I cristalli dell'orecchio interno potrebbero causare vertigini

Quando muovi la testa, ti giri nell'altra direzione sul letto, ti pieghi per allacciarti le scarpe o ti stendi su uno scaffale, senti improvvisamente che il tuo ambiente inizia a ruotare, questo potrebbe indicare vertigini causate da un cristallo dell'orecchio interno. Memorial Ankara Hospital Dipartimento ORL, op. Dott. Ozan Gökdo─čan ha fornito informazioni sulle vertigini e sul suo trattamento.

I cristalli in movimento nell'orecchio provocano vertigini

"Benign Positional Paroxysmal Vertigo" (BPPV), noto come la dislocazione dei cristalli dell'orecchio interno, è un tipo di vertigini che inizia improvvisamente con la posizione della testa, dura per un breve periodo e dà la sensazione di travolgere il mondo intero. Si verifica quando i cristalli nel centro dell'equilibrio nell'orecchio interno cadono nei canali semicircolari posteriori. Circa il 20% dei pazienti che si rivolgono al medico con la denuncia di vertigini sperimentano questo problema. Il capogiro posizionale ha origine dall'orecchio interno ed è definito dalla percezione di vertigini anormali, soprattutto in determinate posizioni. La posizione che fa scattare questa condizione può spesso causare movimenti oculari improvvisi chiamati "nistagmo". La caratteristica di questo movimento oculare varia a seconda della parte interessata dell'orecchio interno e aiuta nella diagnosi.

Nella formazione della malattia, la rottura di parti delle strutture responsabili del mantenimento dell'equilibrio nell'orecchio interno provoca il deterioramento dell'equilibrio dei fluidi in questa regione. Non è ancora chiaro nella maggior parte dei casi perché queste parti si rompono. Trauma, malattia di Meniere, disturbi dell'orecchio come l'otosclerosi, malattie del sistema nervoso centrale e tumori dell'orecchio interno possono causare questa condizione.

Può svegliarsi di notte

L'esordio della malattia è improvviso e spesso è innescato dal movimento della testa. A volte può persino svegliarsi dal sonno. Spesso i reclami durano 20-30 secondi e tornano alla normalità in pochi minuti. Questo disturbo a volte dura per giorni o settimane, raramente può estendersi per mesi o anni. In alcuni casi, può ripresentarsi periodicamente. In alcuni casi gravi, anche un leggero movimento della testa può causare vertigini molto gravi. A differenza di altri capogiri, il paziente ha pochi o nessun reclamo tra gli attacchi di vertigini.

Può essere diagnosticato con un test pratico

Le vertigini causate dai cristalli dell'orecchio interno vengono solitamente rilevate dall'esame. Alcuni test di posizione vengono utilizzati nella diagnosi. Viene applicata la manovra Dix-Hallpike. In questo test, il paziente viene portato in posizione sdraiata mentre è seduto e viene data una certa posizione alla testa. Dopo aver atteso 20-30 secondi, il paziente viene posto in posizione seduta. Se non si osservano i tipici movimenti oculari, il test viene ripetuto per l'altro lato. L'osservazione del tipico movimento oculare in questo test è importante per la diagnosi. Poiché la diagnosi può essere fatta facilmente con le manovre, spesso non è necessario un test aggiuntivo. Tuttavia, è possibile eseguire alcuni test per distinguere questa condizione da altre malattie dell'orecchio interno.

La diagnosi e il trattamento possono essere eseguiti contemporaneamente

Le manovre di riposizionamento sono spesso la prima scelta di trattamento a causa del loro alto tasso di successo e dei bassi rischi. Esistono diversi tipi di queste manovre e il tipo di manovra correttiva è preferito in base alla patologia dell'orecchio interno considerata al momento della diagnosi. La terapia farmacologica generalmente non è preferita perché non risolve e maschera il problema sottostante. Inoltre, i pazienti devono stare lontani dal lavoro che richiede attenzione a causa delle vertigini e degli effetti che inducono il sonno dei farmaci. Invece di rimanere sdraiati per 24-48 ore dopo le manovre di riposizionamento, dovrebbero sdraiarsi a testa alta, sostenuti da uno o più cuscini. Si raccomanda di evitare movimenti bruschi della testa durante la prima settimana. Queste manovre vengono solitamente ripetute più volte con intervalli di una settimana. I programmi di esercizi a casa vengono generalmente avviati dopo la 2a manovra. I risultati positivi si ottengono spesso nei pazienti entro 6 settimane.

In alcuni casi vengono utilizzati anche metodi chirurgici.

Nel 3-15% dei pazienti non c'è risposta al trattamento. In questo caso si consiglia di ripetere le manovre di riposizionamento. In questi casi, la diagnosi dovrebbe essere rivista. In alcuni casi, può essere necessario un trattamento chirurgico. L'intervento chirurgico è preferito non nella prima fase, ma nei casi che non rispondono a causa dei suoi elevati effetti collaterali e viene applicato con alte percentuali di successo.

Cose da fare in caso di attacco di vertigini

  • Sdraiati immediatamente a terra e solleva leggermente la testa. Prendi delle misure per prevenire le cadute.
  • Bevi molti liquidi.
  • Non guidare negli attacchi di vertigini. Lavorare in luoghi alti o macchinari pesanti può causare lesioni.
  • Evita movimenti improvvisi del collo e della testa.