Il trapianto di rene è ora molto più semplice

Migliaia di persone muoiono ogni anno per insufficienza renale cronica. Il trapianto di organi è senza dubbio il trattamento più efficace per l'insufficienza renale cronica, che è un problema molto più grande del previsto. Gli esperti del dipartimento di urologia e trapianto di organi del Memorial Hospital, che è il secondo chirurgo ad applicare il trapianto di rene laparoscopico in Turchia, hanno fornito informazioni sull'insufficienza renale cronica e sul trapianto di rene eseguiti con metodo laparoscopico da donatore vivente.

Qual è l'incidenza dell'insufficienza renale cronica?

Il cancro più comune negli uomini è il cancro alla prostata. Negli Stati Uniti, nel 2004 a 232.000 persone è stato diagnosticato un cancro alla prostata e 30.000 persone sono morte a causa di questa malattia. Nello stesso anno, 96.000 persone sono state diagnosticate con insufficienza renale cronica e 43.000 persone sono morte a causa di questa malattia. In altre parole, il 43% in più di persone muore ogni anno per insufficienza renale cronica rispetto al cancro alla prostata. L'insufficienza renale cronica è una malattia mortale.

La dialisi è efficace nel trattamento dell'insufficienza renale cronica?

Sfortunatamente, nonostante tutti i progressi della medicina, i pazienti sottoposti a dialisi hanno un'aspettativa di vita media sotto questo trattamento. Molti pazienti muoiono ogni anno durante il trattamento dialitico. Pertanto, la dialisi non è un'opzione di trattamento definitiva. Non c'è alternativa al trapianto di rene. Al contrario, dovrebbe essere percepita come una terapia di transizione che consente ai pazienti di sopravvivere nel periodo fino al trapianto di rene.

Il trapianto di rene salva la vita

Come tutti sanno, il trapianto di rene salva i pazienti con insufficienza renale dal trattamento dialitico e aumenta la loro qualità di vita a un ritmo elevato. Ma più importante di questo è il fatto che un trapianto di rene riuscito salva vite umane. La sopravvivenza dei pazienti a 5 anni è del 73,3% nei pazienti sottoposti a trapianto di rene e del 33,6% nei pazienti in dialisi. Il trapianto di rene prolunga la vita di questi pazienti 2,5-3 volte. Il più grande ostacolo al trapianto di rene nel mondo e nel nostro paese è l'insufficienza d'organo. Negli Stati Uniti, più di 61.000 persone sono in lista d'attesa per i reni da cadavere e solo il 15% di questi pazienti sarà in grado di ricevere un trapianto di rene entro un anno. Il tempo medio di attesa dei reni in questo paese è di 4-5 anni. Nel nostro Paese, più di 40.000 persone sono in lista d'attesa per il rene da cadavere e il numero di trapianti di rene da cadavere effettuati ogni anno non supera i 150. Quindi non è nemmeno l'1%. Il tempo di attesa dei reni nel nostro paese è ben al di sopra delle medie mondiali. Mentre uno su 4 pazienti con insufficienza renale cronica può essere sottoposto a trapianto di rene nei paesi sviluppati, questo tasso è dell'11,7% nel nostro paese.

Il trapianto da un trasmettitore live ora è molto più semplice

Nonostante tutti gli sforzi compiuti in tutto il mondo, i trapianti di cadavere da persone con morte cerebrale hanno raggiunto un certo numero e non è possibile aumentare questo numero nel corso degli anni. Come soluzione all'insufficienza d'organo, è venuto in mente di aumentare i trapianti da donatori viventi. Sia i donatori che i riceventi vedono questa trasmissione con sospetto. Le persone che vogliono donare organi ai loro cari hanno paura di un intervento così importante. Anche i pazienti con insufficienza renale non vogliono che una persona cara rischi un intervento chirurgico così serio per loro. Per questo motivo negli USA si è iniziato ad applicare la "Nefrectomia laparoscopica da donatore", ovvero l'operazione di recupero del rene con metodo chiuso, al fine di rendere la chirurgia del donatore un'operazione più accettabile per i pazienti e i loro donatori e aumentare così i trapianti effettuati da donatori viventi. La chirurgia laparoscopica viene eseguita attraverso piccoli fori aperti nell'addome del paziente invece di un'incisione aperta praticata sul corpo del paziente. Attraverso uno di questi fori, una telecamera che consente al chirurgo di vedere la procedura eseguita e gli strumenti che consentono all'operatore di eseguire l'intervento vengono inseriti attraverso gli altri fori o fori. Questa tecnica si è diffusa in tutto il mondo negli ultimi 10 anni e molti interventi chirurgici precedentemente eseguiti apertamente sono stati avviati per essere applicati con metodo laparoscopico. L'operazione di nefrectomia da donatore laparoscopica è stata applicata negli Stati Uniti nel 1995 per la prima volta nel mondo e si è diffusa ed è diventata l'approccio terapeutico standard in tutto il mondo. Nel nostro Paese questa operazione può essere eseguita in cinque centri, compreso il nostro ospedale.

Il paziente può essere dimesso il giorno dopo l'intervento

La nefrectomia laparoscopica da donatore, ovvero un intervento di donazione di rene con metodo chiuso, viene eseguita attraverso due fori di 0,5-1 cm nell'addome del paziente e al termine dell'operazione, il rene viene rimosso attraverso un'incisione di 7 cm nella zona inguinale del paziente. Rispetto alla chirurgia a cielo aperto, i pazienti provano meno dolore dopo l'operazione, rimangono più brevi in ‚Äč‚Äčospedale, tornano alle loro vite normali e lavorano più velocemente. Inoltre, gli effetti collaterali indesiderati dovuti all'incisione praticata in chirurgia a cielo aperto sono ridotti al minimo con questa operazione. Effetti collaterali indesiderati come ernia nel sito dell'intervento, intorpidimento, infezione della ferita, accumulo di aria nei polmoni, che sono stati osservati in passato con il metodo a cielo aperto, sono osservati con tassi molto bassi in questa tecnica. I pazienti obesi, per i quali gli interventi chirurgici sono più rischiosi, traggono maggiori benefici da questo tipo di intervento chirurgico rispetto ad altri pazienti per motivi quali infezione della ferita postoperatoria, respirazione ed espirazione insufficienti a causa del dolore e capacità del paziente di alzarsi e camminare prima. Questa operazione, che viene eseguita attraverso due soli fori aperti sul corpo e una piccola incisione praticata per asportare il rene, fornisce risultati molto soddisfacenti dal punto di vista estetico rispetto alla chirurgia aperta. I donatori che hanno iniziato a camminare e bere acqua la sera dell'intervento possono consumare i pasti e fare la doccia il mattino successivo. Dopo questo intervento i nostri pazienti possono tornare a casa il giorno dopo l'intervento. Durante l'operazione, piccoli tubi chiamati scarichi non vengono inseriti nel corpo. I punti sono punti nascosti ed estetici e questi punti non devono essere rimossi dopo l'intervento chirurgico. In generale, i pazienti iniziano a guidare 1 settimana dopo l'operazione e possono tornare alla loro vita normale e lavorare 3 settimane dopo. Il fatto che la chirurgia della donazione di rene abbia cessato di essere un'operazione temuta in quanto ha contribuito a diffondere tali operazioni in tutto il mondo. Tant'è che c'è stato un aumento del 30% dei trapianti da donatori viventi a causa di questa operazione. In questo modo, i nostri pazienti che trapiantano i reni dai loro donatori godono di un trapianto di rene di successo.