essere sotto la supervisione di uno specialista. Durante la terapia fisica il dolore può aumentare nei primi giorni, ma il paziente deve continuare il trattamento per tutto il tempo consigliato dal fisioterapista.Se il dolore del paziente non è scomparso nonostante tutti i trattamenti eseguiti, può essere applicato il metodo della nucleoplastica. La nucleoplastica si basa sul principio di entrare nell'ernia del disco con un ago sotto i raggi X e riscaldare il disco con onde a radiofrequenza, distruggendo i nervi del disco e facendo collassare l'ernia aprendo spazi vuoti nel disco. La nucleoplastica viene eseguita in un'unica seduta, in anestesia locale, in condizioni di sala operatoria ed è una metodica applicata senza necessità di ricovero. Non vi è alcun rischio, ma non vi è alcuna garanzia che sradichi completamente l'ernia e la percentuale di successo non è molto alta. La discectomia laser è un metodo simile alla nucleoplastica.

c) Situazioni che richiedono un intervento chirurgico: Se il dolore del paziente continua nonostante la terapia fisica, o se c'è una perdita irreversibile di forza, assottigliamento della gamba, incontinenza urinaria, dolore insopportabile o se un pezzo di disco viene rilevato su pellicole RM, la soluzione è l'intervento chirurgico. la pressione meccanica sui nervi provenienti dal midollo spinale deve essere rimossa chirurgicamente. Se l'intervento chirurgico non viene eseguito e la pressione sul nervo continua, il paziente può sviluppare problemi come incontinenza, perdita di potenza sessuale, debolezza ai piedi. Sfortunatamente, ci sono convinzioni tra il pubblico che se vengo operato, sarò disabile, non potrò alzarmi dal letto per molto tempo, devo indossare un corsetto, o la mia ernia si ripresenterà, sarò di nuovo operato. Ma grazie alla microchirurgia, tali paure non sono più necessarie.

9. Com'è il trattamento chirurgico?

Lo scopo della chirurgia dell'ernia del disco è pulire l'ernia del disco e rimuovere la pressione sul nervo.

Discectomia aperta: Di solito viene eseguita in anestesia generale. Viene eseguito con il paziente in posizione prona. L'applicazione si effettua tramite un'incisione di circa 3-5 cm praticata sulla cute al di sopra della zona erniaria. Il tessuto muscolare viene rimosso dalle ossa del disco interessato, utilizzando uno strumento chirurgico chiamato divaricatore per rimuovere il muscolo e la pelle dal sito chirurgico, in modo che il chirurgo possa vedere la colonna vertebrale e il disco. Per avere una prospettiva migliore, è possibile rimuovere ossa e legamenti in modo da fornire l'accesso al disco curvo e distorto senza danneggiare la radice del nervo. Il chirurgo elimina il disco e altre strutture circostanti, parti del disco che sporgono dalla parete del disco. Oggi non è un metodo altamente preferito.

Microdiscectomia: Questa procedura viene spesso eseguita con l'anestesia epidurale, una forma di anestesia regionale sotto la vita, o l'anestesia generale al microscopio operatorio a 20-40 ingrandimenti dell'area chirurgica. Viene praticata un'incisione più piccola (circa 1-1,5 cm), viene spogliato meno tessuto muscolare e viene fornita una migliore visione. Ciò fa sì che il periodo postoperatorio del paziente sia più confortevole e indolore. Eseguire un intervento chirurgico eliminando meno tessuto muscolare assicura meno spasmi muscolari postoperatori e dolore Il microscopio utilizzato in chirurgia riduce la possibilità di complicanze fornendo un riconoscimento dei tessuti più ampio, tridimensionale e molto dettagliato. Vene, nervi e disco sono visti molto più chiaramente, La possibilità di danneggiare i tessuti come vene e nervi è molto bassa, È più sicuro pulire il disco con effetto di compressione al microscopio.È considerato un metodo efficace.

Chirurgia endoscopica dell'ernia lombare: Si effettua entrando dalla linea mediana o di lato nella zona della vita. Nella procedura endoscopica, viene utilizzata un'incisione cutanea più piccola rispetto ad altri metodi. La chirurgia endoscopica dell'ernia lombare viene eseguita vedendo il campo operatorio sullo schermo con l'ausilio di un endoscopio da 4 mm inserito attraverso un'incisione di 1 cm nell'area dell'ernia del disco. Le operazioni possono essere eseguite in anestesia locale ed epidurale. Tuttavia, non è possibile operare ogni ernia con questo metodo.

