Bevi acqua senza avere sete per la salute dei tuoi reni

Fattori genetici, alimentazione malsana, vita sedentaria e la quantità di liquidi assunti durante il giorno è inferiore al necessario, aprendo la strada alla formazione di calcoli nei reni. I calcoli renali, che sono più comuni negli uomini che nelle donne, possono compromettere le funzioni renali se non trattati. Memorial Kayseri Hospital Urology Department op. Dott. Do─čan Durmazer ha fornito informazioni sui calcoli renali e sui metodi di trattamento.

I fattori ambientali e la malnutrizione sono efficaci nella formazione di calcoli

Alcune sostanze chimiche nelle urine provocano la formazione di piccoli cristalli. Dopo che questi cristalli si sono formati, si combinano per formare calcoli renali. Il fattore genetico è efficace nella comparsa della maggior parte dei calcoli renali. La compromissione della permeabilità renale dovuta a ragioni genetiche facilita la formazione di calcoli. È stato stabilito che anche la vita sedentaria, i fattori ambientali e le abitudini alimentari sono efficaci nella formazione dei calcoli.

L'acqua previene la formazione di calcoli renali

La struttura genetica gioca un ruolo importante nella formazione dei calcoli renali. Inoltre, i calcoli renali sono più comuni negli uomini che nelle donne. Durante i mesi invernali in cui ci troviamo, la voglia di bere acqua e il consumo di liquidi diminuiscono a causa del freddo, e questa situazione, unita al fattore genetico, pone le basi per la formazione di calcoli. La dimensione della pietra nel rene, che si manifesta con il dolore, è importante. Se la pietra supera una certa dimensione e impedisce il flusso di urina nel canale renale, si verificherà idronefrosi (gonfiore nel rene) nel rene, che causerà dolore e, se richiede molto tempo, disfunzione renale.

Se la dimensione della pietra è superiore a 2 cm, viene utilizzato il metodo chirurgico.

Se il calcolo è piccolo e la persona può lasciarlo cadere, non è necessario un intervento chirurgico se non c'è un grave ingrossamento del rene. L'intervento chirurgico diventa inevitabile poiché non c'è possibilità di cadere se il calcolo nel rene è superiore a 2 cm o ostruisce il canale ureterale. Per rilevare i calcoli renali vengono utilizzati metodi di imaging come l'ecografia, la radiografia diretta e, se necessario, la tomografia senza contrasto. Se il calcolo si trova nel sistema uretere ed è di piccole dimensioni e non vi è alcun dolore intenso, ci si dovrebbe aspettare che questi calcoli cadano con antidolorifici e farmaci che dilatano l'uretere prima dell'intervento chirurgico.

Il metodo chirurgico deve essere determinato in base alla posizione della pietra.

La maggior parte dei calcoli renali ha un contenuto di ossalato di calcio. Il metodo di intervento chirurgico varia a seconda della posizione della pietra. Le pietre oltre 2-2,5 cm nel rene vengono rimosse dal corpo con il metodo chiamato PNL. Il calcolo nel rene si trova con l'ausilio di una telecamera attraverso il foro di 1 cm da aprire dal retro. Viene quindi rotto nel buco ed estratto dal corpo. I pazienti devono rimanere in ospedale per 3 giorni dopo l'intervento.

Le operazioni eseguite con il metodo chiuso sono estremamente confortevoli

Se il calcolo si trova all'interno del sistema uretere, il calcolo si raggiunge entrando dalle vie urinarie con il metodo denominato URS, cioè con chirurgia a cielo chiuso. La pietra, che viene raggiunta dalla vescica e da lì al sistema uretere con l'aiuto di un filo guida, viene rotta dal laser. A volte, i calcoli nel rene vengono intervenuti con il metodo URS flessibile invece del PNL. Con questo metodo, viene inserito attraverso l'uretra per raggiungere i reni e si possono scoppiare i calcoli renali. La degenza ospedaliera e il tempo di recupero sono ancora più brevi nelle operazioni eseguite con metodo chiuso.