Le false credenze impediscono la donazione di organi

Uno dei motivi più importanti per cui il trapianto e la donazione di organi in Turchia non raggiungono il livello desiderato sono le convinzioni comuni ma sbagliate nella società a causa della mancanza di informazioni. A causa di questi giudizi sbagliati, ci sono molte persone che vivono in dialisi da anni o che hanno perso la vita.

Gli esperti del Dipartimento del Centro Trapianti di Organi dell'Ospedale Memorial Şişli hanno fornito informazioni sugli errori nella donazione di organi.

"C'è un ritorno alla morte cerebrale?"

Morte cerebrale; Significa che la vita finisce e gli organi del corpo continuano a funzionare solo con l'aiuto delle macchine. Nonostante tutto il supporto, le funzioni degli organi possono essere continuate per un breve periodo. Questo periodo dovrebbe essere visto come un'opportunità per pensare alla donazione di organi. Quando la morte cerebrale viene diagnosticata da un team di specialisti in terapia intensiva, neurologi, cardiologi e neurochirurghi, ciò significa che il paziente non ha alcuna possibilità di tornare alla vita. Quando la morte cerebrale è confermata da quattro medici specialisti, la persona è considerata morta dal punto di vista medico e legale.

"Il trapianto di organi è un peccato"

Il trapianto di organi è un'operazione che consente alle persone malate di sopravvivere e migliorare la loro qualità di vita. La nostra religione, che comanda di aiutare le persone e considera sacra la vita umana, incoraggia anche la donazione di organi. È un problema spiegato da tutte le principali religioni così come dalla religione dell'Islam che il trapianto di organi è religiosamente appropriato. Oltre ad essere un peccato, salvare la vita delle persone è considerato una ricompensa.

"Sono tornato in vita con la donazione di organi, ma ora niente sarà più lo stesso".

La donazione di organi non riduce la qualità della vita della persona, anzi, aumenta. I pazienti con insufficienza d'organo cronica possono facilmente tornare alla loro vita lavorativa e sociale se vengono trapiantati invece di un processo di trattamento stanco per anni. Ad esempio, mentre i malati di reni si liberano della vita a causa della dialisi, i malati di fegato possono facilmente riguadagnare le loro vecchie vite evitando il rischio di morte. È possibile avere un bambino, fare sport e riprendere un ritmo di lavoro intenso..Lo scopo di questi interventi è di consentire ai pazienti di tornare alla loro normale vita sociale.

"L'integrità del cadavere dei nostri parenti di cui doniamo gli organi è interrotta"

La rimozione degli organi dal cadavere viene eseguita con la stessa cura di qualsiasi intervento chirurgico vivente. Dopo che gli organi sono stati rimossi, vengono cuciti con punti estetici, se possibile, e viene prestata grande attenzione per evitare danni al cadavere. Questi corpi sono sacri per i medici che conoscono molto bene il valore degli organi e ricevono il necessario rispetto.

"Una volta che ho donato i miei organi, non posso rinunciare a questa situazione".

Basta dire ai tuoi parenti che hai rinunciato alla donazione di organi. Perché quando verrà il giorno, quelli che valuteranno la tua donazione sono i tuoi parenti. Secondo la pratica odierna nel nostro paese, anche se hai una carta di donazione, i tuoi organi non possono essere prelevati a meno che i tuoi parenti non diano il permesso.

"Se dono il mio rene, possono prendermi il fegato dopo la morte."

Durante il colloquio per la donazione di organi, i parenti dell'incidente esprimono i loro desideri riguardo agli organi da donare o non vogliono essere donati. Quali organi donare dipendono interamente dal consenso della famiglia.

"Possono vendere gli organi che dono con i soldi"

Nessun beneficio finanziario può essere ricavato dalla donazione di organi. Quando gli organi di una persona vengono donati dopo la sua morte, entra in gioco un sistema di coordinamento. Secondo questo sistema, gli organi donati vengono notificati al Regional Coordination Center (BKM) del Ministero della Salute e da lì al National Coordination Center (UKM). La distribuzione degli organi ai centri è affidata al Centro Nazionale di Coordinamento.

"Ai bambini rapiti vengono rubati gli organi"

Non c'è un solo caso di rapimento di organi nel nostro Paese. Il numero di persone e di équipe da trapiantare è molto limitato. Questi interventi vengono eseguiti in ospedali completamente attrezzati e moderne sale operatorie. Un servizio di terapia intensiva di alto livello è essenziale dopo l'intervento chirurgico affinché il trapianto abbia successo. Dovrebbe esserci personale esperto che si occupi dei problemi che possono sorgere in qualsiasi momento dopo tali interventi chirurgici importanti. Per parlare di un intervento di trapianto di organi, circa 50 medici e personale ausiliario ben formati devono lavorare in armonia. Pertanto, questi interventi chirurgici non sono a un livello che può essere eseguito ovunque.