I miti sull'ernia lombare possono essere paralizzati

Ogni giorno, migliaia di pazienti si rivolgono a medici con disturbi alla schiena o alle gambe che possono indicare un'ernia del disco. Sebbene tali reclami colpiscano comunemente la vita familiare e sociale delle persone in Turchia e nel mondo, a volte possono costringere il paziente a letto per settimane. Risultati di successo possono essere ottenuti quando la diagnosi corretta e il trattamento corretto vengono applicati ai pazienti giusti nel trattamento delle ernie lombari ricorrenti dovute alla sporgenza dei dischi tra le vertebre e alla compressione dei nervi e del midollo spinale in quest'area. Tuttavia, i casi di ernia lombare, che si riscontrano frequentemente tra il pubblico, portano con sé informazioni per sentito dire e possono essere fuorvianti. Informazioni errate ottenute senza consultare un medico possono causare danni permanenti al corpo.

"La chirurgia è l'ultima risorsa per l'ernia lombare o la calcificazione della colonna vertebrale".

No. Contrariamente alla credenza popolare, in alcuni casi la chirurgia può essere la prima opzione. La chirurgia può essere preferita, soprattutto se ci sono lamentele di dolore intenso prolungato, perdita di forza nei piedi e incontinenza urinaria.

"Gli interventi chirurgici di ernia lombare e artrite sono operazioni molto rischiose".

No. Con i nuovi metodi applicati oggi, il rapporto di rischio è stato ridotto a un livello molto basso. Nei metodi di microdiscectomia e microchirurgia, ovvero operazioni eseguite utilizzando un microscopio, la percentuale di successo è intorno al 95%.

"Il rischio di recidiva della malattia è alto dopo l'operazione".

No. Il tasso di recidiva della malattia scende al di sotto del 5% se viene seguito il periodo di riposo dopo l'intervento chirurgico, se viene effettuato un aggiustamento del peso, vengono forniti esercizi regolari e un corretto allenamento seduto e in piedi. L'ernia lombare è una malattia degenerativa della colonna vertebrale. Pertanto, indipendentemente dal metodo di trattamento, i fattori di rischio dovrebbero essere ridotti e la vita dovrebbe essere organizzata di conseguenza.

"Dopo l'intervento di ernia lombare, il paziente può continuare la sua vita lavorativa".

No.Dopo l'intervento di ernia lombare, se la persona adotta lo stile di vita che dovrebbe essere seguito durante il trattamento, può tornare a lavorare in circa 3-4 settimane e continuare questa attività per tutto il tempo che desidera.

"Gli interventi chirurgici di ernia lombare influenzano negativamente le funzioni sessuali".

No. Questi interventi chirurgici non hanno assolutamente effetti negativi sulle funzioni sessuali. Tuttavia, nei pazienti che sono in ritardo e hanno paralisi ai piedi, i problemi che esistono prima dell'operazione potrebbero non essere risolti in seguito.

"La terapia fisica e l'esercizio fisico possono eliminare completamente l'ernia lombare".

No. La terapia fisica e altri metodi non possono ripristinare il tessuto che ha perso la sua forma originale. Lo scopo di tali trattamenti è rafforzare i muscoli e le articolazioni e distribuire il carico corporeo.

"È possibile curare l'ernia lombare con il massaggio e tirando indietro."

No. Questi metodi sono metodi che possono essere utilizzati nella terapia fisica, ma dovrebbero essere applicati in modo diverso per ciascun paziente e sotto la supervisione di un medico. Tali tentativi di trattamento da parte di persone non qualificate all'esterno comportano un rischio elevato. Tali tentativi mal applicati possono persino provocare lesioni.

"I problemi alla colonna vertebrale sono associati alla persona sottopeso o sovrappeso".

No. Il peso è un fattore importante nelle malattie spinali. Tuttavia, l'ernia lombare e altre malattie della colonna vertebrale possono verificarsi anche in persone con struttura muscolare debole ma peso ridotto.